La sfrenata vita moderna ci porta a consumare...

La vita moderna ci porta a consumare abbondanti risorse, che non sono solo quelle in campo alimentare, da sempre sfruttate per soddisfare le esigenze di cibo della popolazione mondiale. Bensì, altre risorse, che sono proprio l'emblema della vita attuale e che soddisfano in massima parte, più che le nostre esigenze di cibo, la nostra vanità.
L'utilizzo sfrenato di alcuni minerali per fini tecnologici ci porterà ben presto a dover considerare, che so il neodimio o il lantanio alla stregua del leggendario oricalco, metallo rossastro più prezioso dopo l'oro, del quale 2500 anni fa ne parlò il filosofo Platone, nel parlare d'Atlantide nel dialogo "Crizia".

I minerali più in voga del momento (le terre rare - REE) vengono utilizzati per fare le componenti della vita moderna: telefoni cellulari, computer, pannelli solari, anche in acciaio. Quindi, fintanto che i consumi e la crescita economica rimangono pilastri fondamentali della globalizzazione, e diventando sempre più scarse gli approvvigionamenti di detti minerali in superficie, si è reso necessario affidarsi all'estrazione dai fondali marini.


Sotto il fondo dell'oceano ci sono grandi quantità di giacimenti di petrolio e gas, ma anche ricchi depositi di minerali , che vanno da metalli preziosi all'uranio e enormi depositi di rame, zinco , ferro , zolfo e di più . E dove ci sono immensi giacimenti minerari , c'è anche un immenso potenziale per la ricchezza di minerali.


Il potenziale di sfruttare le risorse del fondo dell'oceano è nota da diversi decenni, ma la tecnologia per rendere questo una realtà economica fattibile si sta perfezionando solo negli ultimi tempi.

E la Nuova Zelanda, un continente insulare con oltre il 90% del suo territorio sovrano sott'acqua, che secondo Extended Continental Shelf (ECS) copre più di 6,5 milioni km quadrati (solo il 7% è visibile sopra il livello del mare) sta concentrandosi sull'esplorazione del suo vasto regno sottomarino.  Come in una nuova corsa al petrolio, la perforazione al largo della costa del New Zealand durante l'estate è stata la più attiva nella storia recente, con la messa in opera di tre impianti di perforazione offshore per iniziare coi pozzi di perforazione.

In particolare, la compagnia petrolifera texana Anadarko, che era in società al 25% con la Macondosocio, condannata di BP nel Golfo del Messico, ha recentemente descritto dove si prevede di iniziare la foratura nei prossimi mesi.

Secondo un rapporto di Greenpeace  un numero crescente di aziende e governi, tra cui Canada, Giappone, Corea del Sud, Cina e Regno Unito, stanno affrettandosi a rivendicare diritti per esplorare e sfruttare minerali trovati sopra e sotto il fondo del mare. Attualmente vi sono 17 contratti di esplorazione per il fondo marino che si trova al di là della giurisdizione nazionale nei mari profondi del Pacifico , Atlantico e Indiano, rispetto ai solo otto contratti del 2010.

Il Rapporto di Greenpeace afferma che solo il tre per cento degli oceani sono protetti e meno dell'uno per cento in alto mare, il che li rende alcuni dei luoghi meno protetti della Terra.

E a livello giuridico il problema rimane molto vago, il che spiega il motivo per cui le imprese si adeguino alle zone economiche esclusive di terreni circostanti e nell'ambito giuridico di un'autorità nazionale.

L'estrazione dei fondali marini al di là delle acque territoriali di un paese è regolata dalla International Seabed Authority, istituito ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

by il professor echos.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria