L'energia dei passi, una rivoluzione non troppo lontana

Le riserve di combustibili fossili sono in declino, il solare e l'energia eolica sono imperfetti, e il mondo è alla ricerca di risposte. Ma c'è una possibile soluzione: il riciclaggio di energia da fonti secondarie.

L'energia "raccolta", in cui le energie incidentali quali onde radio, calore e vibrazioni sono incanalate per sviluppare energia, non è un concetto nuovo, ma la tecnologia per sostenere l'idea sta migliorando. Così, come oggi la forza cinetica di un braccio oscillante è in grado di alimentare un orologio da polso, alcuni tecnici scommettono che in futuro i passi dei possono illuminare una città.

Gran parte della promessa di raccolta di energia si trova nel settore manifatturiero, dove tanta energia viene persa in calore, suono e vibrazioni delle macchine. Se anche una piccola percentuale di questa può essere catturata e riutilizzata, le aziende potrebbero realizzare significativi risparmi sui costi, o per lo meno questa è la teoria.

Mentre i produttori in Europa affamati di energia stanno già cercando di investire nella tecnologia, molte aziende americane sono meno pronte nel farlo.

Philip Brennan, il general manager di Echogen, una compagnia americana che aiuta a convertire il calore di scarto industriale in energia utilizzabile, dice che gli Stati Uniti hanno abbondanti fonti di energia, e l'esplosione di gas di scisto ha dato al Paese più sicurezza energetica, perciò hanno meno  bisogno di dedicarsi a questa nuova fonte di energia, come invece fanno i paesi scandinavi che stanno cercando di usare "ogni unità termica possibile", ma probabilmente anche gli Stati Uniti alla fine vorranno dedicarsi a questa tecnologia. Questo non vuol dire, tuttavia, che le imprese americane stanno completamente ignorando il potenziale di raccolta di energia. Amazon progetta di utilizzare i rifiuti provenienti da un vicino data center per riscaldare il suo nuovo campus di Seattle. Ed è  il primo progetto del suo genere nel paese, secondo il Seattle Times.

ARPA-E, che investe in "idee dirompenti per creare future tecnologie energetiche americane," vede questa nuova energia come uno degli sviluppi più importanti che accadranno nei prossimi 25 anni.

Utilizzando l'energia cinetica dei passi, Pavegen, una società che produce piastrelle che sfruttano le orme dei pedoni per alimentare le illuminazioni vicine, già sperimenta la nuova tecnologia in un corridoio dell'aeroporto di Heathrow e in un campo da calcio nelle favelas di Rio de Janeiro. Laurence Kemball-Cook, il suo amministratore ha "grandi visioni" nel guidare la carica nella raccolta di ogni tipo di energia ambientale. Spera che entro una ventina di anni Pavegen possa contribuire a sfruttare l'energia prodotta dall'ondeggiare degli edifici e dalle vibrazioni del suono. A riguardo ha detto che ogni singolo edificio potrebbe essere una centrale elettrica. Il che, potrebbe essere una valida risposta ai gravi problemi ambientali che assillano questo nostro mondo

 Fonte: www.cnbc.com
Immagini: www.pavegen.com/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria