La tratta degli schiavi cristiani nel deserto del Sinai


La schiavitù non è solo per donne e bambini. La schiavitù è anche per i cristiani. In tutto il Medio Oriente, sta crescendo un fiorente traffico di esseri umani a discapito di cristiani che vengono rapiti, torturati e venduti come schiavi dai musulmani.

Una storia venuta alla luce per merito di CBN News racconta le vicissitudini di un uomo cristiano rapito e torturato solo perché era cristiano. Alcuni sono torturati per placare i piaceri sadici dei loro rapitori, o persone che pagano per la possibilità di torturare un cristiano. Altri sono venduti come schiavi.

Il commercio è fiorente, in particolare nel Nord Africa, dove le tribù beduine stanno facendo affari d'oro.

Il cuore di questo traffico è nel deserto del Sinai, dove le tribù beduine attraversano il deserto incontrastate e indisturbate come fanno da millenni. Eppure, spesso si trascinano dietro individui rapiti da altri paesi del Nord Africa, selezionati perché sono cristiani. Queste persone molto spesso vengono torturate.

Una vittima delle torture, identificato solo come "Phillip" ha detto a CBN che è stato legato per le mani  e lasciato in sospeso per tre giorni. "A quel tempo avevo perso la sensazione di entrambe le mani. Era una conseguenza delle torture accumulate, ma soprattutto perché entrambi i polsi erano legati così stretti, e sono rimasto appeso al soffitto per tre giorni, di conseguenza il sangue è stato tagliato fuori dalle mie mani e la carne ha iniziato a gocciolare. "In alcuni casi, io e tanti altri sventurati come me siamo stati torturati semplicemente perché siamo cristiani", ha aggiunto.

Negli ultimi due anni, gli osservatori dei diritti umani hanno segnalato un aumento del numero di persone vittime di tratta attraverso la regione. La maggior parte dei sequestri sono stati effettuati a scopo di riscatto, ma mentre le vittime aspettano che vadano a buon fine le trattative, si è torurati lo stesso magari appesi al soffitto, o con scosse elettriche, o costretti a stare rinchiusi dentro fusti usati per il petrolio sotto un sole cocente che ti ustiona completamente.

Le spese di riscatto, secondo gli osservatori dei diritti umani, possono variare dai 40.000 ai 60.000 dollari. Troppo per molte famiglie già povere che non potranno mai pagare. Tuttavia, le famiglie a volte liquidano tutto ciò che possiedono per salvare una persona cara.

Per alcuni musulmani, il rapimento, la tortura e la schiavitù dei cristiani è del tutto accettabile. Molte vittime, come Phillip, vengono rapiti dall'Eritrea che è uno stato a maggioranza cristiana.

Ma non solo cristiani. Sono decine i racconti dei migranti che parlano di violenza, abusi. Secondo le testimonianze, i contrabbandieri sottopongono i migranti a violenze inaudite, stupri, scosse elettriche e ustioni derivanti dal fatto che sono rinchiusi in soffocanti containers con sbarre di ferro senza cibo e acqua.

Rivela una donna eritrea identificata solo come HA: "Cinque o sei uomini mi hanno violentata più volte, non so quante volte. Mi hanno anche picchiato molte volte. Mi sembrava di morire".

Di tanto in tanto, alcune di queste vittime sfuggono e raccontano la loro storia, o le loro famiglie in realtà riescono a pagare il riscatto e vengono rilasciate. Ciò che ora sappiamo dalle loro esperienze è che questa è una grande operazione, del valore di milioni di dollari ogni anno, e che coinvolge migliaia di vittime ogni anno.

Continua su www.catholic.org/

Immagine: edition.cnn.com