Artico: le trivellazioni offshore possono attendere



Per coloro, come me, poco esperti del settore petrolifero, sembra il più brusco dei dietrofront. La Shell sembrava pronta a trivellare nell'Artico, ma poi si è tirata fuori dopo aver completato solo una esplorazione senza successo. E poi arriva l'amministrazione Obama e apparentemente chiude la porta alla compagnia, annullando due cessioni in leasing nell'Oceano Artico in programma per il 2016 e 2017.

Ciò ha reso entusiasta il mondo ambientalista, ma secondo gli osservatori del settore del petrolio i fatti potrebbero essere diversi da come sembrano. Essi suggeriscono che la difficoltà principale della perforazione offshore artica adesso è di natura economica: si tratta di uno sforzo costoso in un momento in cui i prezzi del petrolio sono bassi;  ma quando le condizioni economiche lo permetteranno, le imprese si cimenteranno in altri tentativi di perforazione offshore dell'Artico.

"Direi che tutti comprendono la falsa partenza, ma non hanno dato il massimo," ha detto Mead Treadwell, ex luogotenente e governatore dell'Alaska e ora presidente di PT Capital, una società di investimento privato che si concentra sulle opportunità artiche.

Nel 2009, gli scienziati con la U.S. Geological Survey e diverse altre istituzioni hanno stimato che nel Circolo Polare Artico, "circa il 30% del gas e il 13% del petrolio del mondo ancora da scoprire si possono trovare nella regione artica, per lo più in mare aperto, al di sotto dei 500 metri di acqua" . Per le compagnie petrolifere, che cercano constantemente più riserve accertate, questo è stato ovviamente molto allettante.


Purtroppo il disastro Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, seguito dalla peggiore fuoriuscita di petrolio della storia, avvenuta solo un anno più tardi (20 aprile del 2010), ha reso gli americani e l'amministrazione Obama più consapevoli dei rischi specifici associati alle perforazioni offshore, fornendo un punto di riferimento alle obiezioni ambientaliste che si erano scatenate. La tesi era che se un tale disastro può verificarsi nel Golfo del Messico, una fuoriuscita nell'Artico incontaminato sarebbe stata più difficile o addirittura impossibile da contenere e pulire.

Tuttavia, nonostante la recente falsa partenza di Shell, le risorse stanno lì. Un rapporto di quest'anno del National Petroleum Council, un comitato consultivo dell' Energy Department, ha recentemente ribadito la fondamentale diagnosi della U.S. Geological Survey del 2009. Lo studio probabilmente si basa su 426 miliardi di barili di petrolio equivalenti (compreso il gas naturale) per un totale che rappresenta circa il 25 per cento delle rimanenti risorse convenzionali globali non scoperte. Lo studio ha altresì rilevato che la Russia è meglio posizionata nell'accesso a queste risorse (e si sta già muovendo per sfruttarle, seguita dagli Stati Uniti). Lo studio aggiunge che il 75 per cento delle risorse di petrolio e gas dell'Artico si pensa siano in mare aperto piuttosto che onshore.

"U.S. Arctic stima in 48 miliardi di barili di petrolio le risorse convenzionali non scoperte con oltre il 90%  sotto i 100 metri di acqua," aggiunge lo studio. Pertanto, se le grandi compagnie non si stanno muovendo è perchè c'è un problema di costi.

" Il prezzo dell'energia e i costi del capitale delle società giocano un ruolo  nelle decisioni di non esplorare, o rinviare," dice Heather Conley, vice presidente del Center for Strategic and International Studies per Europe, Eurasia e Artico con il Center for Strategic and International Studies.

E questo non riguarda sola Shell. All'inizio di quest'anno, Statoilleader nella produzione di petrolio e gas norvegese, disse che non aveva alcuna intenzione di perforare per il 2015 nel Mare di Barents. In un certo senso, tutto questo si potrebbe imputare alla decisione dell'OPEC, nel novembre scorso, di non ridurre la produzione di petrolio, una mossa che ha portato a un drammatico crollo dei prezzi del petrolio e ha introdotto un prezzo basso che persiste ancora una anno dopo. Un risultato importante, naturalmente, è stato quello di rendere più costose le forme di sfruttamento delle risorse molto più difficili da sostenere.

"Ciò non significa che non ci sarà mai interesse per le trivellazioni nell'Artico", afferma Pavel Molchanov, un analista con Raymond James. "Sicuramente nel corso del tempo è probabile che possa riprendersi. Ma, per ora, si tratta solo di uno scenario duro per farlo." Certo, non è assolutamente possibile che la distribuzione del prezzo del petrolio crollo può in effetti la finestra sugli sviluppi in U. S. Acque artiche.

"Ciò non significa che non ci sarà mai interesse per le trivellazioni Artico", afferma Pavel Molchanov, analista di Raymond James. "Certamente nel corso del tempo è probabile che si riprenderà. Ma in questo momento, è solo uno scenario difficile per farlo. "

Dopo tutto, come il problema del cambiamento climatico diventa sempre più importante - con l'Artico come sua prima icona, e gruppi ambientalisti concentrati sempre di più su una strategia  che impedisce alle imprese di sfruttare le risorse di idrocarburi a causa del rischio potenziale di aggiungere più di anidride carbonica in atmosfera, il rischio politico, già elevato, può crescere sempre più in futuro.

Tuttavia, anche se questo è il caso, questo vale più per la politica statunitense che quelle internazionali. Tutte le voci sembrano concordare sul fatto che quello che accade negli Stati Uniti, la Russia probabilmente andrà avanti, pur se le sanzioni economiche  potrebbero rallentarne l'evoluzione.

Fonte articolo: www.washingtonpost.com

Immagini: earthjustice.org - www.nationofchange.org 

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria