Paesi Bassi: il maestoso Progetto Delta

Viene chiamata pure l'ottava meraviglia del mondo, anche se forse certe definizioni andrebbero attribuite a ben altre grandi opere del passato.

E' l'enorme barriera anti tempesta in provincia di Zeeland, Paesi Bassi, nota come il Progetto Delta, che è stata progettato per prevenire un altro grande alluvione come quella che si è verificato nel 1953, in cui persero la vita 1.835 persone. Ma questo progetto di ingegneria idraulica, unico nel suo genere, che è stato costruito in 13 anni ad un costo esorbitante di 3,6 miliardi di euro, è anche una grande attrazione turistica.


I visitatori possono realmente camminare all'interno della struttura, o vederlo dalla barca. 

Particolarmente interessante è il film di 30 minuti Delta Finale, dove si parla della lunga costruzione del progetto, che ha testato i limiti della tecnica contemporanea. 

Non solo sono state progettate delle navi realizzate appositamente per la costruzione della barriera (i modelli di loro sono in mostra), ma una serie di nuove tecniche costruttive sono state concepite per la definizione dei parametri che hanno attirato l'attenzione internazionale.

Gli uomini in particolare, a quanto pare, sono stati impegnati da incredibili acrobazie ingegneristiche, tanto da rendere il Delta Works, una gita ideale per il  Father's Day.

C'è molto da fare lì e gran parte di esso è orientata verso la famiglia. Dopo una visita guidata, è possibile esplorare le diverse opere, come il "Delta Expo" o la "Exhibition 1953 Flood," che dettaglia il tributo di vite umane, attraverso fotografie drammatiche, testi e clip audio. 

A parte la perdita di quasi 2.000 vite umane, il disastro ha inoltre interessato 35.000 capi di bestiame, 72.000 sfollati e inondato 200.000 ettari di terreno.

Il completamento del Progetto Delta nel 1986 ha garantito la regione e i suoi abitanti che sarebbero stati protetti dalle inondazioni, almeno per i prossimi 200 anni  Ora, ogni volta che i livelli di acqua alta coincidano con le tempeste, la barriera, con le sue enormi 62 porte d'acciaio è chiusa - un processo che richiede un'ora - ed è qualcosa che si verifica solo una volta ogni pochi anni.

La barriera anti tempesta ha cambiato il paesaggio in più modi. Quando iniziò la costruzione, i lavoratori scoprirono, tra le altre cose, migliaia di ossa fossili di animali preistorici. Uno di loro apparteneva a un enorme toro mammut (esposto nel centro visitatori) di circa 4 metri di altezza e 5 metri di lunghezza

Si è stimato che Max, come è stato chiamato, aveva circa 55 anni quando morì 30 o 50 mila anni fa.

Il progetto Delta ha comportato la creazione di nuove riserve naturali e aree ricreative, mentre la costruzione di una lunga strada in cima alla barriera collega ora le isolate Zeeland islands  alla terraferma.

Continua con altri dettagli sugli svaghi ivi contemplati su torontosun.com

Immagine:  torontosun.com


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria