Le difese marine inventate dall'uomo non sono più adeguate alla forza delle tempeste


Le difese marine inventate dall'uomo non sono più adeguate alla forza delle tempeste  

Dalla Florida alla Costa del Sol, le costose difese dal mare stanno accelerando l'erosione delle spiagge e non riescono a proteggere le città costiere dalle crescenti maree. Lo sviluppo immobiliare costiero non solo sta creando spiagge meno accessibili ma sta distruggendo anche le coste marine.

L'allarme arriva dalle violente tempeste atlantiche e del Pacifico di questi giorni dove enormi onde hanno spazzato via spiagge e distrutto muri di cemento in Europa, Nord America e le Filippine. Ora, gli ingegneri pensano di costruire mura più alte per difendersi dalle terribili tempeste invernali e dall'innalzamento del livello dei mari. Lo affermano ricercatori nel Regno Unito e negli Stati Uniti avvertendo che lo sviluppo immobiliare di mura e dighe nei pressi di spiagge sta lentamente erodendo le coste di tutto il mondo.

In un nuovo libro intitolato The Last Beach, Andrew Cooper, professore di studi costieri della University of Ulster e il professor Orrin Pilkey del Duke University mettono in guardia dallo sviluppo immobiliare poichè ostacola il movimento naturale di acqua e sabbia. Le spiagge agiscono come una difesa naturale contro la forza delle onde del mare. I Seawall, mura e pareti sulle spiagge, forma di difesa immobiliare, tuttavia, non assorbono le forze nel modo più efficace.

"La maggior parte delle spiagge naturali stanno scomparendo, in parte a causa del livello del mare e una maggiore azione della tempesta, ma anche per l'erosione massiccia provocata dallo sviluppo umano del litorale", ha detto il professor Cooper.

"Il danno diffuso dalle tempeste sulle malconce coste dell'Europa occidentale, la devastazione causata dall'uragano Sandy lungo il litorale nord-est degli Stati Uniti, le morti causate dal tifone Haiyan nelle Filippine stanno a dimostrare la totale inadeguatezza di infrastrutture costiere e la vulnerabilità delle città costruite sul bordo delle coste ", ha detto Orrin Pilkey, professore di scienze della terra e dell'oceano alla Duke University di Durham, Carolina del Nord.

In The Last Beach, Pilkey e Cooper dicono che le pareti del mare, ritenute da tutti il modo migliore per proteggere gli sviluppi dall'erosione e dall'aumento del livello del mare, in effetti portano alla distruzione di spiagge e delle difese marine e richiedono una costante ricostruzione ad aumentare i costi. Inoltre, prevedono che, se l'attuale tendenza di sviluppo persiste, tra 50 anni da oggi, non ci saranno più spiagge nel mondo sviluppato. "Puoi avere edifici, e si può avere le spiagge, ma non si può avere entrambi," ha detto con un moto di saggezza il professor  Pilkey.


Immagine: coastalcare.org

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria