Oro, coltan e potere nell'attuale crisi in Congo

Nell'attuale guerra in Congo non esistono eroi o patrioti con la stampella in mano ma esistono solo mercenari che mirano indiscutibilmente alle ricche risorse intorno alla regione dei Grandi Laghi  (ICGLR), che comprende il Congo, il Ruanda ed è presieduto dall'Uganda.

Per affrontare la ribellione in Congo capitanata dal ricco generale Bosco Ntaganda, a capo dei ribelli del Congolese Revolution Army (CRA), meglio conosciuto con l'acronimo di M23 che prende il nome dall'accordo di pace del 23 marzo 2009, che pose fine alla precedente rivolta nel 2009, accordo che per i ribelli il governo del Presidente Kabila ha violato, Congo, Rwanda e i loro vicini dei Grandi Laghi hanno concordato nel mese di luglio un piano che ha sollevato le tensioni nella regione e migliaia di civili sfollati.

I combattenti ribelli, per lo più provenienti dal gruppo di minoranza etnica Tutsi, accusano il presidente Kabila di non concedere loro posti nell'esercito, in linea con l'accordo di pace. Così, dopo aver occupato la città di Goma, sulla  frontiera orientale del vasto Paese, Bosco Ntaganda rivolto ad una folla nello stadio di calcio, ha detto che lui e i suoi uomini sono pronti a rovesciare il presidente Joseph Kabila, marciando sulla capitale Kinshasa.

Sembra che il generale Ntaganda quando era nell'esercito congolese, abbia utilizzato una rete commerciale illegale sui minerali , facendo milioni di dollari ogni anno nelle miniere comprese Rubaya a Masisi. Non è tanto sorprendente, che i suoi uomini in questo momento stanno cercando di ottenere il controllo della miniera stessa come parte del loro attuale offensiva.

La Corte penale internazionale dell'Aia lo ha incriminato con l'accusa di reclutamento di bambini soldati nel 2006.

La ribellione attuale riflette anche locali tensioni etniche, intrecciate con il desiderio del Rwanda di avere più influenza in una regione confinante ricca di minerali.

I nuovi combattimenti hanno aggravato le tensioni tra la Repubblica Democratica del Congo e il Rwanda, su cui il governo congolese punta l'indice accusandolo di orchestrare la rivolta come un mezzo per afferrare le risorse, tra cui diamanti, oro e coltan, un minerale dei metalli rari di cui il Congo ne possiede più di chiunque altro nel mondo, molto utilizzato in elettronica e high- tech. Senza il coltan, che è industrialmente viene poi  trasformato in un composto noto come tantalio e trasformato in un chip elettronico, non esisterebbe il moderno gadget nostrano comprensivo di  personal computer o telefoni cellulari che funzionano solo con questo ingrediente cruciale.

Attraverso il Congo, si trovano altri beni di valore, tra cui alcune delle migliori qualità d'oro del pianeta. Ed è proprio l'estrazione legale e illegale di oro ad alimentare i signori della guerra e i combattenti, così come a riempire le tasche di tante società nel mercato globale commerciale. Secondo un rapporto pubblicato la settimana scorsa, l'oro è oggi la principale fonte di reddito per i gruppi armati nel Congo orientale e finisce dritto dritto nei negozi di gioielli in tutto il mondo.

Immagini: marissakozak.wordpress.combiyokulule.com