CETO, l'energia del mare del futuro

Il primo progetto di energia del moto ondoso nell'emisfero sud è impostato per iniziare l'operazione nel  Western Australia l'anno prossimo.

Carnegie Wave Energy inizierà la costruzione del progetto su scala commerciale il prossimo anno intorno a Garden Island, con potenza erogata entro la fine del 2013.

Il ministro dell'Energia Craig Ferguson ha annunciato ieri che il governo federale contribuirà con 9,9 milioni dollari come parte del programma Emerging Renewables, con il governo dello stato che contribuirà con 5,5 milioni dollari nell'ambito del programma di sviluppo a bassa energia di emissione.

Il progetto sviluppa la tecnologia CETO, di proprietà australiana, dal nome della dea del mare primordiale nella mitologia greca, figlia di Gaia e Ponto, ed è l'unico del suo genere in tutto il mondo.

CETO offre il potenziale per rivoluzionare la produzione di elettricità e acqua a livello globale, sfruttando l'attuale enorme energia rinnovabile nelle onde dell'oceano, convertendola in due dei beni più preziosi che sostengono la crescita sostenibile del pianeta, energia elettrica a emissioni zero e zero emissioni di acqua desalinizzata.


Mr Ferguson ha elogiato il progetto nella presentazione dell'innovativa tecnologia australiana e vede nel futuro delle energie rinnovabili la crescita di molti posti di lavoro.


Sviluppato nel corso degli ultimi 10 anni ad un costo di 60 milioni di dollari nel Western Australia CETO differisce da altre tecnologie operando nel fondo dell'oceano e generando energia elettrica a terra, piuttosto che in mare aperto. A differenza di altri sistemi di energia delle onde in fase di sviluppo in tutto il mondo, l'energia del moto ondoso CETO è la prima unità ad essere completamente sommersa.

Le unità Ceto muovono con il movimento delle onde di passaggio, azionano pompe che forniscono acqua in pressione a terra attraverso un gasdotto, che a sua volta aziona le turbine idroelettriche. Oltre a generare elettricità emissioni zero, l'acqua in pressione fornita a terra può anche essere utilizzata per fornire un impianto di dissalazione.

L'esclusiva tecnologia australiana è già stato sperimentata dal primo produttore al mondo di energia elettrica, la società francese EDF, per l'uso sull' isola della Reunion.

Il progetto onshore impianto di generazione di energia prevede di produrre 2 megawatt di elettricità entro il 2014, con successiva espansione a 5 megawatt. Esso è situato nella più grande base della Royal Australian Navy, HMAS di Stirling, la principale base sulla costa ovest (Fleet Base West) dell'Australia . Si trova sulla Garden Island nello stato del Western Australia, vicino alla città di Perth

Immagine: rechargenews.com


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria