Utilizzata la radice di una pianta per creare batterie agli ioni di litio

Rose Madder - un colorante vegetale naturale, una volta apprezzato in tutto il Vecchio Mondo per fare tessuti rossi infuocati – ha trovato una seconda vita come base per una nuova batteria ' verde '.

Scienziati della Rice University and the City College of New York hanno scoperto che la robbia (conosciuta come manjeeth e manjistha in hindi), alias Rubia tinctorum, è una buona fonte di porporina, un colorante organico che può essere trasformato in un catodo altamente efficace e naturale per batterie agli ioni di litio. La pianta è stata usata fin dai tempi antichi per creare un colorante per tessuti.

Un team di chimici del The City College of New York ha collaborato con i ricercatori della Rice University e l'Army Research Laboratory per sviluppare una batteria al litio non tossico e sostenibile  agli ioni di litio alimentata da porporina, un colorante estratto dalle radici della robbia (Rubia species).

Più di 3.500 anni fa, le civiltà in Asia e Medio Oriente furono le prime a bollire le radici di robbia per
colorare tessuti di vivaci arancioni, rossi e rosa.

Nella sua ultima incarnazione tecnologica l'erba rampicante potrebbe gettare le basi per un'alternativa eco-sostenibile per le batterie tradizionali agli ioni di litio (Li-ion). Queste batterie si possono caricare direttamente dal vostro telefono cellulare per i veicoli elettrici, ma portano con sé rischi per l'ambiente durante la produzione, il riciclaggio e lo smaltimento.

''Purpurin,'' d'altra parte, ha detto uno dei ricercatori '' viene dalla natura e alla natura ritorna.'' I risulati dello studio son o stati riportati sulla riviasta online Nature.

La maggior parte delle batterie Li-ion oggi contano su forniture limitate di minerali metalliferi come il cobalto. '' Il trenta per cento di cobalto prodotto a livello mondiale viene immesso nella tecnologia delle batterie,'' ha osservato il Dr. Leela Reddy,  autore principale e ricercatore scientifico del Professor Pulickel Ajayan presso il Department of Mechanical Engineering and Materials Science at Rice University. Il sale di cobalto e il litio sono combinati ad alte temperature per fare il catodo di una batteria, l'elettrodo attraverso cui la corrente elettrica.

L'estrazione del cobalto e la trasformazione, tuttavia è costoso, ha spiegato il Dr. Reddy. La realizzazione e riciclaggio standard, agli ioni di litio richiede temperature elevate, ad alto consumo di energia costosa, soprattutto durante il riciclo. Nel 2010, quasi 10 miliardi di batterie agli ioni di litio hanno dovuto essere riciclate.

Produzione e riciclo anche delle pompe è stimato in circa 72 chilogrammi di anidride carbonica - un gas serra in atmosfera - per ogni kilowattora di energia in una batteria agli ioni di litio, ha osservato. Questi dati negativi hanno alimentato una crescente domanda di sviluppo di batterie verdi, ha detto il Dott. Reddy.

Fortunatamente, le molecole biologicamente basate sul colore, come la porporina e i suoi parenti, sembrano preadattati ad agire come elettrodo di una batteria.

Per approfondire l'argomento, anche nei dati tecnici, vi consiglio di leggere entrambi i post originali, su www.domain-b.com e su gizmag.com, specie neii commenti.

Immagine: thezeitgeistmovement.com


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria