Passa ai contenuti principali

L'Artico non è più quello di una volta.

Le temperature dell'Artico sono in aumento al doppio del tasso medio globale. Enormi incendi stanno soffiando all'interno di vasti tratti di foresta canadese, e fori misteriosi stanno comparendo nel permafrost siberiano.

In tutto il 2014, un nodo ricorrente nel jet stream (corrente a getto) che circonda il polo nord della Terra si sposta da ovest a est. Ma quando la corrente a getto interagisce con le onde di Rossby, anche dette onde planetarie, che caratterizzano i moti dei fluidi geofisici a scala sinottica e planetaria, i venti possono vagare lontano a nord e sud.

In genere, la corrente a getto rappresenta una separazione tra aria fredda artica e aria più calda del sud. Se siete a nord della corrente a getto, le temperature sono fredde, mentre a sud della corrente a getto è più probabile che sia caldo.

Ora, c'è un nuovo effetto collaterale dell'Artico sempre più libero dai ghiacci: le grandi onde.

In un recente studio, le onde registrate  per la prima volta nel Mare di Beaufort in Alaska, sono risultate più consistenti.

Il gruppo di ricerca composto da ricercatori della University of Washington, hanno fatto uso di sensori che sono stati ancorati al pavimento di mare per misurare le dimensioni delle onde generate. In un forte temporale nel settembre 2012, i ricercatori hanno registrato le onde medie alte circa 16 metri. Nel Mare di Beaufort, l'onda più grande era ad un'altezza di 29 metri, ha detto l'oceanografo Jim Thomson.

I ricercatori hanno collegato questi enormi onde artiche allo scioglimento delle calotte di ghiaccio causate dai cambiamenti climatici.

La preoccupazione dei ricercatori è che le grandi onde artiche possano fissare la rottura del ghiaccio marino. Ma non sono neanche sicuri sul come le onde artiche possano interessare il ghiaccio marino e non hanno nemmeno un calendario per la perdita di ghiaccio, ma sentono che queste sono una potenziale minaccia.

Le onde non sono solo un sintomo dei mali di ghiaccio dell'Artico, però esse possono accelerare i problemi. Secondo una ricerca pubblicata all'inizio di quest'anno da Thomson e il suo team, le onde possono essere un meccanismo per accelerare il ritiro del ghiaccio, che a sua volta può causare onde ancora più grandi. Il risultato, secondo Thomson, è "un potenziale nuovo processo": un circolo vizioso che si prevede di terminare in ultima analisi, in un estate senza ghiaccio artico all'interno di decenni.

La scienza qui è abbastanza semplice. Meno ghiaccio significa più acqua che fluisce negli oceani, e quando a volte si combina con i forti venti dell'Artico, l'acqua può più facilmente trasformarsi in onde più grandi. Sembra che è esattamente ciò che la nuova ricerca ha trovato.

Immagini: www.rcinet.ca/

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…