Parliamo di energia geotermica

PARLIAMO DI ENERGIA GEOTERMICA

L'energia geotermica è una fonte ecologica rinnovabile. Non è del tutto immune però al rilascio di gas a effetto serra nell'atmosfera. Tuttavia, il tasso delle emissioni associate alle centrali geotermiche sono
molto più basse delle emissioni di carbone. Gli impianti geotermici emettono circa 5% di anidride carbonica, 1% del biossido di zolfo, e meno dell'1% del protossido di azoto emessa da una impianto a carbone di dimensioni uguali. Alcuni tipi di impianti geotermici producono emissioni quasi zero.

Può, pertanto, svolgere un ruolo importante nel mitigare il cambiamento climatico globale.


LA NOTIZIA

Ethiopian Electric Power (EEP) e Toshiba Corporation hanno firmato un partenariato globale per lavorare su l'energia geotermica e la costruzione di centrali elettriche.

Le due parti hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per collaborare a questo progetto.

EEP  è ora impegnata nello sviluppo delle risorse geotermiche e di costruzione di centrali elettriche.

Attraverso la partnership con l'EEP, Toshiba fornirà una vasta gamma di esperienze e competenze.

Toshiba ha la più grande quota di mercato al mondo per attrezzature geotermiche, con 24pc della capacità totale installata. Essa fornisce servizi pari al 23% della capacità di generazione di energia geotermica totale mondiale.

Sinora ha consegnato 52 turbine geotermiche e generatori, con una capacità totale installata di 2.800 megawatt in Nord America, Sud Est Asiatico, Islanda e altrove nel mondo.

Immagine: www3.toshiba.co.jp/



Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria