Ohio: gas sotto il cimitero. Che si fa? Si trivella, ovviamente!

Che cosa non si fa per il dio denaro?

Adesso, c'è chi pensa di trivellare il vecchio cimitero di Lowellville nell'Ohio orientale per estrarre antiche formazioni di scisti, che presentano lucrativi quantitativi di gas naturale.

Il cimitero di 35 acri è posizionato su un terreno collinare con un paesaggio boscoso che fornisce un ambiente sereno.al cimitero di Lowellville è stata fondato nel 1890.

Se trivellare il gas andrebbe a turbare la quiete dei cimiteri - compresi i luoghi di riposo dei veterani di guerra del Colorado e Mississippi - andrebbe a toccare anche parchi, campi gioco, chiese e cortili residenziali.

Gli oppositori dicono che i cimiteri sono un terreno sacro che non deve essere macchiato da attività di perforazione e si preoccupano del lavoro rumoroso, puzzolente e sgradevole. I difensori dicono che la perforazione è così profonda che non disturba il cimitero e può generare entrate per migliorare le strade e i giardini.

Secondo alcuni, visto i progressi nel campo delle trivellazioni, é possibile raggiungere i depositi di petrolio e di gas con impianti di perforazione orizzontale posti a svariati chilometri di distanza. La tecnologia ha permesso enormi nuovi giacimenti energetici scisti disponibili nel nord-est del Texas e altrove.

Intanto, negli ultimi tre anni, John Stephenson, presidente del Texas Cemeteries Association ha locato 
i diritti minerari in due cimiteri. Entrambi i luoghi di riposo eterno hanno circa un secolo di vita e contengono oltre 75.000 tombe. Le entrate provenienti dai contratti di locazione - non ha voluto dire quanto - gli ha permesso di pavimentare strade, riparare recinzioni ed effettuare altri miglioramenti economici in tempi duri.

Anche la Catholic Cemeteries Association in Pittsburgh vede vantaggi nel leasing dei diritti minerari in 11 dei suoi cimiteri comprendenti più di 1.200 ettari. La locazione quinquennale, firmato nel 2008, è venuta alla luce attraverso alcune notizie solo nel 2010.

Insomma, la questione è aperta.

Una cosa: gli esseri umani che si battono per i soldi sono niente di più degli animali che lottano per il cibo e il territorio. 


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Granny, l'orca secolare e suoi 100 giri del mondo

C'era una volta il Polo Nord

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Il riscaldamento globale nell'immaginario collettivo

Land grabbing senza pietà tra le tribù indigene del Borneo