Islanda: tuona il vulcano Bardarbunga

Dopo l'eruzione del vulcano Eyjafjallajokull del 2010, l'Islanda si trova alle prese con un'altra nuova incombente minaccia da parte del più grande sistema vulcanico dell'Islanda: il vulcano Bardarbunga.

"L'attività sismica intensa è iniziata il 16 agosto, causando un forte terremoto nella regione" ha avvertito in un comunicato the Icelandic Meteorlogical Office, aggiungendo che il rischio di un'eruzione al Bardarbunga è aumentata, con segni di "movimento del magma in corso". Già da qualche giorno si avvertivano i sinistri rombi.

Il livello di rischio per il settore del trasporto aereo è stato portato ad arancione, il secondo livello più alto, ha detto il Met Office. Qualsiasi eruzione potrebbe potenzialmente causare l'allagamento o una emissione di gas, ha aggiunto il Met Office in un comunicato.

Il vulcano Eyjafjallajokull eruttò nel 2010, producendo una nube di cenere che ha compromesso pesantemente lo spazio aereo europeo.

Il sistema vulcanico Bardarbunga si trova sotto la regione nord-occidentale del ghiacciaio Vatnajokull in Islanda.

Questo è il più forte terremoto misurata nella regione dal 1996.

"Al momento non ci sono segni di eruzione, ma non si può escludere che l'attività corrente si possa tradurre in un esplosiva eruzione subglaciale, portando a diluvi di cenere", informa il Met Office, aggiungendo che la situazione è stata monitorata.

I codici colore aviazione sono usati per indicare il livello di rischio che un vulcano pone al trasporto aereo.

Un avviso arancione indica che il vulcano sta mostrando "escalation di disordini con maggiore potenziale di eruzione", o è in eruzione senza grandi emissioni di cenere vulcanica.

Un allarme rosso significa che un'eruzione è "imminente", o è in corso con "emissione significativa di cenere vulcanica nell'atmosfera".