La corsa all'oro nel Far Space

Dall'aria che si respira negli alti vertici della finanza mondiale, dove un posto privilegiato è detenuto dall'onnipresente Google, per il prossimo futuro sembra profilarsi la più grande corsa all'oro e a moltissimi altri minerali preziosi sugli asteroidi nel sistema solare.

Dimenticate la corsa all'oro in California del 19° secolo, c'è una quantità illimitata di oro nel sistema solare. Gli asteroidi hanno campi gravitazionali molto deboli, e questo potrebbe permettere di inviare astronavi per costruire raffinerie su queste rocce interplanetarie e rispedire a casa pezzi di minerali raffinati molto a buon mercato - non ci sarebbe poi molto da  preoccuparsi dei costi esorbitanti di lancio in quanto gli asteroidi sono attirati dalla forza gravitazionale della terra e non c’è forza di attrito da parte degli asteroidi in quanto la massa della terra è maggiore di quella degli asteroidi.

Adesso tutti vogliono miniere sugli asteroidi e Luna e Marte non interessano più a nessuno.

Pensate al gran traffico di carovane spaziali con uomini attrezzati di tutto, che solcano il far space (far west) per arrivare prima e prenotarsi anzitempo un posto al sole! Roba da pazzi, a pensarci!
Scommetto che a Hollywood c'è già chi sta pensando di trarne qualche filmone!

Ora che vertici di Google, un ricco regista di Hollywood, un astronauta e un imprenditore sono saliti a bordo (del paventato progetto), si può dire che l'estrazione di minerali sugli asteroidi è solo questione di tempo! Ricchezze incalcolabili stanno per inondare il nostro mondo.

Difatti la settimana scorsa, un comunicato stampa fatto da grandi nomi come Larry Page, Ross Perot e James Cameron sul come combinare l'esplorazione dello spazio con l'estrazione delle risorse, ha reso del tutto evidente che si sta per annunciare lo start-up di progetti molto ambiziosi che circondano l'estrazione di preziosissimi minerali sugli asteroidi, molto abbondanti nello spazio e sempre più rari sul nostro pianeta. Sfruttando il sistema solare potremo arricchire l'intero pianeta con enormi ricchezze.

Il piano si concentrerà su due cose: metalli preziosi e acqua. Materiali come il platino ed elementi delle terre rare sono cruciali per l'elettronica.

Un unico asteroide metallico di 500 metri di diametro contiene probabilmente più del platino di tutto ciò che è stato estratto sulla Terra, in base alle risorse planetarie.

"Molti dei metalli e minerali scarsi sul nostro pianeta sono quantità quasi infinite nello spazio. Poiché l'accesso a questi materiali, considerando gli enormi sforzi per recuperarli sul nostro pianeta è ridotto, averne in abbondanza nello spazio, potrebbe farci fare un salto di qualità nelle innovazioni future" ha detto Peter H. Diamandis, M.D., Co-Founder and Co-Chairman, Planetary Resources, Inc. sottolineando che lo sfruttamento del sistema solare potrebbe rendere l'intero pianeta enormemente ricco.

"In 50 anni l'inclusione delle risorse spaziali potrebbe aggiungere letteralmente trilioni di dollari al PIL mondiale," ha detto Eric Anderson, co-fondatore di Planetary Resources, il cui scopo è quello di
lanciare un geometra telescopico spazio in un'orbita bassa attorno alla Terra in meno di due anni per individuare il potenziale di ricchezza dei metalli e dell'acqua sugli asteroidi e iniziare la prospezione entro quattro anni.

Probabilmente, questa valanga di minerali e metalli preziosi che verrebbe a sommergere il nostro pianeta, potrebbe essere l'inizio della fine per l'economia mondiale e del capitalismo, che a quanto pare, da molti è già considerato un malato terminale.

Immagine: commons.wikimedia.org  (nell'immagine sopra il doppio asteroide 90 Antiope)