Stati Uniti: l'esplorazione offshore minaccia balene, delfini e tartarughe

Con enormi forniture e massicci investimenti in gas naturale e petrolio negli Stati Uniti, l'offerta interna di energia degli Stati Uniti continua a crescere ad un ritmo record.

Gli Stati Uniti sono pronti a superare la Russia come il più grande produttore di gas naturale del mondo entro il 2015. Per la prima volta in quasi 20 anni, gli Stati Uniti stanno producendo più petrolio di quello che stanno importando. E la rincorsa con la Russia continua senza sosta su tutti i fronti.

Adesso l'amministrazione Obama ha deciso di riaprire l'splorazione offshore di petrolio e gas sulla costa orientale, tra il Delaware e la Florida.
approvando prospezioni sismiche utilizzando cannoni sonici in grado di individuare i depositi di energia nelle profondità marine dell'oceano Atlantico. E' il primo vero passo verso quello che potrebbe essere una trasformazione degli stati costieri, creando migliaia di posti di lavoro a sostegno di una nuova infrastruttura energetica. Tuttavia, ambientalisti e persone che devono il loro sostentamento alla pesca e al turismo, sostenendo che l'uso di cannoni sonici minaccia le specie marine in via di estinzione, si stanno opponendo al progetto e optano per lo estendere un divieto vecchio di decenni contro la perforazione al largo della costa atlantica.

Lo U.S. Bureau of Ocean Energy Management (Boem)
ha riconosciuto che migliaia di creature marine potrebbero essere danneggiate. Microfoni subacquei hanno raccolto dati sulla propagazione del suono sott'acqua dei cannoni sonici su distanze di migliaia di chilometri, e il forte ordine di grandezza amplificato che si creerebbe nelle profondità marine sarebbe impossibile per molte specie da evitare, provocando in loro una forma di delocalizzazione
che gli impedirebbe di nutrirsi, comunicare e tenersi in contatto con i loro gruppi familiari attraverso centinaia di chilometri.

I cannoni creano inquinamento acustico nelle acque condivise da balene, delfini e tartarughe, e l'invio di onde sonore 100 volte più forti di un motore a reazione riverbera attraverso la profondità ogni 10 secondi per settimane.

I cannoni sonici sono già utilizzati nella parte occidentale del Golfo del Messico, al largo dell'Alaska, e in altre operazioni petrolifere offshore in tutto il mondo. Essi sono trainati dietro le barche, inviando gli impulsi di suono che si riverberano sotto il fondo del mare e rimbalzano sulla superficie. E tutto cio si traduce sul computer  in alta risoluzione e immagini tridimensionali.  "E 'come una ecografia della Terra", ha detto Andy Radford, ingegnere petrolifero presso l'American Petroleum Institute. "Non si possono vedere il petrolio e gas, ma si possono vedere le strutture della Terra che potrebbero contenere petrolio e gas."

Immagini: ww.philly.com -

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria