Passa ai contenuti principali

Post

Cento milioni di detriti rimasti nell'orbita terrestre...

Esperti dell''Agenzia Spaziale Europea (ESA) ritengono che siano più di 75.000 i frammenti più grandi di un centimetro che orbitano attorno alla Terra e si prevede una reazione a cascata, in cui i frammenti possono entrare in collisione lanciando e sbattendo i frammenti contro altri oggetti che creano ulteriori detriti.  

Si stima che, dal lancio del primo satellite sovietico Sputnik1 nel 1957, siano 100 milioni i  frammenti rimasti in orbita.

L'Agenzia spaziale giapponese Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)   aveva cercato di togliere l'enorme spazzatura spaziale fuori dall'orbita terrestre, ma purtroppo nel 2017 l'atteso collettore spaziale ha incontrato delle difficoltà.

Immagine: www.vice.com
Post recenti

Crisi Corea del nord Stati Uniti: un test nucleare potrebbe determinare il punto di non ritorno...

Proprio oggi 25 aprile, in Italia festa della Liberazione dal nazismo di 72 anni fa, il mondo ha bisogno di più sicurezza per stabilizzarsi poi con la Pace.

Di certo l'uomo non ha fatto granchè per mantenere una pace duratura. Ma come c'è il bianco e il nero, il pari e dispari, l'alto e il basso, il coraggioso e il vigliacco, l'azione e la reazione c'è pure la pace e la guerra e la storia contemporanea si sta avvicinando ad una inevitabile resa dei conti, semprechè... !

Esiste qualcuno oggi in grado di arrestare gli avvenimenti che si sono messi in moto ?

Perchè i potenti "amici" della Corea del Nord Russia e Cina non sono in grado di fermare le ambizioni di Pyongyang e le sue continue provocazioni?  Per non farsi mancare niente pare che la Corea del Nord abbia arrestato un terzo cittadino americano.

La Corea del Nord pare abbia creato lo scenario ideale per compiere il suo più grande test atomico per festeggiare l'85 ° anniversario della fondazione …

Perchè preservare le piante medicinali dei Yawanawa

Dopo la pubblicazione dell'enciclopedia  della tribù amazzonica dei Matses, composta di 500 pagine piene zeppe di dettagli di ogni pianta usata dalla medicina tradizionale, realizzata per non disperdere le antiche ricette, adesso è la volta degli Yawanawa, una tribù di 1.250 persone che vivono nel cuore dell'Amazzonia brasiliana, che caparbiamente, non senza sforzi, vogliono impedire che le loro tradizioni scompaiano con l'ultima generazione di maestri di piante medicinali.

La tribù dei Yawanawa, abituata a vivere nella foresta amazzonica in mezzo a pericoli d'ogni genere tra serpenti velenosi, altri rettili, pesci, insetti e mammiferi per generazioni ha combattuto con successo i morsi mortali dei serpenti con piante medicinali. Tuttavia i componente della tribù non hanno mai considerato i serpenti come motivo di allarme - neanche quelli con tra le zanne un potente punzone. La comunità, infatti, non ha mai visto una sola morte da morso serpente velenoso nella sua st…

Siamo forse alla viglia della Prima guerra termonucleare ?

Per festeggiare il compleanno del suo fondatore la Corea del Nord mostra i nuovi missili, tecnologicamente avanzati, in una grande parata militare, in uno spettacolo di sfida di forza di fronte al mondo. Ma troverà davanti a se un Donald Trump determinato, che in Siria ha fatto vedere di cosa è capace.

La televisione statale nord coreana ha mostrato  Kim Jong Un, in abito nero e camicia bianca, uscire da una limousine e salutare la guardia d'onore prima di camminare su un tappeto rosso. Poi ha raggiunto un podio, applaudito da tutti i funzionari governativi di alto livello, con di fronte migliaia di soldati e civili che hanno partecipato alla sfilata a Kim Il Sung Square. nel centro di Pyongyang, la capitale.

Si ha la sensazione che l'evento clou delle celebrazioni in atto in Corea del Nord per le celebrazioni del nonno di  Kim Jong Un, padre fondatore del Paese, consista nel lancio del sesto e probabilmente ultimo test missilistico nucleare.   

La televisione statale ha fa…

Il gasdotto sottomarino più lungo e più profondo al mondo

Con il sostegno dell'Unione Europea, i paesi del sud avranno a disposizione la fornitura di gas attraverso un nuovo gasdotto per rafforzare la cooperazione e aumentare la fornitura.

Italia, Israele, Grecia e Cipro si sono impegnati ad andare avanti col progetto che porterebbe il gas dal Mediterraneo orientale verso l'Europa meridionale.

Se eseguito come previsto, il lungo discusso gasdotto da 6,2 miliardi di dollari  (€5,8 miliardi)  potrebbe trasportare il gas dalle recenti scoperte offshore di riserve di gas d'Israele e di Cipro verso l'Europa, contribuendo a ridurre la dipendenza del continente dall'energia russa in un momento teso e confuso.

In una conferenza stampa congiunta a Tel Aviv, i ministri dell'energia delle quattro nazioni e il commissario dell'UE per il clima e l'energia Miguel Arias Canete, hanno assicurato il loro impegno nel progetto.
Una fornitura di gas affidabile e conveniente è una "sfida cruciale" per l'Italia che r…

Donald Trump, il demolitore di abusi commerciali

"Adda venì baffone" si diceva minacciosamente fino a qualche tempo fa a mo' di agurio da parte dei lavoratori che in Russia erano la maggioranza, intendendo per baffone Stalin come il castigamatti, che li difendeva dal padronato invadente.

Adesso potremmo dire, che so' "E' venuto o' roscio giallo" intendendo per roscio giallo il bizzarro colore dei capelli del 45° presidente degli Stati Uniti d'America.

Da quando è al comando dell'impero americano il nuovo presidente non le manda certo a dire, inimicandosi coloro che si sono sentiti sempre al sicuro sotto l'ombrello statunitense.

Ora, dopo il ripristino del lavoro in miniera, è il turno del protezionismo sulle merci, che secondo il suo slogan " Make America Great Again " è un bene per gli Stati Uniti.

Donald Trump ha firmato due ordini esecutivi relativi al commercio: uno per affrontare i produttori stranieri che scaricano prodotti a basso costo negli Stati Uniti, e un altro pe…

La prima nave gassiera al mondo è giunta in un porto artico

La prima nave gassiera al mondo è giunta in un porto artico. E' il Christophe de Margerie (Arc7) che trasporta 172,6 mila metri cubi di gas naturale liquefatto (GNL) ed ha completato il suo viaggio fino a Sabetta port (Yamal-Nenets Autonomous District) attraverso la rotta del Mare del Nord nel quadro delle prove in mare. La dogana ha approvato le procedure doganali e la cisterna sarà collocata all'ormeggio tecnologico destinato al carico di navi con GNL.

Il Christophe de Margerie nell'ambito del progetto strategico per l'energia russo Yamal LNG,  è il primo di 15 navi gassiere che può funzionare a temperature fino a meno 52 gradi Celsius e può passare attraverso il ghiaccio di spessore fino a 2,1 metri.

Per l'evento di assoluto richiamo, è attesa la partecipazione del leader russo Putin, che parteciperà in videoconferenza con Sabetta port.

La Yamal LNG Company sta costruendo un impianto per la produzione di gas naturale liquefatto con la capacità annuale di 16,5 …