Passa ai contenuti principali

Africa, guai a non finire: è la volta della peste in Madagascar.

L'Africa sta diventando un laboratorio globale da cui dipartono atrocità di ogni genere. Se andiamo a vedere poi le ragioni di tali aberranti azioni, ci accorgiamo che esse hanno avuto inizio con l'antico schiavismo, risalente ai tempi della dominazione olandese nel sud dell'Africa, che giunge sino ai giorni nostri; ignoranza culturale, connessa in qualche modo allo scandaloso egoismo del primo colonialismo e neocolonialismo attuale, in cui, invece di aprire scuole, istituti ed altro per far studiare e istruire i giovani africani, si è pensato invece al sistematico svuotamento di risorse del sottosuolo africano, ricco di petrolio, gas, animali da cacciare e souvenir vari (ossa, zanne, pelli...), oro e diamanti, la cui vendita spesso va a finanziare qualche conflitto nel continente, ora ad esempio è in auge quello nella Repubblica Centrafricana. C'è poi il fermento religioso, maggiormente di matrice islamista, che sta irrompendo un po' ovunque nel continente, assieme a tanta rabbia, una gran voglia di rivalsa verso coloro che han fatto soffrire la prolifica gioventù africana, parte della quale da un po' di tempo sta sbarcando in massa sulle nostre coste.

Estremamente attuale è poi l'emergenza sanitaria. Ebola, ad esempio, che ha avuto inizio lo scorso marzo in Senegal, Sierra Leone e  Guinea, uno dei paesi più poveri del mondo, nonostante una vasta ricchezza di minerali non sfruttati, con disoccupazione giovanile al 60 per cento e al 178° posto tra 187 paesi nel range dello UN's Human Development Index, è sotto i riflettori a causa delle dimensioni e dell'impatto dell'epidemia dell'Africa occidentale, ma focolai più piccoli - da peste a poliomielite - sono tuttora presenti nel continente nero.

Ora, un'altra emergenza sanitaria sta prendendo piede nella più grande isola dell'Africa (più di una volta e mezzo l'Italia), che si trova nell'Oceano Indiano al largo delle coste del Mozambico ed è popolata da più di 20 milioni di abitanti. il Madagascar, in cui una recente epidemia di peste ha già causato 47 decessi. La malattia batterica si sta diffondendo attraverso il paese. Nella capitale Antananarivo sono state infettate due persone. Le autorità del Paese dicono che stanno cercando di contenere un focolaio di peste simile alla peste nera che ha travolto l'Europa medievale.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato l'invio di operatori sanitari per disinfettare baraccopoli nella capitale. "C'è il rischio di una rapida diffusione della malattia a causa della città ad alta densità di popolazione e la debolezza del sistema sanitario," si legge in una dichiarazione dell'OMS del 21 novembre. Solo la tempestività degli interventi potrà cambiare il decorso dell’epidemia, precisa l’Oms, che non vuole rivivere gli stessi scenari emergenziali avuti con Ebola in Africa dell’ovest.

La malattia batterica sta creando molti problemi all' isola. La situazione sta diventando più complicata a causa della resistenza che le mosche hanno sviluppato all’insetticida usato per sterminarle. Il batterio della peste che si sviluppa nei ratti, infatti, è veicolato proprio dalle mosche. Nell’uomo questo si sviluppa sotto forma di peste bubbonica e se il batterio attacca i polmoni pora poi alla polmonite e diventa trasmissibile attraverso la tosse, sviluppando il gonfiore dei linfonodi, curabili con gli antibiotici.

Immagine: www.washlaw.edu/ - world.time.com/

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…