In natura esistono termiti kamikaze, e sono davvero terribili!


Chissà se gli attacchi suicidi rimbalzati agli onori della cronache nell'ultimo decennio, messi in opera da una parte agguerrita del mondo islamico,, non siano stati ispirati dal comportamento di alcuni tipi d'insetti sud americani, che effettuano missioni suicide armati dei loro zaini esplosivi, e sui quali Thomas Bourguignon, un ricercatore presso la Hokkaido University in Sapporo, Giappone, è co -autore di uno studio che parla di questi insetti e della loro insolita strategia di guerra.

Nascosti nella foresta pluviale della Guyana francese, gli scienziati hanno recentemente scoperto una specie di termiti che si è evoluta in modo che i suoi lavoratori, che per ragioni anagrafiche non sono più in grado di fornire contributi importanti in termini di benessere alla comunità, crescano portandosi dietro due macchie bluastre che contengono cristalli costituiti da un liquido blu tossico formato da rame contenente proteine, ​​memorizzati in due sacchetti esterni, pieni di secrezione, visibili sulle spalle dell'addome.

I cristalli reagiscono con le secrezioni delle ghiandole salivari memorizzati nel loro addome per creare una goccia tossica che può uccidere o paralizzare le termiti operaie di un'altra specie.
Una micidiale arma segreta nel proprio arsenale difensivo, "qualcosa che è davvero eccezionale", ha detto Bourguignon.

Questa specie di termite, conosciuta col nome scientifico Neocapritermes taracua, nei combattimenti coi loro avversari quando si affrontano mandibola contro mandibola, se si accorgono che stanno perdendo la battaglia, utilizzano la loro micidiale arma segreta contraendo i muscoli che fanno rompere le pareti addominali. Questa reazione innesca qualcosa di molto crudele: una volta che "lo zaino esplosivo" si è squarciato, il mix di cristalli blu con la saliva conservati nelle ghiandole erutta gocce tossiche velenose, uccidendo se stessi e tutti gli avversari intorno.

Anche se le termiti sono un parassita noti ai proprietari di case - la loro tendenza a sgranocchiare il legno provoca miliardi di dollari di danni ogni anno nei soli Stati Uniti.

Per gli scienziati questi insetti sono un enigma da studiare, in parte perché sono difficili da osservare: si tendono a scavare nidi nel terreno o nel legno marcio, sigillando le uscite dietro di loro e raramente ne escono.

Molte specie vivono anche in regioni remote dove difficilmente entrano in contatto con la gente.
I ricercatori stimano che ci sono circa 4000 specie di termiti in tutto il mondo - esistono in tutti i continenti tranne in Antartide - ma gli scienziati hanno identificato solo circa la metà di quelli che pensano siano visibili.

Come le formiche, api e vespe, le termiti vivono in società in cui ogni insetto svolge un ruolo specifico. I soldati e gli operai sono spesso sterili e non possono trasmettere i propri geni. Al contrario, i loro sforzi sostengono le attività riproduttive della fertile "regina" e "re" con cui sono in relazione. E tra termiti e altri insetti eusociali, non è insolito per un individuo rischiare la propria vita per difendere la colonia. Ma l'autodifesa suicida - in cui i difensori compiono l'ultimo sacrificio facendo schizzare fuori i loro succhi corporei - è rara.

Fonte: www.onearth.org/
Immagine: scienceray.com