Corea: la Blue Economy alla scoperta degli oceani


Con il tema “Vision of the Blue Economy and Ocean Governance" si è tenuta a Busan, Corea, il 6th World Ocean Forum.  La conferenza di tre giorni ha riunito circa 3.000 studiosi, funzionari governativi e leader del settore dell'oceano dalla Corea e dall'estero per la discutere sull'uso sostenibile e lo sviluppo degli oceani.

In Corea, come in tante altre nazioni del pianeta, il termine “blue economy”  non ha ancora guadagnato un'ampia diffusione. Esso è stao presentato al pubblico attraverso il forum e l'esposizione internazionale in corso in Yeosu, il cui tema è “The Living Ocean and Coast.”

In poche parole, il termine si riferisce ad un oceano basato su un'economia che è economicamente e ambientalmente sostenibile. Esso evidenzia il ruolo degli oceani nel perseguire una crescita verde, una nuova strategia volta a fronteggiare il cambiamento climatico e la penuria di risorse naturali. In anni recenti, il concetto di Blue Economy ha acquisito la trazione nelle principali potenze marittime come  Stati Uniti,  Unione europea , Cina e Giappone. Per esempio, lo scorso anno la Cina designato la penisola dello Shandong come una zona blu economica, sulla base di una visione presentata dal presidente Hu Jintao.

Questi paesi stanno cercando di raggiungere una blue economy non appena hanno riconosciuto il valore del mare - una fonte inesauribile di energia. Se il mondo può sfruttare il suo vasto potenziale di energia, sarebbe in grado di cambiare in meglio il problema climatico.

Questo punto è stata una iniziativa di U.K. Marine Foresight Panel : "Se lo 0,1 per cento di energia rinnovabile disponibile all'interno degli oceani fosse convertita in energia elettrica, sarebbe in grado di soddisfare 5 volte di più l'attuale domanda mondiale di energia ."



L'oceano è anche un tesoro di risorse naturali. Esso contiene enormi quantità di petrolio, gas ed altri importanti minerali quali rame, manganese, nichel, oro e zinco. Poiché le risorse naturali terrestri si stanno esaurendo, il mondo non ha alternative, se non di attingere alle risorse marine.

Le nazioni possono anche creare nuovi posti di lavoro e promuovere la crescita economica, investendo in risorse marine e costiere. Le industrie basate sulle risorse marine  hanno forti legami a ritroso con altre industrie. Questo significa che gli investimenti in questi settori hanno un ampio effetto a catena sull'economia.

Come tale, realizzare una blue economy è essenziale se un paese cerca di rendere la propria economia verde. Questo punto deve essere portato a casa dai responsabili politici coreani, dato che la Corea è un paese marittimo circondato dal mare su tre lati e ha forti industrie oceaniche.

La blue economy è una visione che pone molte sfide difficili. In primo luogo, essa richiede una espansione della conoscenza umana e la comprensione del mare.  Negli ultimi anni, la scienza
e la tecnologia marina hanno raggiunto notevoli progressi, rendendo l'oceano più accessibile.

Da alcuni decenni l'uomo ha mostrato grande interesse per lo spazio: a parte la Luna,  su cui ha messo piede più volte, altri pianeti del Sistema solare, Marte in primis, sono stati visitati molte volte da satelliti tecnologici di alta precisione

Eppure l'oceano, che copre il 71 per cento della superficie terrestre, di cui meno del 10 per cento è stato esplorato, resta ancora un mondo in gran parte sconosciuto al genere umano

Per costruire un'economia blu, è essenziale garantire le capacità tecnologiche per sviluppare le risorse marine. Mentre l'oceano contiene vaste risorse naturali, solo una piccola parte di esse sono stati effettivamente utilizzate.

Inoltre, lo sviluppo commerciale di alcune delle risorse marine spesso richiedono la creazione di una nuova industria. Ad esempio, la produzione di petrolio in acque profonde si basa su una nuova industria consistente di imprese specializzate in ogni fase del processo dall'esplorazione al funzionamento degli impianti di produzione.

Un uso sostenibile e lo sviluppo delle risorse oceaniche chiede inoltre l'istituzione di un regime di governance in grado di prevenire lo sfruttamento sconsiderato delle risorse e l'inquinamento ambientale. I principali paesi marittimi tendono ad istituire un regime integrato di governance, allorchè gli ecosistemi marini sono interconnessi.

La governance degli oceani è uno dei temi chiave al Busan forum, ed esperti nazionali e stranieri sono invitati a dire la loro se la Corea debba tornare ad un regime di governance integrata.

La Corea ha istituito il Ministero degli Affari marittimi e della pesca nel 1996 per mettere insieme le funzioni marittime che erano state divise tra le varie agenzie.  Ma  fu poi abolito nel 2008.

Recentemente, gli esperti marini coreani chiedono a gran voce il rilancio del ministero in quanto necessario per integrare la governance degli oceani in mezzo alla crescente importanza del mare.

Molti esperti marini ritengono che il 21 ° secolo è "l'età del mare". Gli oceani  potranno senza dubbio aiutare le nazioni a trovare soluzioni al peggioramento dei problemi ambientali  e alla carenza di risorse. Ma presenta anche numerose sfide. Speriamo che il forum ispiri nuove idee che aiutino a superare queste sfide.

Immagini: global1.youth-leader.org - mykomec.blogspot.com


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Granny, l'orca secolare e suoi 100 giri del mondo

C'era una volta il Polo Nord

Idrogeno, la realtà della prossima generazione

L'ultimo oceano: il regno del pinguino

Qatargas, la mossa strategica sul gas liquefatto

Il riscaldamento globale nell'immaginario collettivo

Land grabbing senza pietà tra le tribù indigene del Borneo