Post

Perù: il nuovo parco nazionale

Immagine
Perù - A partire da ieri, 868.927 ettari di foresta in Perù saranno protetti attraverso la creazione del Yaguas National Park, che comprende un ecosistema mega-diversificato che, fino a questa settimana, è stato protetto come "area riservata".

L'ordine che ha confermato questa dichiarazione è stata firmata dal ministro dell'ambiente e del Presidente della Repubblica in una riunione del Consiglio del Ministero all'inizio di questa settimana.


Lo Yaguas National Park si trova nella regione di Loreto, nel nord del Perù, e copre oltre 868.000 ettari di foresta pluviale amazzonica - circa le dimensioni del Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti.

Il nuovo parco nazionale del Perù ospita oltre 3.000 specie di piante, 500 specie di uccelli e 160 specie di mammiferi. Contiene circa 550 specie di pesci, che rappresentano i due terzi della diversità del pesce d'acqua dolce del Perù, più di qualsiasi altro posto nel paese e uno dei più ricchi raduni di pesci d&#…

Elementi delle "terre rare": la mossa americana

Immagine
Il presidente Trump, alfine di assicurarsi la sicurezza nazionale a lungo termine dell'America ha compiuto un passo importante firmando un ordine esecutivo  per migliorare l'accesso ai metalli e ai minerali americani. L'ordine modifica sostanzialmente la politica statunitense nei confronti dei minerali critici e assicurerà agli Stati Uniti l'accesso a questi materiali per l'uso in tutti i principali sistemi di difesa...  offrendo tali opportunità ai nuovi minatori, ma gli ostacoli con le autorizzazioni devono ancora essere superati.

In sostanza, in un ordine esecutivo firmato il 20 dicembre 2017  il Presidente degli Stati Uniti ha chiesto la fine della dipendenza del paese da fonti straniere di minerali critici, compresi materiali per batterie e terre rare, dando così una grande opportunità ai giovani esperti del settore minerario che, per conto della nazione, dovrebbero aumentare gli sforzi per identificare e sfruttare le risorse interne di minerali critici. Tutt…

2018: la Ue e i diamanti

Immagine
Da ieri primo gennaio 2018 la Ue, sotto la guida dell'alto rappresentante Federica Mogherini, ha la Presidenza del  cosidetto processo Kimberley, la cui la cui missione si prefigge di controllare il commercio dei diamanti insaguinati provenienti dai conflitti impedendo di entrare nel mercato dei diamanti grezzi.

La Unione europea guiderà questa iniziativa internazionale per arginare il commercio di diamanti dai conflitti nel 2018.


Il protocollo Kimberly, lanciato nel 2002 nella città sudafricana di Kimberley, é un importante documento ratificato nel 2002 da una coalizione di governi, dalla società civile e dall'industria dei diamanti in risposta al ruolo dei diamanti nel finanziare alcune delle guerre civili più devastanti d'Africa.

Federica Mogherini ha commentato che "fa parte del nostro lavoro per i diritti umani - assicurarsi che i diamanti producano ricchezza, non moderna schiavitù. Le risorse naturali appartengono alla comunità non alle milizie ".

Il …

L'altra plastica assassina che si nasconde nei nostri oceani

Immagine
Sappiamo di più sulla Luna e sulla superficie di Marte che non sulle profondità dei nostri mari che abbiamo, ahimé, trascurato. Ebbene, per la salute degli oceani i rifiuti di plastica sono diventati la più grande minaccia. Siamo giunti ad un livello davvero critico.

Colossali numeri di bottiglie e sacchetti di plastica fluttuano intorno alla terra, ma c'è un altro, meno noto, conosciuto come "ghost gear" (attrezzo fantasma),un killer di plastica creato dall'uomo che si annida nei nostri oceani.

Secondo le stime della World Animal Protection, ogni anno più di 100.000 balene, delfini, foche e tartarughe marine sono vittime di questi "ghost gear" (reti da pesca abbandonate, perse e gettate via, linee e trappole che possono impiegare fino a 600 anni per decomporsi) e alla fine vanno incontro ad una morte dolorosa. Gli attrezzi da pesca sono progettati per catturare e uccidere ed è la forma più dannosa di detriti marini per gli animali. È straziante sapere che…

Energia corporea per soddisfare un bene di tipo digitale...

Immagine
La notizia curiosa di questo Natale ha che fare con l'estrazione di energia dagli umani.

È davvero possibile sfruttare l'energia del corpo umano per alimentare impianti di estrazione di criptovalute?

Una criptovaluta è un bene di tipo digitale che viene utilizzato come modalità di scambio attraverso la crittografia per rendere sicure le transazioni e controllare la creazione di nuova valuta

Una società tecnologica con sede nei Paesi Bassi, Speculative.Capital ha aperto la strada a un progetto che esplora la possibilità di sfruttare l'energia da soggetti umani oziosi.

Per fare ciò, l'azienda ha creato tute per il corpo che trasformano il calore corporeo in energia elettrica da soggetti umani per alimentare i computer che estraggono la criptovaluta.  Secondo il loro sito web, 37 persone sono state coinvolte nel progetto.

Il concetto è piuttosto semplice, un soggetto si sdraia per alcune ore mentre la tuta del corpo sfrutta l'energia del calore corporeo.La tecnol…

Ritrovato il primo sottomarino perso nella prima guerra mondiale

Immagine
Dopo una ricerca durata 103 anni, finalmente alla tredicesima missione è statotrovato nelle acque al largo delle isole del Duke of York in Papua Nuova Guinea, il relitto del primo sottomarino alleato perso nella prima guerra mondiale, scomparso il 14 settembre 1914 - circa sei settimane dopo lo scoppio della guerra. A bordo aveva 35 persone tra australiani, neozelandesi e britannici...

Non ci fu una chiamata di soccorso ma la sua comunicazione finale mise il sottomarino nell'area in cui é stato trovato. Gli stessi isolani avevano riferito che appariva un "mostro" che scompariva sotto l'acqua...

Nell'immagine i pesci nuotano intorno al timone del sottomarino australiano HMAS AE1 al largo dell'isola Papua Nuova Guinea della Nuova Britannia.

Oltre il 2000: sta ritornando la schiavitù?

Immagine
In questi giorni che precedono il Natale, le notizie che dominano le reti televisive globali sono il ritorno della schiavitù in Libia.

Circa 300 migranti sono stati salvati nel fine settimana e sono arrivati nel porto italiano di Pozzallo dopo essere stati prelevati da piccoli gommoni al largo della costa libica. I medici che lavorano a bordo della nave SOS Mediterranee Aquarius hanno detto che molti migranti hanno raccontato, prima del loro passaggio in Italia, storie di violenze e torture da parte dei negrieri che approfittano di questa massiccia emigrazione, in particolare verso l'Italia, per rimpinguare le loro tasche.

Il migrante nigeriano Nwankwo Johnson ha dichiarato di essere stato venduto più volte a bande armate in Libia e trattato come un animale prima che venisse imbarcato su un gommone che è stata soccorso e salvato da un'organizzazione umanitaria.

Le coste occidentali della Libia sono il principale punto di partenza per i migranti provenienti principalmente dai …