Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

Sea Shepherd: "Operazione Tolleranza Zero"

Gli attivisti antibalene del gruppo Sea Shepherd affermano di aver ottenuto una prima vittoria contro la flotta baleniera giapponese prima che ancora una sola balena venisse uccisa nella loro caccia nell'Oceano Antartico.

Il gruppo ambientalista senza impegnare in alcun modo le navi giapponesi sta ora tallonando ad una latitudine nord la Yushin Maru No. 3, una delle navi della flotta arpione.


Sea Shepherd ha definito la loro attività di quest'anno " Operazione Tolleranza Zero ", il cui obiettivo è di prevenire la morte anche di un singolo mammifero. E' stato detto che la nave di Sea Shepherd Bob Barker (nell'immagine a dx) perseguirà la Nisshin Maru(un peschereccio la cui poppa è stata convertita in nave officina)da una distanza di circa 650 chilometri (400 miglia). Gli attivisti dicono che la flotta baleniera è stata dispersa e viene inseguita. Jeff Hansen, co-direttore della campagna di Sea Shepherd di quest'anno, dice che stanno a guardia del Southern O…

Piccolo, tenero Joe

L'elefantino che vedete nella foto ha solo tre mesi e sta vegliando sulla mamma che ormai non potrà più badare a lui. E' morta per avvelenamento come altri 9 rarissimi elefanti pigmei nel Borneo.

Le guardie forestali hanno trovato l'elefantino con gli occhi malinconici mentre stava cercando di richiamare in vita la sua mamma sfiorandola con delicatezza.

Le autorità malesi hanno scoperto i resti in decomposizione di un altro elefante in via di estinzione nel Borneo approfondendo un mistero che circonda almeno 13 decessi in questo mese. La polizia   sospetta che gli elefanti siano stati avvelenati. Nella foresta pluviale c'è chi li considera pericolosi per i raccolti e forse qualcuno potrebbe averli avvelenati proprio per questo motivo.

Questo genere di elefanti sono animali intelligenti, tanto sensibili da compiere anche una specie di rito funebre nei confronti di chi muore.

I primi 10 morti hanno catturato l'attenzione negli ultimi giorni quando è stata resa pub…

Trovati batteri nella ​​media e alta troposfera che possono condizionare il meteo

I ricercatori del Georgia Institute of Technology  hanno scoperto un numero significativo di microrganismi viventi, soprattutto batteri, nella media e alta troposfera (quella sezione dell'atmosfera circa quattro a sei miglia sopra la superficie della Terra) con tecniche genomiche.
I microrganismi sono state evidenziate in campioni di aria ottenuti nell'ambito del programma  NASA’s Genesis and Rapid Intensification Process (GRIP) per esaminare masse d'aria a bassa e ad alta quota legate alle tempeste tropicali. Secondo un comunicato stampa del Georgia Institute of Technology, il campionamento è stato condotto da un jet DC-8 della NASA sia sulla terraferma che in mare. La notizia rilasciata dice che il campionamento si è verificato prima, durante e dopo gli uragani Earl e Karl del 2010.

Secondo la rivista Proceedings of the National Academy of Sciences è la prima volta che uno studio documenta la presenza di microrganismi in quella zona del cielo.

Grandi quantità di batteri …

Le città influenzano il meteo anche in luoghi lontani

Il calore delle grandi città altera i flussi locali di venti d'alta quota con potenziali ripercussioni nel meteo in migliaia di chilometri di distanza. Questo, secondo uno studio che compare sulla rivista  Nature Climate Change.
La scoperta potrebbe spiegare un lunga rompicapo nel cambiamento climatico:  perché in alcune regioni dell'emisfero settentrionale si verificano inverni più caldi rispetto alle previsioni dei modelli al computer.

I meteorologi hanno a lungo conosciuto che le città generano grandi quantità di calore rispetto alle aree rurali, con il calore proveniente da edifici, automobili, asfalto, tetti, centrali elettriche che bruciano petrolio, gas e carbone per trasporto, riscaldamento o aria condizionata. Questo si chiama effetto isola di calore urbana e si è sempre pensato che il calore rimanesse vicino alle città.

Questo fenomeno, conosciuto come “urban heat island”, è conosciuto da anni,  ma fino ad oggi si pensava interessasse principalmente solo gli abitant…

Razzia di metalli nelle nostre città

720 bocce in lega di bronzo rubate in 5 circoli bocciofili della città di Torino. Ogni boccia pesa 920 grammi ed è in lega di bronzo. Una volta fuse vengono rivendute e sono soldi in contanti che sul mercato valgono 4,5 euro al kg

Ma non solo bocce. La crisi economica sta esplodendo in tutto il suo tragico aspetto e con i prezzi delle materie prime alle stelle ormai non si salva più niente.
La razzia del rame non conosce fine: grondaie in rame divelte direttamente da palazzi, aziende abbandonate, ferrovie, stazioni, tram, lampade... I carabinieri hanno sorpreso e bloccato una banda che stava letteralmente smontando la De Tomaso. A Terracina vecchia, in provincia di Latina, la notte girano bande di ladri che rubano rame dagli infissi, dalle grondaie, bronzo dei campanelli.

Si rubano anche statue in metallo dei santi, campane in bronzo delle chiese, dei loculi cimiteriali...

Insomma una ruberia continua che se non verrà bloccata rovinerà tanti bei luoghi antichi delle nostre piccole e …

The Tubbataha Reef: un angolo di paradiso da salvare

The Tubbataha Reef Marine Park, si trova in una posizione unica nel centro del Mare di Sulu, Filippine, e comprende il Tubbataha Reefs e il Jessie Beazley. Protegge una superficie di quasi 100.000 ettari di habitat marino di alta qualità contenenti tre atolli e una vasta area di mare profondo. La struttura è sede di una grande varietà di vita marina. Balene, delfini, squali, tartarughe e napoleon fish sono tra le principali specie trovate qui. Gli ecosistemi delle barriere supportano oltre 350 specie di coralli e quasi 500 specie di pesci. La riserva protegge anche una delle poche colonie rimaste di uccelli marini di allevamento nella regione.

Ebbene, 1000 metri quadrati di questo santuario marino considerato un patrimonio mondiale dell'UNESCO, sono stati gravemente danneggiati dall'arenamento di un dragamine della marina statunitense, il 68 metri USS Guardian  avvenuto il 17 gennaio.

La guardia costiera filippina, la marina statunitense e gruppi di ambientalisti stanno unendo…

Ande: il ritiro veloce dei ghiacciai

I ghiacciai nelle Ande tropicali sono diminuiti in media del 30-50% dal 1970

I ghiacciai, che forniscono acqua per decine di milioni in Sud America, si stanno ritirando al loro tasso più veloce degli ultimi 300 anni.

Lo studio, condotto da Antoine Rabatel, del Laboratory for Glaciology and Environmental Geophysics in Grenoble, France, ha incluso i dati relativi a circa la metà di tutti i ghiacciai andini e ha accusato la fusione su un aumento della temperatura media di 0,7 C dal 1950 al 1994.

Dettagli appaiono nella rivista accademica Cryosphere.

Gli autori del rapporto dicono che i ghiacciai si stanno ritirando ovunque nelle Ande tropicali, ma la fusione è più pronunciata per i piccoli ghiacciai a bassa quota. I ghiacciai sotto i 5400 metri hanno perso circa 1,35 m di spessore di ghiaccio l'anno fin verso la fine degli anni settanta, due volte il tasso dei ghiacciai più grandi, ad alta quota.

I ricercatori dicono anche che c'è stato un piccolo cambiamento nella quantità di pio…

Materie prime: gli speculatori sciacalli

Mentre su buona parte del mondo si abbatte la mannaia della fame, grandi imprese bancarie di casa a Wall Street fanno guadagni spaventosi.

La sola Goldman Sachs ha guadagnato più di un quarto di un miliardo di sterline (400 milioni di dollari) nel 2012 da speculazioni sui prodotti alimentari come grano, mais e soia, spingendo molti critici ad accusarla di trarre profitto dalla carestia e manipolazione del mercato, ma molti dei traders si difendono sostenendo che i loro profitti sono dovuti al crescente consumo in Cina.

Goldman Sachs è riconosciuto come leader mondiale nella speculazione finanziaria sui prodotti alimentari e altre materie prime, e ha creato i primi commodity index funds che abbisognano di enormi quantità di denaro per giocare sui prezzi.

I prezzi alimentari mondiali tracciati dalla UN Food and Agriculture Organization (FAO) sono più che raddoppiati negli ultimi 10 anni. 
Il 2013 potrebbe vedere un altro aumento dei prezzi, a seguito del peggior raccolto negli Stati Uni…

I Have a Dream: il sogno dei sostenitori di Obama

Durante il cerimoniale del giuramento per il suo secondo mandato alla guida degli Stati Uniti d'America Barak Obama ha utilizzato due bibbie. Una era la Bibbia del 16° presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, che fu utilizzata durante la sua prima cerimonia inaugurale il 4 marzo 1861(13 giorni prima dell'Unità d'Italia), l'altra era la Bibbia personale di  Martin Luther King, quella con cui fece il suo primo sermone al Dexter Avenue Baptist Church nel 1950 e che utilizzo anche
poco prima di essere assassinato nel 1968.

Oggi, quando Obama assumerà l'incarico lo ha fatto presso il Lincoln Memorial, lo stesso luogo in cui 50 anni Luther King pronunciò il suo famoso "I Have a Dream"

Sono molti gli americani che vedendo il loro presidente hanno ancora un sogno nella testa. Lo ha James Hansen della Columbia University e capo della NASA Goddard Institute for Space Studies in New York.

Ecco cosa ha scritto sull'insediamento di Obama al suo secondo mand…

Mali: una guerra inspiegabile?

Dopo la guerra in Libia, ancora una volta la Francia (con una spinta da Washington) trascina la Ue in una nuova guerra neocolonialista nel Mali, contro i fondamentalisti islamici che hanno occupato questo paese.

Ora, che si sostenga che le ragioni dell'intervento siano tutte all'interno del "quadro del diritto internazionale"... beh, lascia molti dubbi! Oppure che sia dipeso dal fatto che i combattenti di Al-Qaeda abbiano distrutto i  mausolei di Timbuktu nel Mali settentrionale, patrimonio mondiale dell'UNESCO, con l'intento di difendere la purezza della loro fede contro l'adorazione degli idoli... anche qui sorgono dubbi.

Sappiamo che la Francia è uno dei più importanti paesi neocolonialisti (vedere immagine) e, come si dice sul sito di un liceo, è alla ricerca di prestigio a livello internazionale e di nuovi commerci esteri. Le industrie (specie quella nucleare) hanno bisogno di materie prime e di uno sfogo per la mano d’opera. Come conseguenze del colo…

Global warming: è tutta colpa della fuliggine

Non finirò mai di sorprendermi dietro i grandi e dispendiosi studi che interessano il riscaldamento globale, quando, talvolta, se si avesse la capacità di vedere bene quello che hai sotto gli occhi, potresti accorgerti che la soluzione di tanti problemi è sempre a portata di mano.

Mi spiego. Ridurre la fuliggine da cose come le automobili diesel e la combustione del carbone, la si considera una strategia sorprendente per combattere il riscaldamento globale. Che io sappia ci sono state moltissime persone che hanno sofferto gli effetti sulla salute per colpa della fuliggine per decenni. Sin dai tempi dell'epoca vittoriana e dell'Inghilterra di Charles Dickens. D'altronde gli scienziati sanno da tempo che la fuliggine ha un potente effetto sul riscaldamento dell'atmosfera. Lo smog dalle fabbriche è una sorta di immagine simbolo della rivoluzione industriale. Proviene dalla combustione di carbone e gasolio. 

Ebbene, ora un nuovo rapporto di ben 230 pagine stilato da un gr…

The Sea Sheperd: pronti a colpire ancora

Benché una corte d'appello degli Stati Uniti gli abbia proibito di avvicinarsi non oltre i 450 metri da una nave baleniera giapponese, Paul Watson, fondatore di The Sea Sheperd, detenuto in Germania la scorsa primavera su richiesta del Costa Rica per un'azione di protesta antisqualo risalente a dieci anni fa, e liberato in estate dopo aver sistemato la cauzione, è tornato oggi nell'Oceano del Sud con la Sea Shepherd Conservation Society, dotata di 4 navi, un elicottero e 2 droni pronti a confrontarsi con navi giapponesi dirette verso quello che il governo giapponese definisce un'operazione di caccia a fini scientifici il cui obiettivo è di uccidere 900 balene.

Questa settimana, quattro navi baleniere giapponesi salpano verso un santuario delle balene al largo dell'Antartico. Dicono che la caccia è per la ricerca. Ma gli ambientalisti non ci credono e affermano  che è solo una missione di caccia il cui scopo è sempre lo stesso: uccidere le balene per mangiare la lo…

L'amaro destino dei Guarani Kaiowá

Nella regione meridionale del Mato Grosso do Sul, al confine tra Brasile e Paraguay, la più popolosa nazione indigena del paese lotta in silenzio per il suo territorio, cercando di contenere l'avanzata dei suoi potenti nemici.

Espulsi dalle loro terre a causa del continuo processo di colonizzazione, più di 40.000 Guarani Kaiowá ora vivono con meno dell'1% del loro territorio originale. Sulle loro terre oggi, ci sono migliaia di ettari di canna da zucchero dove imprese multinazionali ricavano l'etanolo per rendere il mondo come un "ambiente accogliente" e combustibile "pulito". Le terre statali in Brasile sono le più produttive nel campo agro-alimentare e biocarburanti.

Molti Guarani Kaiowá sono obiettivi costanti di attacchi e vittime di una preoccupante ondata di suicidi .

Senza le loro terre e boschi, i Guarani Kaiowá hanno convissuto per anni con una epidemia di malnutrizione. E senza mezzi alternativi di sussistenza, adulti e bambini sono sfruttati…

La sfida degli Stati Uniti alla Cina sulle terre rare

Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti sta investendo 120 milioni di dollari per istituire un nuovo centro di ricerca il cui compito sarà di sviluppare nuovi metodi di produzione degli elementi delle terre rare.

Le terre rare sono un insieme di 17 elementi che vengono valutati per le loro proprietà uniche. Essi sono utilizzati nella produzione di tutto, gadget hi-tech, dischi rigidi dei computer, smartphone. Sono fondamentali per la produzione di basse emissioni di carbonio nelle turbine eoliche e batterie. Si trovano nei display di computer e lampadine e infrastrutture di comunicazione. Vengono usati anche per raffinare il petrolio e costruire automobili.

Il Critical Materials Institute avrà sede a Ames, Iowa.

Gli obiettivi del CMI seguiranno tre diversi approcci.

1. Si cercherà di aumentare la produzione interna di elementi delle terre rare negli Stati Uniti.
2. Si cercheranno potenziali sostituti delle terre rare.
3. Verrà incoraggiato il riutilizzo e il riciclaggio di el…

Acqua: l'arma letale del prossimo ventennio

La crisi idrica globale è una minaccia reale e immediata per tutti noi, e migliorare il modo in cui gestiamo le nostre risorse idriche sarà sempre più arduo nel corso del tempo a causa delle pressioni combinate di rapida crescita della popolazione, l'aumento della domanda, e l'incertezza inerente ai cambiamenti climatici .

Attualmente, ci sono oltre 780 milioni di persone in tutto il mondo che non hanno accesso all'acqua potabile e altri 2,5 miliardi senza servizi igienico-sanitari. Queste due letali privazioni lasciano 3.400.000 morti l'anno. Entro il 2030, la domanda mondiale supererà la domanda di acqua del 40%.

Parte di questo è dovuto alla crescente domanda di risorse limitate. Entro il 2030, ci sarà bisogno di acqua sufficiente a sostenere un ulteriore miliardo di persone, e la domanda scottante è: dove sarà questa acqua?

Gli approvvigionamenti globali di acqua dolce che sono prontamente disponibili sono già in declino e la maggior parte delle strutture di gover…

Trovato, fotografato e filmato per la prima volta il temibile e mitico calamaro gigante

Il misterioso e mitico calamaro gigante non è mai stato avvistato in vita nelle profondità marine - fino ad ora. Un team del  Japan's National Science Museum guidati dallo zoologo Tsunemi Kubodera ha incontrato i calamari nel mese di luglio nei pressi delle isole Ogasawara, diverse centinaia di miglia al largo della costa del Giappone. Utilizzando un richiamo bioluminescente che imita il bagliore delle meduse, la squadra di Kubodera ha trovato i calamari e li ha seguiti nelle profondità marine fino a 3.000 metri prima di perderli di vista. Purtuttavia, sono riusciti a catturare le immagini di un calamaro gigante nel suo habitat naturale a quasi a 500, 600 metri sotto la superficie dell'oceano.

Discovery Channel manderà in onda il primo video del suo genere in America il prossimo 27 gennaio

I calamari giganti, che possono crescere fino a oltre 18 metri di lunghezza, sono stati trovati morti sulle spiagge e fotografati spesso sulla superficie marina. Ma gli scienziati non han…

Le telecomunicazioni emettono tanta CO2 quanto l'industria aeronautica

Internet e le altre componenti della comunicazione, informazione e l'industria tecnologica (ICT) ogni anno produce più di 830 milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2), il principale gas serra, e si prevede che raddoppi entro il 2020. Lo afferma un nuovo studio.

I ricercatori del Centre for Energy-Efficient Telecommunications (CEET) e il Bell Labs  spiegano che le tecnologie dell'informazione e della comunicazione che offre Internet, video, voce e altri servizi cloud, producono circa il 2 per cento delle emissioni globali di CO2 - l'industria aeronautica ne produce la stessa percentuale.

Nella relazione pubblicata sulla rivista Environmental Science & Technology, i ricercatori affermano che le loro proiezioni indicano che la quota del settore ICT in emissioni di gas serra è destinata a raddoppiare entro il 2020. Inoltre hanno trovato nuovi modelli di emissioni e consumi di energia che potrebbero aiutare a ridurre le loro emissioni di anidride carbonica.
Lo studio …

Norvegia artica: il primo laboratorio del mondo all'interno di un ghiacciaio

Sopra il circolo polare artico, e sotto 700 metri di ghiaccio, gli scienziati stanno lavorando in un laboratorio unico al mondo che si trova sotto un ghiacciaio, lo Svartisen nel nord della Norvegia. Questi ricercatori stanno raccogliendo alcuni dei migliori dati glaciali che siano mai stati compilati, riporta Discovery News.
Il laboratorio è gestito da Norwegian Water Resources and Energy Directorate, e i ricercatori stanno effettuando esperimenti sul movimento del ghiacciaio e di drenaggio, così come l'impatto dell'acqua di fusione sul  livello del mare. Mentre il primo tunnel è stato inizialmente creato per una società idroelettrica, i ricercatori sono riusciti a convincerli di scavare un altro piccolo tunnel per la ricerca. Da allora hanno creato ulteriori gallerie anche per il laboratorio.
I tunnel sono stati creati in un modo unico: invece di perforare un foro nel ghiaccio per accedere alla base del ghiacciaio, i ricercatori hanno fuso dai 12 a 18 metri di gallerie con acq…

Un siluro sottomarino scandaglierà i fondali tra Caracas e Los Roques

A fare luce sull'alone di mistero che già aleggia attorno alla scomparsa del velivolo sulle acque dell'arcipelago Los Roques, Venezuela, ci penserà a fine mese, un siluro sottomarino di sette metri con strumentazione elettronica a bordo e senza equipaggio, che scandaglierà palmo a palmo 100 miglia quadrate di fondale marino.  

A fare luce sull'alone di mistero che già aleggia attorno alla scomparsa del velivolo  sulle acque dell'arcipelago Los Roques, Venezuela,  ci penserà una ricerca, in collaborazione tra Italia e Venezuela, che partirà a fine gennaio .

Più che di mistero, che ci porta a pensare subito al mistero del  Triangolo delle Bermuda,  forse si può parlare di coincidenze, visto che nello stesso giorno di 5 anni prima,  cioè il 5 gennaio del 2008, un altro aereo con a bordo degli italiani, era sparito sulla stessa rotta, senza lasciare più tracce ne del velivolo ne delle persone a bordo. Infatti, proprio questo incidente di 5 anni fa, ha messo in moto

Il nume…