Il progresso ecologico nel futuro della Cina

Il 18th National Congress of the Communist Party of China (CPC) che si sta svolgendo a Pechino ha dato al progresso ecologico una posizione più forte integrandola nel piano di sviluppo complessivo del paese insieme all'economia, al progresso politico, culturale e sociale.

Elaborato in una delle 12 parti del rapporto consegnato dal leader cinese, il progresso ecologico è visto dal Partito Comunista come un compito a lungo termine di vitale importanza per il benessere del popolo e il futuro della Cina.

"L'armonia tra uomo e natura" è un tema importante nella antica filosofia cinese, ma è stata avversata dalla robusta espansione economica della Cina negli ultimi decenni.

L'acqua pulita e l'aria fresca sono diventati un lusso in alcune parti della Cina. In alcune città, le persone sono scese in piazza per protestare contro i progetti chimici. Lo sviluppo economico a livello nazionale è limitato dalla scarsità di risorse, e le persone sono sempre più preoccupate per l'ambiente.

In tali circostanze, il concetto di progresso ecologico è stato evocato dal presidente uscente della Cina Hu Jintao, per la prima volta nel documento politico programmatico al 17 ° Congresso Nazionale CPC nel 2007.


E non è un termine che ha coniato il CPC semplicemente per riempire un posto vacante teorico, ma piuttosto un principio di guida orientato al futuro basato sulla percezione del prezzo estremamente alto che la Cina ha pagato per il miracolo economico. In questo senso, tale concetto permette di determinare il futuro del paese.

Nella relazione al XVIII Congresso del partito comunista, che con i suoi 82 milioni di iscritti controlla ogni angolo del Paese, Hu ha detto, "a causa di vincoli di risorse crescenti, del grave inquinamento ambientale e del deterioramento dell' ecosistema, dobbiamo elevare la nostra consapevolezza ecologica nella necessità di rispettare, accogliere e proteggere la natura."

La Cina dovrebbe mantenere l'impegno per la politica di base sullo stato di conservazione delle risorse e la tutela dell'ambiente e lottare per uno sviluppo verde a basse emissioni di carbonio, ha detto.

Il rapporto ha anche sottolineato il percorso corretto per la crescita sostenibile della Cina nel futuro con il progresso ecologico come suo nucleo. La rivoluzione industriale ha contribuito alla prosperità di alcuni paesi occidentali, ma a scapito dell'ambiente.
Questi paesi hanno pagato un prezzo enorme per poi in seguito riabilitare l'ambiente.


Il processo è stato ripetuto in alcune parti della Cina negli ultimi decenni. Consapevole della gravità del problema durante il processo, la Cina ha deciso di abbandonare lo stesso percorso storico che va dal degrado ambientale alla riabilitazione, e ora sostiene il progresso ecologico per risparmiare energia, tutelare l'ambiente e sviluppare al tempo stesso la sua economia .

Secondo il rapporto, la Cina rafforzerà gli sforzi di conservazione in tutti i modi, riducendo drasticamente energia, acqua e consumo del suolo per unità di PIL, e utilizzare tali risorse in modi migliori e più efficienti,

Per promuovere il progresso ecologico, oggi la Cina garantirà gli interessi delle persone, lascierà più spazio alla natura per raggiungere l'auto-rinnovamento, riserverà più campi agricoli per gli agricoltori e lascierà alle generazioni future una terra bellissima con campi verdi, acqua pulita e un cielo blu.

Come paese più popoloso del mondo e uno dei più grandi consumatori di energia del mondo, il progresso ecologico della Cina avrà anche una notevole influenza sul mondo.

Se lo stile di vita degli Stati Uniti, che dispone di veicoli con grosse cilindrate e grandi case, dovesse prevalere in Cina, potrebbero essere necessari altri pianeti oltre alla Terra per fornire risorse sufficienti.

La Cina ha detto che non avrebbe favorito questo stile di vita.

Secondo il rapporto di Hu al 18 Congresso del Partito, la Cina lavorerà con la comunità internazionale per rispondere attivamente al cambiamento climatico globale sulla base di equità e nel rispetto delle responsabilità comuni ma differenziate e delle rispettive capacità di tutti i paesi.

A differenza di alcuni paesi occidentali che hanno spostato le loro fabbriche nei paesi in via di sviluppo, la Cina ha volontariamente fissato obiettivi per le emissioni. Nel 2006, per la prima volta, la Cina ha elencato gli obiettivi di riduzione delle emissioni nel suo piano di sviluppo nazionale quinquennale (2006-2010), chiedendo che il consumo di energia complessivo per unità di PIL cadesse intorno al 20 per cento da quella del 2005.

Nel suo 12 ° piano quinquennale (2011-2015), il consumo energetico complessivo per unità di PIL richiede di eliminare il 16 per cento da quello del 2010.

Sia per il suo popolo che per il mondo intero, per il paese del dragone è un atto responsabile da fare.

Immagine: gbtimes.com


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria