Passa ai contenuti principali

Buone feste dalla Nuova Caledonia


Dopo un viaggio lungo 20 mila chilometri e 24 ore tra voli e scali (Parigi, Giappone, Oceania) sono finalmente giunto all'Aeroport International de Nouméa, a una cinquantina di chilometri a nord ovest, situato su una penisola nel sud dell'isola principale della Nuova Caledonia. 

Nouméa è la capitale della speciale collettività francese della Nuova Caledonia e ospita la maggior parte degli europei dell'isola, e popolazione polinesiana, indonesiana, vietnamita, melanesiana. La città sorge sul porto principale della Nuova Caledonia.

A Nouméa ci vive da qualche anno l'amico John Keyman (nell'immagine), che ultimamente ha scritto qualche post dalla Conferenza sul clima di Parigi (COP21). Si è accasato bene ed ha un'amica della suocera muy hermosa che vuole assolutamente presentarmi. Tra l'altro, mi ha detto John, conosce una tecnica tutta particolare che contempla massaggi, relax, lunghe passeggiate e nuotate... Qualcosa che ti rimette al mondo, insomma. Non ci resta che verificare, ovviamente!

Sono venuto nel Pacifico del sud, oltre a trovare l'amico John, con l'intenzione di concedermi una lunga vacanza, ricaricarmi da una vita che comincia ad annoiarmi. Qui, in uno dei luoghi ancora trascurati delle mete balneari (ancora per poco da quanto mi è dato sapere), con una laguna dalle sette meraviglie che circonda l'isola e con le gustose prelibatezze locali, lontano dallo stress quotidiano e dalle insidie di un progresso prepotente potrò ricaricare le pile e chissà decidere di restarci.

Peccato che ultimamente a Belep, nell'estremo nord dell'isola, la Nuova Caledonia sia presa di mira dalle società di viaggio, che guardano all'isola  come nuova destinazione delle navi da crociera, come si vede nell'immagine grande. Il giornale territoriale dice che i colloqui esplorativi hanno avuto luogo tra la company Kenua e i capi tradizionali per capire quanto l'isola sarebbe pronta a far fronte ad un afflusso di turisti. Il rapporto dice che c'è preoccupazione, perchè i locali non sono abituati a vedere un gran numero di turisti che sbarcano.

Per fortuna qui fa meno freddo che nell'emisfero boreale, dove le festività natalizie spesso sono accompagnate dalla neve. A colpo d'occhio, con questo clima tropicale, è strano il Natale qui.

Auguro a tutti voi che leggete "il professor echos" ma anche a chi ci capita per caso,  

Buone Feste dalla Nuova Caledonia.

Quando ci risentiremo?

Non so. dipende molto dalla signora muy hermosa che andrò a conoscere... claro!

Immagine: www.radionz.co.nz  


I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…