Diritti delle donne: il medioevo del futuro prossimo

Uno studio dell'UNICEF ha mostrato che le mutilazioni genitali femminili e il taglio sono diminuiti in più della metà dei 29 paesi in cui venivano praticati. Questo è il caso del Benin, Iraq o Nigeria, dove queste pratiche sono diminuite di circa la metà. La mutilazione genitale femminile è ancora molto praticata in Somalia, Guinea, Gibuti ed Egitto.
Non è diffusa in Camerun e Uganda.

Secondo il rapporto 2013 dell'UNICEF, la maggior parte delle ragazze subiscono mutilazioni genitali femminili prima dell'età di 5 anni. Il fenomeno consiste nella rimozione o asportazione parziale di parti esterne dei genitali femminili. E' radicata nelle tradizioni conservatrici ma non ha alcun fondamento nella dottrina islamica, secondo la massima autorità teologica sunnita, l'imam di Al Azhar.

 QUI su   rochester.indymedia.org/ cos'è la mutilazione genitale.

L'argomento, che significa solo tanto dolore per le donne, sta tornando ora di attualità. Il movimento jihadista dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (IS), che si estende da Aleppo in Siria a Mosul in Iraq, dopo aver imposto alle famiglie di concedere le loro figlie vergini ai miliziani, ha emanato un altro editto con il quale si ordina la pratica dell'infibulazione (mutilazioni genitali) per tutte le donne. L'ordine arriva direttamente dal califfo al-Baghdadi e afferma che tutte le donne del territorio devono subire l'infibulazione o mutilazione genitale femminile.

Secondo alcuni studiosi il testo contiene una serie di errori tipografici, e si basa su quanto disse il Profeta Maometto.
Tuttavia, le fonti utilizzate non sono quelle solitamente citate per sostenere la validità profetica della tradizione. Esso afferma che "per proteggere lo Stato Islamico in Iraq e il Levante, e nel timore che il peccato e il vizio si propagano tra uomini e donne nella nostra società islamica, nostro signore e principe dei credenti Abu Bakr al Baghdadi ha deciso che in tutte le regioni dello Stato islamico le donne devono essere cucite ". 

Un vertice sui diritti delle donne contro le mutilazioni genitali femminili promossa da UNICEF ha avuto luogo ieri a Londra.

Immagine: rochester.indymedia.org