Ogni giorno più di un miliardo di persone soffre l'umiliazione di defecare all'aperto


L'articolo che leggo su Al Jazeera mi fa pensare molto poichè sebbene siamo ormai nel XXI secolo ci sono luoghi dove i servizi igienici sono più un optional che un'esigenza vera e propria. Senza dimenticare poi gli enormi problemi di igiene pubblica che ne derivano.

Ma vediamo, in sintesi, cosa ci racconta  Al Jazeera in questo articolo, con alcune osservazioni mie personali

I servizi igienico-sanitari non sono semplicemente una lista dei desideri di sviluppo, ma un requisito fondamentale che colpisce direttamente la sopravvivenza delle persone.

Molti sgattaiolano fuori discretamente sotto la copertura delle tenebre. Alcuni si dirigono verso i campi mentre altri si nascondono dietro arbusti e cespugli. Poi ci sono coloro che vivono in alcune delle baraccopoli urbane più stipate del mondo.

La privacy o lo spazio qui non è un'opzione. Va bene tutto, dagli spazi pubblici alle strade trafficate e anche sui binari ferroviari.

Con la testa verso il basso e un panno sul viso - tentano di coprire il loro imbarazzo e la vergogna.

Ogni giorno, 1,1 miliardi di persone soffrono l'umiliazione di defecare all'aperto.

Dall'Asia all'Africa e America Latina -  la defecazione all'aperto esiste in tutti paesi in via di sviluppo. E quasi ovunque merda è una parola "sporca, impronunciabile,",  un tabù simile al sesso che raramente viene riconosciuto sia in pubblico e raramente usato anche nelle conversazioni più private.

Nell'India rurale preferiscono dire "andare nella giungla" e in Cambogia lo chiamano "gambe pieghevoli".
Così stigmatizzato è la funzione di base biologica che espressioni colloquiali, nomi in codice e riferimenti anche numerici vengono utilizzati in tutte le parti del mondo per evitare di trattare con il letame.

Non è quindi sorprendente che nonostante uno su sette persone su questo pianeta defechi all'aperto, la questione non è mai stata una priorità nell'agenda globale. Le esigenze igienico-sanitarie non fanno notizia o carriere politiche. Manca anche il "pull emotivo" per essere una campagna di sviluppo di successo.

Esso è un ampio potenziale per generare un grosso fetore, ma non ha ispirato proposte intelligenti, non ha creato eserciti su Twitter e meno di tutti ha stimolato il pensiero di una rivoluzione radicale di centinaia di milioni di persone che sono influenzati da esso.

L'elenco delle nazioni dove il problema è più acuto si estende dalle economie in più rapida crescita come Cina, India e Brasile ad alcune delle nazioni più povere come Nepal e Niger. Solo l'India conta oltre 600 milioni di persone e quasi il 60 per cento di tutti quelli che praticano la defecazione all'aperto in tutto il mondo. In India ci sono più cellulari che servizi igienici.



Cina, Indonesia e Pakistan rappresentano collettivamente più di 110 milioni di persone, quasi l'intera popolazione di Regno Unito e Francia messi insieme. Anche se il Brasile si prepara al suo momento culminante sulla scena mondiale ospitando la prossima Coppa del Mondo e le Olimpiadi, si trova a dover affrontare la difficile sfida di tenere testa (con cosa? Polizia, guardie armate, sfollageni, bande igienico salutarie con ordine di... !!!) ad oltre 7 milioni della sua popolazione che, per ovii motivi, è costretta a defecare all'aperto.

Spesso atteggiamenti culturali e comportamentali sono citati dalle autorità quando ci si trova di fronte a queste cifre imbarazzanti. Questo è vero in una certa misura, come costumi e credenze tradizionali giocano una regola importante nella ampia accettazione del problema come perfettamente normale.

In luoghi come la regione del nord del Camerun molti di coloro che praticano la defecazione all'aperto pensano di fertilizzare il terreno arido. Alcuni rifiutano di scavare latrine nelle loro case per paura di "streghe". Tuttavia, il quadro completo è estremamente complesso e molto diverso.

Le toilets sono essenzialmente una larga parte del problema dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari che è rimasta una crisi silenziosa nonostante gli sforzi globali  Uno su 10 della popolazione mondiale non ha accesso  all'acqua potabile. 2,5 miliardi di persone che non hanno accesso a servizi igienici adeguati, quasi due quinti della popolazione mondiale.

La costruzione di un gran numero di servizi igienici moderni nelle remote zone rurali in Asia e in Africa è stato provato con fallimenti spettacolari. I moderni servizi igienici a getto d'acqua sono irrimediabilmente inadeguati per i paesi e villaggi che non hanno accesso praticamente non all'acqua ma alle inesistenti reti fognarie.

Una persona media negli Stati Uniti utilizza circa 570 litri di acqua al giorno. Questo in contrasto contro 1,1 miliardi di persone che vivono a più di un chilometro dalla loro fonte principale dell'acqua e sopravvivono con appena cinque litri di acqua contaminata al giorno. 

Le strade nei sobborghi più poveri di Delhi in India spesso si trasformano in campi di battaglia violenti quando le persone lottano disperatamente per ogni goccia di acqua potabile erogata attraverso navi cisterna durante i mesi estivi.

Le persone che vivono nelle baraccopoli diJakarta, Manila e Nairobi pagano 5 a 10 volte di più per l'acqua rispetto a quelle che vivono in zone ad alto reddito in quelle stesse città e più consumatori a Londra o New York.

Le conseguenze della scarsa igiene sulla salute pubblica sono sorprendenti. Ogni giorno quasi 2.000 bambini muoiono di diarrea causata da insufficiente igiene, acqua non sicura e scarsa igiene personale. La malattia uccide più bambini rispetto all'AIDS, la malaria e morbillo combinato.

In Africa, 115 persone muoiono ogni ora per via di malattie legate all'acqua contaminata, scarsa igiene e cattiva igiene. L'impatto della scarsa igiene è così diffusa che in un dato momento, metà dei letti di ospedali nel mondo in via di sviluppo sono pieni di persone che soffrono di una o più delle principali malattie associate con l'acqua sporca e la scarsa igiene

Tutto ciò comporta un costo economico enorme. Secondo la Banca Mondiale, l'India da sola perde l'incredibile cifra di 53.8 miliardi di dollari ogni anno da impatto economico delle strutture igienico-sanitarie inadeguate. Tale costo è pari a quasi il 4 per cento del PIL per il Pakistan e 5,5 miliardi di dollari per 18 paesi africani dove viene praticata la defecazione all'aperto.

Secondo le Nazioni Unite, 1,8 miliardi di persone hanno ottenuto l'accesso a una migliore igiene dal 1990. Tuttavia, la crescita costante della popolazione, specialmente nei paesi in via di sviluppo, ha fatto sì che il numero assoluto di persone che defecano all'aperto è rimasto al di sopra del  miliardo.

È quasi certo che il mondo non riuscirà a soddisfare il Millennium Development Goal  di dimezzare la proporzione di persone senza accesso sostenibile ad acqua potabile e servizi igienico-sanitari entro il 2015.

Ma la cosa più preoccupante è l'elemento di disparità e disuguaglianza nel progresso che è stato raggiunto come parte degli sforzi globali per affrontare questa sfida apparentemente insormontabile.

Ma la cosa più preoccupante è l'elemento di disparità e disuguaglianza nel progresso che è stato raggiunto come parte degli sforzi globali per affrontare questa sfida apparentemente insormontabile.

Per chi vuole saperne di più l'articolo continua su Al Jazeera 




Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria