La spazzatura invade le acque del mondo

Ogni anno finiscono in mare milioni di tonnellate di rifiuti.

I dati sono impressionanti. 6,4 milioni di tonnellate di oggetti di plastica, con lattine di alluminio e imballaggi in polistirolo finiscono ogni anno nelle nostre acque e contaminano l'ambiente.

D'estate poi, i consumi si moltiplicano, contribuendo a gettare in mare 58 miliardi di bicchieri e 200 miliardi di bottigliette di plastica che rimarranno intatti per mille anni mentre per smaltire un solo cotton fioc ci vogliono 30 anni e per una sigaretta 5 anni.

Il fenomeno è così imponente che tra Stati Uniti e Giappone in seguito a correnti fortissime si è formata una vera e propria isola di plastica e altri rifiuti. Le stime della sua grandezza variano da 700 mila a 15 milioni di chilometri quadrati. Ma questa in realtà è solo una delle isole dei rifiuti del pianeta.

Bisogna sapere che l'azione del mare scioglie gli additivi e fa ritornare la plastica allo stato originario: frammenti che si fondano con il plankton e poi vengono divorati dalle creature marine mettendo a rischio 260 specie tra cui tartarughe e leoni marini e arrivando persino all'uomo. Attraverso il pesce le pericolose particelle possono finire direttamente sulla nostra tavola.

Ora poi, a più di un anno dallo tsunami in Giappone,i detriti di plastica del tragico evento stanno contribuendo ad ingrandire sempre più l'isola di plastica (great pacific garbage patch).

Sembra che ora sia di 2.000 miglia di larghezza.

"L'intero North Pacific Gyre è oggi una zona di accumulo enorme di inquinamento di plastica", hanno detto i ricercatori che hanno fatto il loro primo viaggio attraverso il cosiddetto Pacific Garbage Patch Giant fin dai 2011

Tra gli oggetti di grandi dimensioni i ricercatori hanno trovato mezza la metà di un peschereccio giapponese e un pneumatico completamente gonfio.

Marcus Eriksen , il capo della spedizione e il suo equipaggio hanno rilevato che la maggior parte dei detriti sono in plastica e in 41 ore di osservazione ne sono arrivati ammassi ogni 3,6 minuti di osservazioni cronometrate.


Altri pezzi di detriti dello tsunami che hanno colpito le coste dell'America del Nord includono barche, palloni da calcio e un contenitore di spedizione di una Harley-Davidson. Nel mese di giugno, una banchina di 20 metri mezza distrutta dalle onde si è arenata sulla spiaggia di Agate Beach vicino a Newport, Oregon (nell'immagine).