Passa ai contenuti principali

Fusione nucleare: la panacea di tutti i nostri problemi energetici è sempre più vicina


Da tempo si favoleggia sulla fusione nucleare, che in effetti sarebbe la panacea di tutte le nostre preoccupazioni energetiche, anche se come possibile primo traguardo si parla del 2050.

Ma ora pare che siano molte aziende governative e aziende private nel mondo che se ne stanno occupando maggiormente. La più conosciuta è ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) ma anche start up di varie nazionalità. Tuttavia, il costo crescente e la complessità di tali progetti portano a dubitare se saranno mai in grado di produrre impianti che possono generare energia a un costo abbordabile.

Sarebbe la soluzione migliore, una grande svolta per l'Umanità, qualora venisse realizzato il progetto ITER, partito qualche anno fa da Parigi con un investimento iniziale stimato attorno ai 10 miliardi di euro, il cui scopo è rendere la fusione nucleare un'energia a disposizione dell'uomo.

La fusione nucleare, molto semplicemente consiste nel far sballottolare due atomi di idrogeno per liberare energia. Ma a dirlo è facile a farlo... sinora impossibile.  

Tra le aziende che ci stanno lavorando alacramente spicca la startup statunitense Tri Alpha Energy, una società a capitale privato che opera fuori da un edificio industriale senza alcuna scritta ne insegna nella periferia di Los Angeles, la quale ha appena fatto un passo avanti nel contenimento del plasma caldo che deriva dalle reazioni di fusione. Tri Alpha Energy ha costruito una macchina che forma una palla (a forma di sigaro) di gas surriscaldato a circa 10 milioni di gradi Celsius, e la tiene ferma per 5 millesimi di secondo, senza decadimento di distanza.

La strategia di Tri Alpha Energy è leggermente diversa dalle altre. Invece di utilizzare magneti esterni per contenere il plasma, il loro plasma crea il proprio campo magnetico, che consente di contenere se stesso. Difficile comprendere per noi profani, ma in effetti questo tipo di approccio, noto come configurazione del campo-invertito, l'unico flusso di particelle del plasma, determinato dal progetto del reattore, la cui forma gli permette di resistere, normalmente cade a pezzi dopo circa 0,3 millisecondi.

Il progetto di Tri Alpha Energy è di costruire una macchina di seconda generazione che consenta di allungare i tempi e di alzare la temperatura di dieci volte, portandola a 100 milioni di gradi, per avanzare verso il vero obiettivo finale: oltre 3 miliardi di gradi, che sarebbe un valore tale da riuscire a usare combustibili più facili da produrre e da gestire.

Se riusciranno a mettere a punto la tecnica  giusta, che possa far ottenere tempi più lunghi e temperature più alte, Tri Alpha Energy riuscirà a creare la situazione in cui i nuclei degli atomi di gas collidono con abbastanza forza da fondersi, rilasciando energia.
 
Tri Alpha non ha ancora prodotto energia, avranno bisogno di graduare il loro reattore a ottenere tempi di contenimento più lunghi e temperature più elevate, ma il loro successo nel mantenere il plasma insieme, è un passo importante per capire la fusione nucleare una volta per tutte.

Immagine: www.youtube

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…