In futuro le infrastrutture delle città salveranno il pianeta

Il problema delle emissioni globali di anidride carbonica si risolverà nelle città. Sono le città, dove si concentra la popolazione per sentirsi più protetta ed avere un'opportunità di lavoro, il motore del mondo.
Il futuro del clima del mondo sarà dunque deciso nelle nostre città, le quali dovranno essere concepite in maniera diversa da come lo sono ora, visto che è l'urbanizzazione a spingere la crescita economica globale.

Il 70 per cento delle emissioni globali di anidride carbonica proviene dalle aree urbane e 600 delle principali città del mondo generano più della metà del PIL mondiale. Se si facessero massicci investimenti su infrastrutture ecocompatibili si ridurrebbe l'impronta di carbonio della città.

Tre quarti delle emissioni di anidride carbonica dei paesi ricchi vengono da soli quattro tipi di infrastrutture: generazione di energia, edifici residenziali e commerciali, trasporti e gestione dei rifiuti. Qualsiasi programma di sostenibilità urbana deve quindi includere un passaggio alle energie rinnovabili e centrali di cogenerazione, autobus più pubblici e treni, veicoli privati ​​più puliti, migliore isolamento degli uffici, ospedali, condomini ed altri edifici; e la gestione intelligente dei rifiuti e dell'acqua - insieme a molto altro.

La risoluzione potrebbe essere nelle mani di amministratori lungimiranti che dovranno occuparsi di trovare i soldi per far andare bene le cose. I sindaci - nei paesi sviluppati e in via di sviluppo - non debbono più attendere che i governi nazionali trovino  un accordo globale sul clima. Copenhagen, Londra, Monaco di Baviera, Johannesburg, Rio de Janeiro e Shanghai stanno elaborando i propri programmi ambientali. Tali piani sono variamente ambiziosi - vanno dalla lista dei desideri a obiettivi vincolanti - ma la tendenza verso una vita urbana sostenibile è chiaro.  E' stato calcolato  che  saranno necessari  2.000 miliardi dollari l'anno, per i prossimi 20 anni, per mantenere le città del mondo vivibili e per ridurre le emissioni di carbonio. Tuttavia solo poche città sono abbastanza ricche da poter fare questo tipo di lavoro. La maggior parte delle città - in particolare nei paesi sviluppati - non possono contare più sui trasferimenti dai governi nazionali. La spesa pubblica per le infrastrutture è crollata in Europa e negli Stati Uniti dal 1960; e, con i bilanci pubblici sotto pressione, è improbabile recuperare. Di fronte ad un crescente divario infrastrutturale di investimenti, le città avranno bisogno di maggiori investimenti privati​​.

Le banche hanno tradizionalmente finanziato gran parte delle spese infrastrutturali. Ma, sei anni dopo l'inizio della crisi finanziaria, le banche in molti paesi stanno ancora cercando di riparare i loro bilanci, e poco si adattano ora a finanziare prestiti a lungo termine per il futuro. Forse i fondi pensione, le compagnie di assicurazione e altri investitori istituzionali sono più interessati a investire in infrastrutture. A differenza delle banche, hanno debiti a lunga scadenza, per i quali sul lungo termine, i rendimenti prevedibili da massicci investimenti in infrastrutture potrebbe  essere una buona mossa. In un contesto di tassi di interesse estremamente bassi e mercati azionari spumeggianti, le infrastrutture appaiono come un'alternativa attraente e ragionevolmente sicura con azioni e obbligazioni, ottenendo rendimenti che alla fine possono finanziare le pensioni di vecchiaia dell'Occidente. 

Post tratto da un articolo di Michael Heise, chief economist of Allianz SE.



Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria