I 10 Paesi al mondo eccessivamente smodati nell'utilizzo dell'energia

La prossima volta che usate la macchina per andare al supermercato, pensate a quanta energia si consuma su base annuale.

E'ampiamente dimostrato che sono gli occidentali i peggiori consumatori di energia del mondo. Solo gli americani, che costituiscono il 5 per cento della popolazione mondiale, utilizzano il 20 per cento di energia, mangiano il 15 per cento di carne, e producono il 40 per cento di spazzatura.

Gli europei e i popoli del Medio Oriente difficilmente vinceranno qualche premio per la conservazione di energia.

Tuttavia, mentre alcuni dei colpevoli sono pressoché evidenti, altri potrebbero invece sorprendervi. 

Una nota per le cifre: sono stati usati chilogrammi di petrolio equivalente (KOE) pro capite, che si riferisce alla quantità di energia che può essere estratta da un chilogrammo di petrolio greggio. "Koe pro capite" può essere utilizzato per confrontare energia da varie fonti, tra cui i combustibili fossili e fonti rinnovabili.

I numeri rappresentano i dati più recenti disponibili dalla Banca Mondiale

Islanda - 18.774 kg. Sì, l'Islanda! Di tutti i paesi del mondo, compresi i più ricchi e più importanti produttori di petrolio, l'Islanda consuma più energia per persona. Come può essere? Il motivo è la sovrabbondanza. Con la maggior parte dell'energia proveniente da energia idroelettrica e geotermica, gli islandesi sono alcuni dei meno energia consapevole del pianeta. Clicca qui per vedere un video che potrebbe chiarirti perchè la nazione nordica usa tanta energia. 

Qatar - 17.418 kg. In Qatar sono dipendenti dal petrolio. 

Secondo il National Geographic, la popolazione è dotata di energia elettrica gratuita e di acqua, che è viene descritto come "elettricità liquida" in quanto spesso viene prodotta mediante dissalazione. Un processo ad alta intensità di energia. Le emissioni pro capite del Qatar sono le più alti al mondo, e tre volte quelle degli Stati Uniti. 

Trinidad e Tobago - 15.691 kg. Trinidad e Tobago, uno dei paesi più ricchi dei Caraibi e principale produttore della regione di petrolio e gas; ospita uno dei più grandi impianti di gas naturale nell'emisfero occidentale. T& è il più grande esportatore di GNL negli Stati Uniti. Il settore elettrico è interamente alimentato da gas naturale.

Kuwait - 10.408 kg. Nonostante é il sesto in quanto a riserve di petrolio al mondo, e si stima che abbia 63.000 miliardi di metri cubi di riserve di gas naturale, la domanda di energia elettrica in Kuwait spesso supera l'offerta. Secondo la US Energy Information Administration (EIA), il Kuwait è perennemente carente nella fornitura di elettricità ed ha esperienze di  blackout piuttosto frequenti ogni estate.  Il paese è diventato un importatore netto di gas naturale per affrontare lo squilibrio.

Brunei - 9.427 kg. Il piccolo sultanato dell'isola del Borneo, oltre ad essere un importante produttore ed esportatore di petrolio e di gas naturale in Asia, è anche un abituale consumatore di energia. La nazione di circa mezzo milione di abitanti ha il più alto numero della regione di automobili per abitante. Il Brunei sovvenziona carburante per veicoli a combustibile ma anche a energia elettrica, che viene venduta al pubblico a prezzi inferiori a quelli di mercato.

Lussemburgo - 7.684 kg. Senza sbocco sul mare il Lussemburgo dipende quasi totalmente dalle importazioni di energia, soprattutto di petrolio e gas. Il consumo di energia è aumentato 32 per cento dal 1990, con i mezzi di trasporto responsabili di 60 per cento di aspirazione, secondo una scheda informativa della UE.

Emirati Arabi Uniti - 7407 kg
Nulla si dice del cospicuo consumo energetico come Ski Dubai. La piscina resort con 85-metri di alta montagna di neve artificiale brucia l'equivalente di 3.500 barili di petrolio al giorno.

Il World Resource Institute stima che l' Emirati Arabi Uniti utilizza 481 tonnellate equivalenti di petrolio per la produzione di 1 milione di dollari di PIL, rispetto alla Norvegia 172 tonnellate. 

Canada - 7.333 kg. Il Canada. della "casetta in Canada", amante della pace e delle loro auto, con stufe, vasche idromassaggio e altri giocattoli succhia-energia. Ma mentre molti equiparano il settore energetico del Canada con le sabbie bituminose, sono però altre forme di energia che rappresentano la parte del leone del consumo. Più della metà (57,6 per cento) di energia elettrica del Canada proviene dall'idro, con il carbone  al 18 per cento. Il nucleare è terzo (14,6 per cento), con petrolio e gas  comprendenti solo il 6,3 per cento e il 1,5 per cento rispettivamente. 

Stati Uniti - 6.793 kg. Come la più grande economia del mondo e la più ricca nazione, ghiotta di energia, gli Stati Uniti dovrebbero essere inclusi in cima alla top ten.  Tuttavia, un fatto sconcertante è che, nonostante la crescita economica annuale, il consumo di energia pro-capite degli Stati Uniti è rimasto allo stesso livello dal 1970. 

Secondo l'EIA, una spiegazione è che gli Stati Uniti hanno semplicemente spostato l'energia necessaria per soddisfare i maggiori consumi nei centri di produzione in mare aperto.

Finlandia - 6183 kg. Con oltre un terzo del suo territorio al di sopra del Circolo Polare Artico, un clima freddo, scarsamente popolato e un'economia altamente industrializzata, non c'è da meravigliarsi che la Finlandia è tra i più alti consumatori di energia pro-capite in Europa. Tuttavia, secondo l'Agenzia internazionale per l'energia, la Finlandia prevede di diversificare la propria economia lontano dai combustibili a base di carbonio, attraverso un passaggio alle energie rinnovabili, compresa la biomassa, e ha approvato la costruzione di due nuove centrali nucleari. 




Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria