Edimburgo e Londra: la disputa per il petrolio del Mare del Nord

Adesso che "la maggior parte dei grandi campi sono stati trovati ed è stato prodotto il petrolio facile da produrre, il declino delle riserve petrolifere del Mare del Nord è inevitabile".  Così dice John Howell, professore di geologia del petrolio presso the University of Aberdeen,  nel nord-est della Scozia. Circa 42 miliardi di barili di petrolio e gas sono stati estratti dal Mare del Nord a partire dai primi anni 1970, dando un impulso positivo alle casse del governo britannico e all'economia della Scozia.

Ultimamente il petrolio del Mare del Nord è al centro di un aspro dibattito sul futuro della Scozia in vista del voto sull'indipendenza del mese prossimo, con entrambe le parti in disputa tra loro sulle prospettive per la regione dell'oro nero. Ora, con la prospettiva del referendum del 18 settembre, che potrebbe significare la fine dei 300 anni di unione con l'Inghilterra, le redditizie risorse energetiche scozzesi stanno creando non pochi problemi  tra le parti.

Il governo di coalizione del primo ministro britannico David Cameron sta chiedendo agli  scozzesi di respingere l'indipendenza. Dal canto suo, l'amministrazione scozzese del primo ministro Alex Salmond sta sostenendo una separazione storica.

I proventi del petrolio sono un elemento chiave del dibattito, con le parti che si accusano a vicenda  l'altra di stime fudging per il potenziale del settore.

Edimburgo ha prodotto diversi possibili scenari futuri di entrate fiscali del petrolio, con il più ottimista che prevede un reddito di 64,6 miliardi dollari, 48 miliardi di euro) nei prossimi cinque anni fiscali. Le previsioni del governo britannico sono invece di tutt'altro tenore.

Graham Sadler, amministratore delegato del gruppo di servizi petroliferi e di consulenza Deloitte, ha aggiunto: "Sarà una sfida per invertire il declino in quanto si tratta di un bacino di petrolio e gas maturo."

La produzione di petrolio e  gas del Mare del Nord della Gran Bretagna è precipitato di circa il 38 per cento negli ultimi tre anni a 1,43 milioni di barili di petrolio. Il livello più basso dal 1977.

La produzione ha raggiunto il picco nel 1999, ma da allora è scesa drasticamente a causa di infrastrutture obsolete, compresi oleodotti e piattaforme, e l'esaurimento delle risorse esistenti.

FONTE: economictimes.indiatimes.com/
Immagine: www.telegraph.co.uk/