Acqua: l'arma letale del prossimo ventennio


La crisi idrica globale è una minaccia reale e immediata per tutti noi, e migliorare il modo in cui gestiamo le nostre risorse idriche sarà sempre più arduo nel corso del tempo a causa delle pressioni combinate di rapida crescita della popolazione, l'aumento della domanda, e l'incertezza inerente ai cambiamenti climatici .

Attualmente, ci sono oltre 780 milioni di persone in tutto il mondo che non hanno accesso all'acqua potabile e altri 2,5 miliardi senza servizi igienico-sanitari. Queste due letali privazioni lasciano 3.400.000 morti l'anno. Entro il 2030, la domanda mondiale supererà la domanda di acqua del 40%.

Parte di questo è dovuto alla crescente domanda di risorse limitate. Entro il 2030, ci sarà bisogno di acqua sufficiente a sostenere un ulteriore miliardo di persone, e la domanda scottante è: dove sarà questa acqua?

Gli approvvigionamenti globali di acqua dolce che sono prontamente disponibili sono già in declino e la maggior parte delle strutture di governance non sono in grado di gestire adeguatamente forniture a lungo termine.

Il problema è grosso, molto grosso. C'è il rischio che questo prezioso elemento liquido che ci tiene in vita possa diventare l'arma letale del prossimo ventennio.

Sta quindi a ciascuno di noi fare del proprio meglio affinché ciò non avvenga cominciando col fare un uso sostenibile dell'acqua e stare addosso ai governi affinché si strutturino in maniera più efficiente cominciando clo sistemare le tubazioni e attuando politiche eque e giuste.

Oggi forse questa necessità non viene ancora avvertita perchè quando apriamo i rubinetti l'acqua scorre fresca e potabile come sempre... ma domani, e non un domani così lontano, cosa succederà quando per giorni non vedremo uscire più acqua dai nostri rubinetti?

Meditate gente, meditate e azionatevi sin d'ora a fare la vostra parte. Ne vanno di mezzo oltre che i nostri adorati figli altre centinaia di milioni di persone che nell'acqua potabile vedono solo un miraggio.

Articoli da leggere: www.geopoliticalmonitor.com/ - www.examiner.com

Immagine: www.examiner.com