Indonesia: acquistare crediti di carbonio per il bene di tutti

In Indonesia, il mese di giugno è noto per avere il cielo sereno, giornate soleggiate e temperature calde.  Eppure, Jakarta e dintorni sono stati sommersi da forti acquazzoni e inondazioni quasi ogni giorno dall'inizio di questo mese.

E 'un segno del cambiamento climatico?


Potrebbe essere. In realtà, il cambiamento climatico non è una minaccia inverosimile, si tratta di un pericolo chiaro e presente che si cela dietro la nostra vita quotidiana.


"The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC)  ha pubblicato ricerche e indagini da parte degli scienziati di tutto il mondo su questo argomento", ha dichiarato Arif Aliadi, direttore esecutivo di Lembaga Alam Tropika Indonesia (Latin). 


"I risultati sono sorprendenti. Tra il 1990 e il 2005, c'è stato un aumento della temperatura globale tra 0,15 e 0,3 gradi Celsius. Se la temperatura continua ad aumentare, entro il 2040, tutti i ghiacciai si scioglieranno e causeranno gravi inondazioni in tutto il mondo. Le isole saranno inghiottite e milioni di persone moriranno ".


Latin è una ONG che aiuta le comunità locali nel gestire le loro risorse naturali in modo collaborativo e sostenibile. Arif ha detto che il problema globale deriva da un grande impatto locale.



"Il cambiamento climatico non risparmia neppure l'Indonesia", ha detto. "Uno studio condotto dal Bandung Institute of Technology nel 2007 ha rivelato che l'acqua Jakarta Bay sale di livello di 0,8 centimetri ogni anno. Se la temperatura continua ad aumentare, entro il 2050, le aree del Nord di Jakarta, come Kosambi, Penjaringan e Cilincing sarà permanentemente inondati. "




I cambiamenti climatici non riguardano solo Jakarta. Se la temperatura globale continua ad aumentare, entro il 2050, l'Indonesia perderà oltre 2.000 isole a causa del livello del mare.


Sulla base di studi e ricerche, l'IPCC ha concluso che il livello crescente di anidride carbonica nell'atmosfera è una delle cause principali del cambiamento climatico.


La combustione di combustibili fossili, come petrolio e carbone, per il trasporto umano e il riscaldamento domestico fa sì che il livello di anidride carbonica tende a salire.


Un'altra causa principale del livello di anidride carbonica è la deforestazione.



La deforestazione causa un rilascio immediato di emissioni di anidride carbonica, che originariamente era uno stock di carbonio immagazzinato negli alberi. Gli alberi sono stati chiamati i polmoni della Terra e che è molto più di una metafora: essi assorbono più di 2 miliardi di tonnellate metriche di anidride carbonica all'anno.

L'IPCC dice che che ridurre e prevenire la deforestazione è l'opzione con l'impatto più grande e più immediato per prevenire che le emissioni di anidride carbonica vengano rilasciate nell'atmosfera.


Il 22 maggio, Latin ha annunciato il suo schema commerciale nazionale del carbonio in Jakarta. Lo schema si basa sul Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation scheme, meglio conosciuto come REDD, introdotto dal protocollo di Kyoto.


Il Protocollo di Kyoto è un accordo internazionale del 2005 tra i paesi per ridurre le loro emissioni di carbonio, ed è parte della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici volto a combattere il riscaldamento globale.


I paesi sviluppati hanno anche il permesso di acquistare crediti di carbonio provenienti da paesi in via di sviluppo per compensare le loro emissioni di anidride carbonica di grandi dimensioni.



I paesi in via di sviluppo quindi utilizzano il denaro generato dalla vendita dei crediti di carbonio per mantenere le loro foreste e migliorare la vita del loro popolo.


Le aziende che acquistano crediti dai paesi in via di sviluppo possono guadagnare il diritto di utilizzare l'etichetta verde sui loro prodotti.


Secondo un rapporto della Banca Mondiale, il mercato del carbonio è in rapida crescita sui mercati finanziari in tutto il mondo. Il suo valore di mercato si è ampliato da 10 miliardi di dollari nel 2005 ai 142 miliardi nel 2010, 


Il commercio del carbonio è un business redditizio per l'Indonesia. Un rapporto del Ministero delle foreste del  2010 ha rivelato che l'Indonesia ha avuto più di 132 milioni di ettari di foresta. 


Purtroppo, più di 30 milioni di ettari di foreste indonesiane sono in condizioni critiche a causa del disboscamento illegale e la deforestazione.


L'agenzia centrale per le statistiche (BPS) nel 2008 ha rivelato che c'erano 48,8 milioni di persone vivevano nelle foreste o nei loro dintorni. Circa 35 milioni vivono in estrema povertà.


"Così, il sistema di scambio del carbonio può fornire una soluzione ideale per questi problemi [deforestazione e povertà]," ha dichiarato Arif. "Bisognerà incoraggiare la gente a prendersi cura delle loro foreste locali, che a loro volta daranno loro benefici finanziari."


Tuttavia, non è facile entrare nel mercato internazionale del carbonio. Gli agricoltori locali e i proprietari di terreni forestali devono passare un test standard internazionale prima di essere approvati per il regime.

"Gli acquirenti vogliono sapere con certezza cosa stanno comprando. Di conseguenza, gli agricoltori locali dovrebbero essere in grado di quantificare lo stock di carbonio nelle foreste, con una metodologia internazionalmente approvato per guadagnare trust degli acquirenti ", ha detto Fabby Tumiwa, direttore dell' Institute for Essential Services Reform.

IESR è una ONG che funge da think tank per le comunità civili per sostenerle e incoraggiarle nelle riforme nel settore dell'uso sostenibile delle risorse naturali.

Secondo Fabby, lo stock di carbonio di una foresta si trova nella suo biomassa (organismi viventi) e necromassa (organismi morti). Tutto deve essere oggetto di campionamento e calcolato accuratamente e correttamente per ottenere la corretta quantità stock di carbonio.
Per entrare nel mercato internazionale del carbonio, le foreste dovrebbero essere certificate da un organismo riconosciuto a livello internazionale. Dopo aver ricevuto il certificato, le foreste sono riviste annualmente dall'organizzazione per mantenere lo standard internazionale. "Questo processo è anche molto costoso e richiede tempo", ha detto Fabby.

Poiché il processo è così complesso e costoso, Latino ha scelto di concentrarsi sul mercato nazionale del carbonio. Nel suo schema, la ong incoraggia persone e aziende in Indonesia per compensare la loro impronta di carbonio con l'acquisto di crediti di carbonio da parte delle comunità locali che gestiscono le foreste.

Dal 1995, Lembaga Alam Tropika Indonesia ha lavorato con le ONG locali per sviluppare 10 aree forestali  e comunità in Indonesia, tra cui le foreste in Gunung Kidul a Yogyakarta, Meru Betiri National Park in East Java e Merangin in Jambi, Sumatera centrale.

Latin calcola lo stock di carbonio all'interno di queste foreste utilizzando il set standard dal International Center for Research in Agroforestry.

"L'enorme stock di carbonio nelle foreste indonesiane ha un sacco di potenziale per fermare il cambiamento climatico e l'autonomia delle comunità locali", ha detto Arif.

Attraverso il sistema nazionale di scambio del carbonio, le aziende e gli individui possono scegliere di donare soldi per finanziare il progetto o per acquistare crediti di carbonio per compensare le loro emissioni.

Da oggi a metà del 2013, Latin si concentrerà sull'introduzione del suo concetto di società in Indonesia.


"Sigarette, petrolio e gas e le società minerarie sono quelle con più grandi emissioni di anidride carbonica," ha dichiarato Arif. "Dobbiamo incoraggiarle per compensare le loro emissioni e creare un ambiente di vita migliore per tutti".
Immagini: flickr.com - carbontwin.com 












Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria