Metalli e minerali: quanti ce ne sono ancora?

Il mese scorso nel Regno Unito c'è stata una forte protesta contro i ladri di metalli perché hanno rubato una targa dedicata a due bambini uccisi da una bomba  in un attacco dell'IRA a Warrington.

E ' stato l'ultimo atto di una pandemia di furti di metalli che vanno dai tetti in piombo delle chiese al rame dei cavi ferroviari.

Questo non significa che si sta raggiungendo una carenza di questi metalli, piuttosto sta a significare che i metalli hanno raggiunto un valore che rende possibile un crimine a basso rischio.

Noi soffriamo la carenza di metalli perché la popolazione mondiale cresce e diventa più ricca? Può darsi!

La domanda dei metalli sicuramente sta aumentando - ma è impossibile prevedere in che misura perché la carenza è determinato da una complessa equazione che coinvolgono la richiesta, la disponibilità, i costi di estrazione e la lavorazione, miglioramenti della tecnologia e la sostituibilità - tutte queste voci influenzano lo stato dell'economia.

In primo luogo la disponibilità: non possiamo dire quanto metallo si trova nella crosta terrestre, e più si cerca più si trova.

Molti nuovi ritrovamenti, però, vengono diluiti. I minerali di rame utilizzati per contenere quanto più il 30% di rame. Ora le aziende stanno intervenendo su rocce contenenti più di 1% di rame.

E' altamente probabile che in futuro i metalli saranno sempre più costosi.

Però, le nuove tecnologie per l'estrazione possono attenuarne il costo. In Cile, ad esempio, si sta sviluppando il bio-mining - un processo che utilizza batteri per liberare il rame dalle rocce, risparmiando soldi ed energia.


La domanda futura per i metalli dipenderà dallo stato di sviluppo economico e la diffusione della ricchezza. Essa dipenderà anche dalla sostituzione che dovrà essere trovata. In Michigan, negli Stati Uniti per esempio una società sta tentando di ridurre drasticamente il costo della fibra di carbonio per poterlo utilizzare nelle pale eoliche.



Questa leggera sostituzione elimina la necessità di acciaio per le lame e riduce la necessità di acciaio nella torre della turbina. Un'altra impresa è in acciaio super-hardening in modo meno di esso deve essere utilizzato.

Questa sostituzione leggera elimina la necessità di acciaio per le lame e riduce la necessità di acciaio nella torre a turbina. Un altro studio è il super d'acciaio da cementazione in modo che possa esserne utilizzato sempre di meno.

Anticipi come questi sono difficili da prevedere. E' anche impossibile prevedere quali saranno i minerali che improvvisamente andranno di moda.

Un rapporto di Green Alliance, un "serbatoio di pensiero" britannico, ha raccolto sette recenti studi sulla carenza di minerali.

Ferro e alluminio sono così abbondanti che non hanno ottenuto alcuna menzione. C'era poca preoccupazione espressa per il rame, argento o cromo.


Ma ci sono notevoli preoccupazioni per quei minerali che sono la polvere d'oro della nuova economia: antimonio, utilizzato nei ritardanti di fiamma e micro-elettronica; gruppo dei metalli del platino, utilizzato nei convertitori catalitici, celle a combustibile, telefoni e dischi rigidi; e il litio, utilizzato nelle batterie.



L'indio, utilizzato per schermi piatti e touch screen, è una preoccupazione ancora maggiore.


Ma la preoccupazione più grande sono i metalli delle terre rare, il cui prezzo di mercato, in alcuni casi, è salito fino al 2.000% in un anno.

Le terre rare utilizzati nelle lampade fluorescenti consentono di risparmiare energia. Il lantanio è molto richiesto per le batterie per auto ibride.

Disprosio, neodimio e praseodimio migliorano l'efficienza dei magneti ad alta potenza, veicoli elettrici e turbine eoliche.

I metalli delle terre rare in reltà non sono realmente rari, ma i timori crescono in quanto la Cina, che ha i più grandi depositi, sta imponendo restrizioni alle esportazioni con la scusa che essi sono  necessari per i produttori nazionali.


Questo atteggiamento ha creato quindi una corsa alla produzione di terre rare in altri paesi e il prezzo è crollato nella recessione così queste ansie si sono un poco attenuate.

Ma la minaccia di carenza raramente riesce a provocare una reazione riflessiva  e la mini-crisi ha stimolato i responsabili politici a riflettere sul come si possa riciclare di più dai metalli che si utilizzano.


Questo però è più facile a dirsi che a farsi.

L'alluminio, che è conveniente e facile da recuperare, viene riciclato a livello mondiale ad appena il 60-70% perché è difficile da configurare nei sistemi di raccolta completi. Il rame viene riciclato solo per il 40% anche se il 99% è potenzialmente riutilizzabile.

Quando si tratta di metalli incorporati in prodotti complessi come telefonini, circuiti e schermi il compito è molto più difficile. E in più le auto diventano computer su ruote, meno facili da distruggere e recuperare il metallo.


I progettisti sono invitati a realizzare prodotti che possono essere smontati e che siano riciclabili, ma questo significa spesso aumentare il peso e l'uso dei materiali.

E c'è un doppio paradosso. I progettisti più riducono le quantità di metalli nei prodotti, meno utili è il riciclarli.

E anche se otteniamo un riciclaggio dei metalli più intelligente nella fornitura a breve, non si potrà stare al  passo con il previsto aumento della domanda.


C'è un altro fattore da considerare: l'ambiente. Come nei metalli c'è una maggiore diluizione, più si utilizza  energia e acqua, anch'esse sotto crescente pressione.

Come tanti altri fattori di stress per il mondo, i metalli non esistono in isolamento. Ed è la combinazione di sollecitazioni che danno a molti analisti tali preoccupazioni.

QUI, un vecchio post sullo stesso argomento


Immagini: bloomberg.com - telegraph.co.uk