Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

Topaz Solar Farm, il più grande impianto solare del mondo

Immagine
Nella mitica California, ancora un passo avanti nel lungo viaggio verso l'affermazione dell'energia solare nel mondo.

Topaz Solar Farm, il più grande impianto solare del mondo è installato e funzionante a Carrizo Plain, California, nel sud-est di San Luis Obispo County.

9 milioni di pannelli solari installati in 9,5 chilometri quadrati.

Il progetto è costato 2,5 miliardi dollari, con la costruzione, iniziata due anni fa. Il proprietario è  MidAmerican Solar, una società controllata con sede a Pheonix, Arizona.

L'impianto ha una capacità di 550 megawatt, sufficienti ad alimentare 160.000 abitazioni.E faràrisparmiare 370.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica.

Immagine: www.dailymail.co.uk/


Unione europea: il settore navale dovrà monitorare le proprie emissioni di CO2

Immagine
Una legge concordata ieri dall'Unione europea per la prima volta stabilisce come  il settore navale dovrà monitorare le proprie emissioni di carbonio. Questo è inteso come un passo per affrontare una crescente fonte di inquinamento legato al cambiamento climatico.

Secondo l'International Maritime Organisation (IMO), le emissioni mondiali di anidride carbonica derivanti da navi ammonta a circa il 3 per cento, una quota che però potrebbe aumentare al 18 per cento entro il 2050, qualora il regolamento non fosse rispettato o preso in considerazione.

Dal 1 gennaio 2018, gli armatori sarebbero, quindi, obbligati a monitorare le emissioni per ogni nave in un viaggio e/o con cadenza annuale. Ci sono anche disposizioni in materia di monitoraggio e reporting, verifica e accreditamento, e la conformità e la pubblicazione di informazioni e la cooperazione internazionale.

Il trasporto marittimo internazionale è l'unico mezzo di trasporto che non figura nell'impegno dell'Unione E…

Turchia: il pistacchio per generare calore

Immagine
Cosa si dovrebbe fare con gli avanzi di migliaia di tonnellate di gusci di frutta secca? 

E ' una domanda che la Turchia - terzo più grande produttore mondiale di pistacchi, dietro l'Iran e gli Stati Uniti - si sta chiedendo da tempo.

Solitamente lo scarto dei gusci di pistacchio finisce nelle discariche. La speranza è quella di trasformare i resti commestibili in qualcosa di utile. Trasformarli, ad esempio, in gas, un combustibile alternativo che può produrre calore prodotto dalla ripartizione della materia organica. Ebbene, la Turchia attualmente sta lavorando su un piano ecologico per convertire i gusci di pistacchio (frutto secco dal caratteristico colore verde racchiuso in un guscio rigido dall'aspetto legnoso), in una fonte di energia-

I pistacchi, come la maggior parte dei rifiuti alimentari, possono essere convertiti in biogas. Anche se nessun altro posto al mondo attualmente utilizza i pistacchi per fare energia, la Turchia ne produce così tanti, che ha fatto venir…

Africa, guai a non finire: è la volta della peste in Madagascar.

Immagine
L'Africa sta diventando un laboratorio globale da cui dipartono atrocità di ogni genere. Se andiamo a vedere poi le ragioni di tali aberranti azioni, ci accorgiamo che esse hanno avuto inizio con l'antico schiavismo, risalente ai tempi della dominazione olandese nel sud dell'Africa, che giunge sino ai giorni nostri; ignoranza culturale, connessa in qualche modo allo scandaloso egoismo del primo colonialismo e neocolonialismo attuale, in cui, invece di aprire scuole, istituti ed altro per far studiare e istruire i giovani africani, si è pensato invece al sistematico svuotamento di risorse del sottosuolo africano, ricco di petrolio, gas, animali da cacciare e souvenir vari (ossa, zanne, pelli...), oro e diamanti, la cui vendita spesso va a finanziare qualche conflitto nel continente, ora ad esempio è in auge quello nella Repubblica Centrafricana. C'è poi il fermento religioso, maggiormente di matrice islamista, che sta irrompendo un po' ovunque nel continente, assiem…

Gabon: il piccolo paese africano che crede nella Blue economy

Immagine
Si è appena concluso a  Sydney in Australia, il World Parks Congress, un forum globale sulle aree protette che si svolge ogni 10 anni. Il covegno ha attirato più di 6.000 delegati provenienti da 170 paesi, e si è parlato di oceani. Un decennio fa al World Parks Congress in Durban, South Africa gli obiettivi sono stati fissati per gli aumenti di quantità e qualità delle aree protette in tutto il mondo.

Gli oceani sono il cuore blu del pianeta, ma la protezione marina è rimasta indietro.

Gli oceani immagazzinano un vasto quantitativo di carbonio, tamponano il clima, guidano il tempo, e forniscono cibo per miliardi. Ma solo un terzo dei paesi del mondo hanno protetto più dell'uno per cento delle 200 miglia (322 chilometri) delle zone economiche esclusive intorno alle loro coste, mentre la porzione di mare off-limits per lo sfruttamento rimane irrisorio.

"Tradizionalmente, le aree protette sono viste come l'ultima linea di difesa contro una impronta umana in espansione"…

L'energia dei passi, una rivoluzione non troppo lontana

Immagine
Le riserve di combustibili fossili sono in declino, il solare e l'energia eolica sono imperfetti, e il mondo è alla ricerca di risposte. Ma c'è una possibile soluzione: il riciclaggio di energia da fonti secondarie.

L'energia "raccolta", in cui le energie incidentali quali onde radio, calore e vibrazioni sono incanalate per sviluppare energia, non è un concetto nuovo, ma la tecnologia per sostenere l'idea sta migliorando. Così, come oggi la forza cinetica di un braccio oscillante è in grado di alimentare un orologio da polso, alcuni tecnici scommettono che in futuro i passi dei possono illuminare una città.

Gran parte della promessa di raccolta di energia si trova nel settore manifatturiero, dove tanta energia viene persa in calore, suono e vibrazioni delle macchine. Se anche una piccola percentuale di questa può essere catturata e riutilizzata, le aziende potrebbero realizzare significativi risparmi sui costi, o per lo meno questa è la teoria.

Mentre …

Esproprio dei Masai: la notizia indigesta

Immagine
Ci sono notizie che proprio non posso digerire. E questa, in cui si dice cheil governo della Tanzania ha ordinato lo sgombero di 40.000 Masai dalla loro casa ancestraleper farne una riserva di caccia per i ricchi emiri di Dubai, proprio non la sopporto. Già digerisco a fatica il fenomeno del land grab, l'accaparramento di terre da parte di multinazionali e governi stranieri per farne terreni che danno cibo, soprattutto per loro, o per farne biocarburanti, e che stanno riducendo il continente nero ad una fiera internazionale dove si "acquista" di tutto: minerali, pietre preziose, petrolio, zanne in avorio di elefanti, rinoceronti, pelli di tigre, animali rari e tanto altro campionario che ora mi sfugge, contraccambiando, invece di un onesto e sonante pagamento in denaro, con un paio di scarpe usate e un paio di pantaloni logori e puzzolenti.

Adesso, questa notizia mi spingerà a prendere una doppia, tripla dose di un digestivo che non esiste. Dovermi sorbire, come se fosse…

Carbone: il problema esiste e bisogna risolverlo con urgenza.

Immagine
Dopo più di due secoli dalla Rivoluzione industriale, il carbone produce la metà di tutte le emissioni globali di anidride carbonica.

La Cina brucia più carbone del resto del mondo messo assieme. Tra il 2005 e il 2013, nuove centrali a carbone in Cina hanno aumentato di una volta e mezzo l'intero consumo del secondo consumatore di carbone, gli Stati Uniti. Gli economisti prevedono che entro il 2040, le esigenze di produzione di energia della Cina sarà il 50 per cento più grande di oggi. Ciò porterà le emissioni globali di gas a effetto serra legate all'energia da carbone ben oltre il 60 per cento, neutralizzando gli sforzi compiuti dalla maggior parte degli altri Paesi sulla riduzione delle emissioni. Ma c'è un problema molto più urgente di fronte ai tantissimi cinesi ma anche a tanti altri che vivono nei Paesi in via di sviluppo. Bruciare il carbone emette ossidi di azoto e di zolfo, che insieme al particolato che uccide i polmoni continua ad abbassare decenni di vita a…

Grazie a Obama aumenta il Green Climate Fund

Immagine
I Paesi in via di sviluppo vedono nel Green Climate Fund un aiuto per quei paesi che hanno fatto il minimo per provocare i cambiamenti climatici e che ne soffrono più di altri che invece, per anni, hanno inquinato il pianeta a spron battuto. E' questo il valore simbolico del Green Climate Fund. Infatti, esso è stato costituito per essere la principale fonte di finanziamento nell'aiutare i paesi in via di sviluppo a tagliare le proprie emissioni di gas serra, o un piano per il futuro del cambiamento climatico. In termini pratici, potrebbe significare investimenti nelle solar farms, o costruzione di fortificazioni, barriere per non patire l'aumento del livello dei mari, o ricerca sulle colture.

Nel discorso pronunciato  all'università di Queensland di Brisbane, Australia, dove si aprono nella giornata odierna i lavori del G20, il presidente Obama, riferendosi alla minaccia dei cambiamenti climatici e la necessità di agire per contrastarla, ha annunciato che gli Stati Uni…

Il global warming porterà ad un incremento dei fulmini.

Immagine
In uno studio appena uscito sulla prestigiosa rivista Science, un team di ricercatori fornisce una previsione allarmante: il riscaldamento globale può portare ad un aumento significativo una magnitudo (carica elettrica scaricata a terra) di fulmini.

"Anche con il riscaldamento di pochi gradi Celsius, è possibile ottenere alcuni impatti climatici molto grandi - in questo caso, un aumento del 50 per cento dei fulmini", dice l'autore dello studio David Romps, ricercatore presso la University of California, Berkeley

La ricerca è stata effettuata con assistenza di informazioni da una rete statunitense di rivelatori di fulmini.

Romps spiega che ci sono due fattori centrali che fissano la fase atmosferica per un fulmine. La prima è la quantità di acqua o precipitazione, e il secondo è l'instabilità dell'atmosfera, una situazione che permette all'aria di salire rapidamente "Per simulare un fulmine durante un temporale, c'è bisogno di acqua in tutte e tre le fa…

Clima: la casa brucia, facciamo il possibile

Immagine
"Se i due giocatori più importanti sul clima sono in grado di accordarsi da due prospettive molto diverse, il resto del mondo può vedere che è possibile fare progressi reali ". lo ha detto in un comunicato Timothy Wirth, un ex funzionario dell'amministrazione Clinton e attuale vice presidente della Fondazione delle Nazioni Unite.

Negli ultimi 20 anni si sono registrati concreti passi avanti nel contenimento dei gas serra. Per gli esperti, mentre il riscaldamento globale raggiunge livelli non toccati da stratosferici secoli, con conseguente scioglimento dei ghiacci, innalzamento delle acque oceaniche, desertificazione e deforestazione, le grandi potenze industriali si contrastano in ogni modo sui tagli che spetterebbero a ciascuno sulle proprie emissioni. Il sistema, così concepito, ha troppe falle per avere un proseguio.

Gli Stati Uniti se la prendono principalmente con l'onnivoro colosso cinese sempre più assetato di energia, esentato sin qui dai limiti poichè è con…

Australia, petrolio greggio dalle alghe

Immagine
In Australia, presso Whyalla, la società di energie rinnovabili Muradel ha lanciato il suo impianto dimostrativo integrato per convertire le alghe in greggio verde come primo passo verso un impianto commerciale con la possibilità di produrre 80 milioni di litri (21,13 milioni di galloni) di greggio all'anno.

L'impianto di 10,7 milioni dollari produrrà 30.000 litri l'anno utilizzando la tecnologia Green2Black
e rappresenta il primo passo della società australiana verso gli 80 milioni litro all'anno con un impianto su scala commerciale.

La tecnologia Muradel Green2Black, utilizza microalghe prodotti in loco, impianto a biomasse, e rifiuti organici in un reattore ad acqua subcritica a basso consumo energetico che converte la materia prima di greggio in pochi minuti.

L'impianto dimostrativo è stato parzialmente finanziato attraverso una sovvenzione di 4,4 milioni dollari da Australian Renewable Energy Agency. Un supplementare sostegno finanziario è venuto da parte del…

Pietrisco di olivina per contrastare il cambiamento climatico

Immagine
Contrastare il cambiamento climatico con la geoingegneria è il sogno d'ogni scienziato, anche per il Dr. Olaf Schuiling, un geochimico in pensione, che ne vede la soluzione sotto i nostri piedi.

La salvezza del clima esisterebbe in forma di olivina, o peridoto: si forma nelle rocce magmatiche ultrabasiche, cioè povere di silice e ricche di magnesio. Di colore verde oliva trasparente, presenta tracce più o meno accentuate di ferro che ne rende variabile l’intensità
Questo minerale, nel Medioevo
veniva usato anche come pietra protettiva e portafortuna contro gli spiriti malvagi, per sviluppare la saggezza e promuovere lo spirito di amicizia: Nel Vecchio Testamento viene definito come Topazio, si trova in abbondanza in tutto il mondo. Se esposto agli elementi, succhia lentamente anidride carbonica dall'atmosfera.

L'olivina ha fatto questo, naturalmente, per miliardi di anni, ma il dottor Schuiling ha in mente di accelerare il processo con il maggior numero possibile. Cosparge…

Il ciclone in Sicilia: per fortuna, il pericolo è passato

Immagine
La costa sud orientale della Sicilia se l'è vista brutta, ma per fortuna il pericolo è passato.

La burrasca su Malta, dove l'occhio del ciclone si è posato, ieri e fino a stanotte ha messo in allarme la costa sud orientale della Sicilia e le coste ioniche. Una spirale fatta di venti fortissimi con raffiche oltre i 60 nodi. Un incrocio di venti con diverse convergenze: venti da su che spingono a nord e venti da nord che spingono a sud. MeteoWeb.euha caratterizzatola tempestacomecome unvero e propriouragano.

E' nello stretto di Sicilia che l'uraganosi è formato investendo in parte la costa di Lampedusa e di Linosa. Interessate soprattutto le province di Siracusa, Ragusa, Caltanisetta e parzialmente quella di Agrigento. Questi venti hanno prodotto mareggiate di particolare intensità, con brusco innalzamento del livello del mare, anche se a seguito dell'impatto con la terraferma il ciclone ha cominciato col perdere forza.

I cicloni tropicali mediterranei, indicati com…

L'ascesa dell' energia idroelettrica nel mondo

Immagine
I paesi in via di sviluppo hanno in programma di espandere notevolmente la produzione di energia idroelettrica nel loro disperato bisogno di energia elettrica e per l'irrigazione. E ' anche una scelta strategica di utilizzare le proprie risorse. Secondo solo al nucleare nella fornitura di basse emissioni di carbonio, sul lungo termine, l'idroelettrico è un ottimo modo per aumentare la produzione di energia senza ipotecare il futuro del paese con forniture di combustibili fossili di un altro paese.

Oltre seicento dighe idroelettriche sono attualmente in costruzione e oltre 3.000 sono in programma per il prossimo futuro. La maggior parte di questi siti si trovano in Asia e in America Latina. Ciò raddoppierà la quantità di energia idroelettrica nel mondo.

Questa quantità di idroelettrico richiederà circa 3 miliardi di dollari di investimenti e la produzione di circa 60 trilioni di kWh di energia elettrica entro la metà del secolo. Questo, porterebbe a fornire acqua per l…

Stati Uniti: maggiore tutela per i leoni africani

Immagine
Chissà se domani i figli dei nostri nipoti avranno la possibilità di vedere le grandi fiere selvatiche che hanno animato e hanno affascinato la nostra adolescenza. Mi riferisco alle tigri, ai rinoceronti, agli elefanti, ai magnifici leoni d'Africa...

La perdita di habitat, la perdita della preda, e il maggior conflitto uomo-leone sono una minaccia al punto che la U.S. Fish and Wildlife Service ha proposto una lista delle specie sotto l'Endangered Species Act.

"Spetta a ciascuno di noi, non solo alle  popolazioni africane di garantire che lo stato di salute,le
popolazioni selvatiche continuano a vagare per la savana per le generazioni future", ha detto Dan Ashe, direttore del USFWS, spiegando che la sua agenzia ha riscontrato il pericolo di estinzione dei  leoni nel prossimo futuro. In un comunicato stampa, Ashe ha descritto i leoni come simbolo di maestà, forza e coraggio. "Elencati come una specie minacciata porterà la piena tutela del diritto degli Stati Uni…

Africa: un accaparramento di terre senza freni e...

Immagine
Secondo una recente ricerca più di 55 milioni di ettari di terra in Africa sono stati "accaparrati" a partire dal 2000. Più terra è stata accaparrata in Africa tra il 2000 e il 2012 che nel resto del mondo messo insieme, ha detto il Dr Blessing Karumbidza, senior associate di ricerca presso Durban University of Technology, ha detto alla conferenza Africa land Grab a Midrand.

L'accaparramento di terre sono stati ampiamente definiti come grandi acquisizioni di terreni che hanno spostato le comunità vulnerabili e gli agricoltori, col disprezzo per i diritti di queste persone e degli impatti sociali e ambientali. Hanno avuto luogo senza libero consenso nel contesto di scarse strutture di governance istituzionale.

Le grandi multinazionali, con il consenso dello stato, e lo stato stesso, erano implicati nel land grabs. Un fattore che contribuisce al lanf grabs è stato il retaggio della proprietà della terra dell'epoca coloniale  che, in seguito alla decolonizzazione, ha…

Prelude, il gigante più gigante dei mari

Immagine
Prelude è la più grande nave al mondo (anche se non è esattamente una nave).PreludeFLNGè la prima piattaformaal mondogalleggiantedi gas naturale liquefatto, nonché il più grande impiantooff-shoremai costruito.

Lungo più di 530 metri e larga 80 metri, Prelude è stato costruito con 260.000 tonnellate di acciaio, più di quanto è stato utilizzato in tutto il complesso originale del World Trade Center, e si prevede possa spostare oltre 600.000 tonnellate di acqua, o sei portaerei. Anche il lavoro di verniciatura è enorme: più grossi bacini di carenaggio ogni cinque anni per un nuovo rivestimento, ma la vernice di Prelude dovrebbe durare 25 anni. Sarà in grado di produrre più gas naturale di quanto necessita ad Hong Kong  in un anno. E' così grande che non è possibile fotografarlo almeno non tutto in una volta. Il fotografo Stephen Mallon ha trascorso due giorni sulla gru, una a prua e una a poppa, prendendo più di mille immagini. In seguito, è stato utilizzato un software di editing pe…