Acqua: l'idea del Mit attraverso un concorso

Acqua: l'idea del Mit attraverso un concorso promosso da USAID (US Agency for International Development)

Dalle piante alle persone, ogni essere vivente su questo pianeta ha bisogno di acqua. Ma ottenerne abbastanza per sopravvivere, e sopravvivere comodamente, può essere un po 'difficile. Basta guardare il furore che si é creato attorno alle nuove restrizioni idriche in California e in Brasile, per non citare altri Stati che soffrono la mancanza cronica di acqua.

Entro il 2025, quasi due miliardi di persone vivranno scarsità d'acqua assoluta,e due terzi del mondo sopravviverà in condizioni di stress idrico.

Secondo lo UN Development Programme, più di 1,4 miliardi di persone vivono attualmente in bacini fluviali in cui l'uso di acqua è ai minimi livelli di ricarica. Nel 60 per cento delle città europee con una popolazione di 100.000 o più, le acque sotterranee vengono utilizzate ad un ritmo più veloce di quello che può essere rifornito.

Per fortuna, succede a volte, che al momento giusto e nel posto giusto, alcune delle menti più brillanti del mondo provano a trovare la soluzone. Difatti, la soluzione è stata partorita da un'idea presentata ad un concorso promosso da US Agency for International Development (USAID) e il Bureau of Reclamationil più grande fornitore di acqua all'ingrosso e il secondo più grande produttore di energia idroelettrica negli Stati Uniti, con operazioni e servizi in 17 Stati occidentali

I vincitori del primo premio di 140.000 dollari è stato un team del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston e di Jain Irrigation Systems.

Le soluzioni di desalinizzazione dell'acqua richiedono tradizionalmente grandi quantità di energia elettrica, che è scarsa e costosa nelle regioni in via di sviluppo del mondo.

Pertanto,, il team di ingegneri del MIT’s Global Engineering and Research Lab, o GEAR, composto da Amos Winter e Natasha Wright, sta lavorando ad una innovativa soluzione solare per dissalare l'acqua al fine di fornire acqua potabile alle comunità rurali in tutto il mondo in via di sviluppo. L'idea é di creare un sistema che possa rimuovere il sale dall'acqua e rispondere a tre criteri: deve essere redditizio, ecologicamente sostenibile, e ad alta efficienza energetica. Da considerare poi la maggior parte dei grandi impianti di desalinizzazione usano osmosi inversa, che spreca circa il 40 per cento dell'acqua.

Il team del Mit ha elaborato un metodo che utilizza pannelli solari per caricare una serie di batterie. Le batterie poi alimentano un sistema che rimuove il sale dall'acqua attraverso l'elettrodialisi, un metodo che può separare ioni positivamente e negativamente cariche in acqua salata utilizzando membrane caricate elettricamente che attirano gli ioni di sale come magneti. Con questo metodo, il cinque per cento dell'acqua viene sprecata.

Questo sistema si basa su una serie di pannelli solari che rendono del tutto autosufficiente. Il pacchetto é in grado di produrre abbastanza acqua per irrigare una piccola azienda agricola o per soddisfare le esigenze giornaliere di acqua pulita per 5.000 persone.

Oltre a sbarazzarsi del sale (che rende l'acqua inutilizzabile per colture e per bere), il team ha applicato anche la luce UV per disinfettare una parte dell'acqua che passa attraverso il sistema.

Il progetto di desalinizzazione è sostenuto da Jain Irrigation Systems Inc. of India and by MIT’s Tata Center for Technology and Design, che ricerca le tecnologie per i paesi in via di sviluppo. Il centro è sostenuto dal Tata Group, una delle più grandi aziende in India.

L'India ha il 16 per cento della popolazione mondiale, ma solo il quattro per cento della sua acqua è fresca. Molta di questa è acque sotterranee, e circa il 60 per cento di essa è troppo salata per essere consumata in tutta sicurezza da piante, animali o esseri umani. Tuttavia, circa il 70 per cento degli indiani bevono l'acqua sotterranea, anche quando è troppo salata.

General Electric Co. in Ontario, Canada,ha fornito la tecnologia elettrodialisi utilizzata dal team del MIT. Il sistema del MIT è stato recentemente testato Brackish Groundwater National Desalination Research Facility in Alamogordo, Nuovo Messico per due cicli non stop di 24 ore. In ogni sessione, il sistema ha dissalato 2.100 litri d'acqua, il che lo rende adatto all'uso in irrigazione. Inoltre ha un ulteriore 66 litri di acqua attraverso un sistema di pulizia UV per uccidere i batteri e rendere l'acqua sicura da bere.

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria