La sicurezza energetica nel mondo



Secondo il Chamber of Commerce, che studia i  più grandi consumatori di energia per nazioni, il Messico, che ha potere di monopolio sulla sua produzione di petrolio e di vendita, ha il più alto livello del mondo nella sicurezza energetica.

La proprietà statale Petroleos Mexicanos  è una delle aziende più grandi del mondo di petrolio, mentre la Messico spesa energetica e le emissioni di anidride carbonica per persona sono relativamente basse, secondo lo studio pubblicato ieri, che ha esaminano i dati di 25 paesi dal 1980 al 2.010.

"Si tratta di un paese molto ricco di risorse con l'utilizzo di energia molto bassa per persona," ha detto in una conferenza stampa a Washington, Karen Harbert, presidente dell'Istituto della Camera per l'energia del 21 ° secolo,  notando che il Messico non può mantenere lo status nel futuro. "In Messico la produzione di petrolio sta scendendo mentre il loro uso dei trasporti sta salendo."

Per gli Stati Uniti la produzione di energia è diventato un problema di sicurezza nazionale a partire almeno dall'embargo petrolifero arabo del 1970 causato dai i prezzi della benzina che sono saliti. Secondo la US Energy Information Administration, solo lo scorso anno gli Stati Uniti hanno importato circa il 45 per cento del loro petrolio, con circa il 22 per cento di provenienza dal Medio Oriente. La dipendenza degli Stati Uniti dalle importazioni di energia è diminuita dal 2005, in mezzo al rallentamento economico mondiale ed è aumentata la dipendenza da altri combustibili altri compreso il gas naturale.

Gli Stati Uniti, che nel rapporto si è classificata settima nella sicurezza energetica, può diventare un esportatore netto di gas naturale entro la fine di questo decennio. La "crescita del shale gas e petrolio hanno fatto una differenza incredibile per la sicurezza energetica degli Stati Uniti e questo appare come un modello che è destinata a continuare."

Secondo questo rapporto, mentre il Messico è al primo posto nel settore della sicurezza, i rischi per lo stato sono in aumento. Anche se la nazione è ial settimo posto mondiale nella produzione petrolifera, la sua produzione è in declino e  le importazioni di gas naturale sono aumentate dal 1989.

Lo studio ha esaminato 28 parametri tra cui le importazioni di combustibili fossili, la produzione di energia e le emissioni di anidride carbonica, tenendo conto dei dati  della U.S. EIA and the Paris-based International. 

Il rapporto mostra pure le nazioni in cui la sicurezza energetica è meno a rischio. Esse sono Regno Unito, Norvegia , Nuova Zelanda , Danimarca, Australia. Quelle in cui la sicurezza energetica è a più alto rischio sono Stati Uniti, Ucraina, Thailandia, Corea del Sud, Paesi Bassi, Brasile, Italia, Turchia e Giappone.

"Senza le risorse energetiche interne il Giappone importa quasi totalità dei carburanti", secondo il rapporto. In Giappone la riduzione del ricorso all'energia nucleare dopo il terremoto e lo tsunami del marzo 2011 ha innescato un crollo della Tokyo Electric Power Co.  L'incidente ha creato una forte opposizione pubblica al nucleare, e tutti gli altri impianti atomici giapponesi chiuderanno quest'anno.

La Cina , che è la seconda più grande economia al mondo si attesta al 15 ° posto nella lista del Chamber of Commerce. Secondo il rapporto "la produzione di energia nazionale della Cina non è stata in grado di tenere il passo con la domanda, ed importa una parte crescente del carburante che utilizza".

Immagine: bankwatch.org/