Cambogia: violenze, ruberie e land grab per il legno pregiato

Da qualche tempo in Cambogia si sta intensificando la distruzione delle foreste tropicali, tanto che gli abitanti dei villaggi interessati e gli attivisti di questa povera piccola nazione del sud-est asiatico, non fidandosi della polizia locale dove i casi di corruzione abbondano, si sono uniti per difendere le preziose risorse del loro paese. Ma così facendo, stanno diventando obiettivi per uccisioni, persecuzioni, violenze da parte di potenti interessi privati ​​che traggono profitto dal commercio del legname.

Secondo UN’s Food and Agriculture Organization, circa 2,8 milioni di ettari - un'area più o meno vasta come il Belgio - è stato perso tra il 1990 e il 2010.

Questa ruberia senza scrupoli è stata scoperta quando la moglie di un giornalista aveva denunciato alla polizia locale la scomparsa del marito. Tre giorni dopo, era l'11 settembre, nel bagagliaio di una automobile, abbandonata in una remota piantagione di anacardi, fu scoperto il cadavere di un giornalista del Vorakchun Khmer Daily, che si era messo a indagare sul disboscamento illegale di legname pregiato nella giungla della provincia di  Ratanakkiri. nel nord-est del Paese.

Il giornalista Hang Serei Oudom , aveva già scritto numerosi articoli sul disboscamento illegale, questioni sociali e land grabbing, e  appena qualche giorno prima aveva pubblicato un articolo accusando il capitano della polizia  militare di contrabbando di legname in veicoli militari.

Oudom è la terza vittima di quest'anno il cui assassinio sembra legato al disboscamento e land grabbing in Cambogia. Decine di abitanti e attivisti sono stati incarcerati o feriti cercando di difendere le foreste e i diritti della terra.

Già nel mese di aprile, era stato ucciso, presumibilmente dalla polizia militare, un attivista ambientale di nome Wutty Chut , che stava indagando commercio illegale di legname nel sud-ovest della Cambogia.. Nel mese di maggio, una ragazza di 14 anni, è stata uccisa dalle forze di sicurezza nel corso di un sgombero forzato di un villaggio nel centro della provincia di  Kratie.

Mam Sonando, un giornalista indipendente proprietario della stazione radio Phnom Penh 's Radio Beehive, è stato condannato a 20 anni di carcere il primo ottobre per incitamento a un "movimento secessionista" nel villaggio sfrattato - una carica che gruppi per i diritti civili descrivono come priva di fondamento.


"Persone potenti della provincia" che beneficiano del commercio del legname, colpiscono tutti coloro che interferiscono nei loro affari" denuncia Pen Bonnar, coordinatore provinciale per il locale gruppo di diritti umani Adhoc

Fino ad ora, la polizia ha arrestato due sospetti per l'omicidio di Oudom, ma Bonnar pensa che dietro l'uccisione del giornalista vi siano figure più influenti, come funzionari di alto rango.

Secondo Patrick Alley del Global Witness, che ha sede nel Regno Unito, la violenza sulle risorse naturali della Cambogia ha raggiunto "livelli senza precedenti." Le vittime "dovrebbe essere annunciate come eroi nazionali per la protezione dell'ambiente e le loro comunità, invece si trovano ad affrontare sempre più la persecuzione, mentre quelli responsabili restano a piede libero".

Gli omicidi, ha detto ancora Alley , "sono indicativi della lotta in aumento della élite politica ed economica della Cambogia per afferrare ciò che rimane della terra del paese e delle foreste per se stessi ed eliminare chiunque si metta sulla loro strada.

In Cambogia le perdite forestali sono drasticamente peggiorate in seguito all'aumento del taglio illegale di specie di legno di lusso, e al rapido aumento di licenze d'imprese agroindustriali, che rappresentano la minaccia maggiore per le foreste cambogiane per colture come la gomma. 

Per la lega promozione e difesa dei diritti umani Lichadho il governo ha a lungo propagandato investimenti in piantagioni come un importante modello di sviluppo rurale, ma negli ultimi anni il numero delle concessioni approvate, è saltato, e le imprese ora controllano circa 2,1 milioni di ettari di terra, secondo la ricerca di Licadho locale gruppo per i diritti. Le concessioni sono molto controverse, in quanto molte aziende sono accusate di violazioni dei diritti umani e di un vasto land grabbing nelle comunità agricole. Nel mese di maggio, il governo cambogiano ha annunciato una moratoria sulle piantagioni, ma gruppi per i diritti dicono che è pieno di lacune.

Il legno pregiato, spesso definito come palissandro, è protetto in tutti i paesi della regione del Mekong, e per la britannica Environmental Investigation Agency. la domanda cinese è alla guida di un dilagante mercato nero. In Cina il legno rosso-bruno è molto apprezzato per l'arredamento di lusso tradizionale.

Potenti funzionari, uomini d'affari e comandanti militari che eseguono il commercio assumono poveri contadini a fare il duro lavoro. Alcuni sono anche inviati  nei parchi nazionali vicini per contrabbandare il palissandro. Molti abitanti del villaggio non hanno però fatto ritorno, uccisi in modo sbrigativo dalle guardie di frontiera thailandesi. "Almeno 31 abitanti del villaggio sono stati uccisi dall'inizio dell'anno fino a settembre. L'anno scorso erano 16  ", ha detto Srey Naren, coordinatore Adhoc della provincia di confine Oddar Meanchey.

Il resto della storia potete seguirla su www.globalpost.com

Immagine: globalpost.com