Trasporto urbano ? E' la chiave per fare un gran passo avanti


Inquinamento nelle città: modificare il trasporto urbano è la chiave per fare un gran passo avanti

Il trasporto urbano è la fonte più in rapida crescita di emissioni di carbonio e nel 2010 ha rappresentato circa 2.300 megatoni di CO2, quasi un quarto di tutte le emissioni di carbonio prodotte in tutte le parti del settore dei trasporti. Il passaggio dal trasporto urbano su auto verdi, a piedi, in bicicletta può ridurre le emissioni di anidride carbonica di ben 1.542 megatonnellate (1700 megatoni) entro il 2050.

Mentre ogni parte dell'economia globale in un modo o nell'altro si riversa sul green, basterebbe risolvere il problema dei grandi ingorghi nelle città del mondo con meno sacrificio e più guadagno. Specie per la salute.

Se  le città continuano a crescere, in particolare nelle economie dei Paesi in via di sviluppo, queste emissioni sono sulla buona strada per raddoppiare nei prossimi 35 anni.

Rendendo più agevole andare a piedi, in bicicletta, prendere l'autobus, il mondo taglierebbe l'inquinamento del 40 per cento.
Una relazione della University of California  e the Institute for Transportation and Development Policy (ITDP) si propone di migliorare i mezzi di trasporto pubblici. Questo include l'espansione del trasporto ferroviario e di autobus e più sicurezza nelle città per pedoni e ciclisti.

Se così fosse, cioè se le città di tutto il mondo concentrassero i loro investimenti per ampliare i mezzi pubblici, a piedi e in bicicletta, si potrebbero risparmiare oltre 100 miliardi di dollari di capitali pubblici e privati ​​e dei costi operativi del trasporto urbano tra oggi e il 2050,

In uno scenario prossimo venturo, quando nelle città vivrà gran parte della popolazione mondiale, con molti più passeggeri che viaggiano con i mezzi pubblici non inquinanti e veicoli non motorizzati, si potrebbe risparmiare ogni anno la bellezza di circa 1,7 miliardi di tonnellate di biossido di carbonio, con una riduzione del 40 per cento di emissioni inquinanti dai mezzi di trasporto urbani per passeggeri, al 2050.

Gli Stati Uniti sono il leader mondiale attuale delle emissioni di trasporto urbano di passeggeri, a 670 megatoni di CO2 all'anno. Veicoli più efficienti e un calo del traffico potrebbero ridurre tali emissioni a 560 megatoni entro il 2050.

Poi ci sono India e Cina, ad oggi, un mondo caotico e pieno d'ingorghi. La Cina recentemente è diventato il più grande mercato automobilistico del mondo.

Mentre gli Stati Uniti prevedono di ridurre le emissioni dei trasporti da 670 megatoni annualmente a 560 megatoni entro il 2050, le emissioni della Cina si prevede passino da 190 megatoni ogni anno a quasi 1.200 megatoni e India da circa 70 megatoni di oggi ad oltre 500 megatoni.

Nel migliore degli scenari la Cina potrebbe tagliare le emissioni a 700 megatoni, sviluppando sistemi di trasporto e metropolitane rapide e un'ampia offerta di autobus. E l'India, se affrontasse le carenze delle infrastrutture cruciali suoi sistemi di trasporto pubblico e rallentare l'uso delle automobili, potrebbe frenare le emissioni inquinanti a 350 megatoni di CO2.

Immagini: www.inautonews.com -www.nclurbandesign.org/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria