La salute dei mari del mondo è buona


Lo stato di salute del mare nel mondo è promosso con la sufficienza, raggiungendo un punteggio di 60 voti su cento.

Questo il quadro del primo indice per la salute degli oceani (Ocean Health Index).  

Il nuovo sistema di valutazione tiene conto, oltre delle condizioni degli ecosistemi marini, anche dei benefici per l'uomo.

Le dieci "materie d'esame": sono la pulizia delle acque, la biodiversità, la disponibilità di cibo e l'economia costiera, la possibilità di pesca artigianale, prodotti naturali, stoccaggio del carbonio, protezione costiera, mezzi di sussistenza e le economie costiere, turismo e tempo libero, il senso del luogo.

L'indice analizza le situazione di ogni Paese costiero del mondo dal punto di vista ecologico, sociale, economico e politico.  

Tra i primi della classe ci sono le coste nordeuropee, come quelle tedesche, poi bene Canada, Australia e Giappone. Il miglior punteggio in assoluto è andato alle isole Jarvis, un atollo deserto nel Pacifico (nell'immagine).

Maglia nera ai mari dell'Africa occidentale, del Medio Oriente e dell'America centrale.      

Sufficienza anche per i mari italiani, ottimi per la biodiversità e pulizia, ma bocciati per la protezione e il turismo.

Fonte: TelevideoOcean Health Index

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria