Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

Guardiamo l'Africa... e buone feste a tutti

Immagine
Stiamo vivendo un'epoca difficile, dove il crescente divario tra ricchi e poveri nel mondo fa una grande differenza.

In un discorso a Liverpool la scorsa settimana, Mr Carney, il governatore della Banca d'Inghilterraha, ha affermato: "La globalizzazione è associata a bassi salari, lavoro precario, società senza stato e disuguaglianze sorprendenti."Ci sono "disuguaglianze di ricchezza impressionanti" in molte economie avanzate, ha aggiunto.

La globalizzazione è il processo attraverso il quale tutte le parti del mondo stanno diventando sempre più economicamente e culturalmente interconnessi.

Ma in questo fantasmagorico scenario mondiale, dove denaro e potere stanno prevalendo, bisognerebbe occhieggiare altrove, dove la povertà va di pari passo alla vergogna di un mondo che non ha più occhi per guardare. 

Guardiamo l'Africa, il grande continente di domani. Negli ultimi due anni, il fallimento del raccolto in Africa ha portato a carenze alimentari devastanti;…

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

Immagine
Come sappiamo l'idrogeno non esiste allo stato naturale. Bisogna produrlo ma ciò implica di usare l'utilizzo di altre energie per ottenerlo. Ma non si possono usare le energie fossili, altrimenti inquinerebbero ma se si usa energia pulita se ne ottiene poca quantità. 
In India gli scienziati dell' IIT-Kharagpurstanno lavorando a questo problema e si pongono di trasformare queste idee next-generation in realtà. 
Nel momento in cui la voracità di energia su cui si basa tutta la nostra economia fa consumare miliardi di barili annui di petrolio nel mondo, che sommati al consumo di carbone e di gas naturale, contribuiscono ad una immissione in atmosfera di milioni e milioni di tonnellate di anidride carbonica al giorno, i ricercatori dell'istitutodi ingegneriapubblica indiana stanno generando il gas dalla distillazione di acque reflue. Mai come in questo momento c'è necessita di sviluppare fonti energetiche alternative, e questa è musica per le orecchie del governo indi…

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Immagine
Come segno dei tempi, Qatar Petroleum ha deciso di  fondere Qatargas e RasGas per creare un "operatore globale di energia veramente unico" di proprietà statale. Ne ha dato l'annuncio stamane l'Amministratore delegato di Qatar Petroleum e Presidente Saad Sherida Al Kaabi precisando che la mossa per la fusione si avrebbe entro 12 mesi e le due società comincerebbero ad operare come un unico soggetto, denominato Qatargas,  "L'integrazione mira a creare un operatore globale di energia davvero unico in termini di dimensioni, servizio e affidabilità", ha detto Kaabi ai giornalisti in una conferenza stampa, aggiungendo che non ci sarebbero sate perdite di lavoro sul "lato operativo"  e che questa operazione andrebbe a salvare "centinaia di milioni di dollari"

Secondo il suo sito web, Qatargas, nella sua forma attuale, è il più grande produttore al mondo di gas liquefatto al mondo ma potrebbe presto essere superato dall'Australia.

La riscossa di Sea Shepherd nell'Oceano Antartico.

Immagine
Costruito su misura l' Ocean Warrior, un pattugliatore anti-caccia alla balena, destinato a cambiare il gioco in tavola. Sea Shepherd è impegnata a riprendere la sua lotta contro la baleniera giapponese nell'Oceano Antartico con rinnovato vigore, svelando l'ultima aggiunta al suo arsenale anti-caccia alle balene, una nave progettata su misura di 12 milioni di dollari. Il vascello è ancorato a Hobart dopo aver navigato dalla Turchia, dove è stato costruito con soldi della lotteria olandese.

Dopo una pausa di due anni - richiesto da una Corte Internazionale di Giustizia che ha causato il Giappone per fermare il suo programma di caccia "scientifica" per una stagione - Sea Shepherd è tornata alla battaglia con una nave che sostiene in grado di correre più veloce e superare le navi baleniere giapponesi.

Lo ha detto Adam Burling, portavoce di Sea Shepherd, ai visitatori ad Hobart che hanno fatto un giro guida sulla nave di 15 minuti.

Sea Shepherd Conservation Society