Cloud City, la città galleggiante sopra le nuvole di Venere


L'esplorazione di Venere è stato ritenuta off-limits per il suo clima inospitale - ma la NASA ritiene che Cloud City può essere la risposta.

Un certo numero di agenzie, tra cui, naturalmente la NASA, stanno concentrando gli sforzi di esplorazione del sistema solare su Marte. A prima vista, però, Marte non sembra davvero come il miglior candidato. Venere è molto più vicino alla Terra - ad una distanza che varia tra 38.000 mila chilometri e 261 milioni di chilometri rispetto ai 56 milioni - 401,000 mila km di Marte. E' anche di dimensioni paragonabili alla Terra - con raggio di 6052 chilometri contro i 6371 della Terra, e ha una densità e composizione chimica simile.

Ma tutto il resto lo rende quasi completamente invivibile. Mentre le sonde sono stati inviate sulla superficie del pianeta, sono durate, al massimo, solo due ore prima che le condizioni della superficie di Venere le distruggesse. Queste condizioni includono una pressione atmosferica fino a 92 volte superiore a quella della Terra; una temperatura di 462 gradi Celsius (863 gradi Fahrenheit) media; attività vulcanica estrema; un ambiente estremamente denso che consiste principalmente di anidride carbonica, con una piccola quantità di azoto; e uno strato di nubi costituito da acido solforico. Certo, un essere umano verrebbe immediatamente annientato sulla superficie infernale di Venere, ma la NASA avrebbe però una soluzione che possa consentire l'invio di esseri umani fino alla loro destinazione finale: Cloud City.

Questa missione richiede però un veicolo spaziale concettuale progettato da un team del Systems Analysis and Concepts Directorate at NASA Langley Research Center. Si chiama HAVOC (High Altitude Venus Operational Concept), ed è una  una sorta di dirigibile spaziale ad energia solare di 129 metri galleggiante tra le nuvole progettato ai fini dell'esplorazione venusiana. Su questo veicolo più leggero dell'aria ci si potrà sedere sulle nuvole acide per un periodo di circa 30 giorni, permettendo ad una squadra di astronauti di raccogliere dati circa l'atmosfera del pianeta.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO VAI SU www.cnet.com/uk/