Quanta plastica c'è negli oceani del mondo ? Quanto il peso di 570 Boeing 747 a pieno carico

Nel corso di più di sei anni e 24 spedizioni, Markus Eriksen e il suo team di collaboratori del  5 Gyres Institute, un'organizzazione che mira a ridurre la plastica negli oceani, hanno scandagliato la supeficie marina per vedere quanti detriti di plastica galleggiano nel mare. Questo lavoro ha pemesso loro di fare una stima: sulla superficie degli oceani ci sono 5300 miliardi di pezzi di plastica galleggiante, del peso di circa 270.000 tonnellate. Vale a dire il quantitativo sufficiente per riempire più di 38.500 camion della nettezza urbana se ogni camion trasporta 7 tonnellate di plastica e più o meno l'equivalente al peso di 570 Boeing 747 a pieno carico. Oltre il 90 percento della spazzatura, è grande poco meno di 5 millimetri di larghezza (circa un terzo del diametro di un centesimo).
 

La plastica è suddivisa in più di 5.000 miliardi di pezzetti, dice lo studio pubblicato sulla rivista scientifica PLOS ONE. Researchers.

Una delle più grandi sorprese dello studio è che i rifiuti di plastica in mare si spezzano più ampiamente e rapidamente di quanto gli scienziati avevano pensato. Poi, rispetto al passato, c'è meno plastica galleggiante. Per Eriksen questo significa che l'agitarsi dei gyres (il largo sistema di rotazione delle correnti oceaniche dal cui nome è nato 5gyres.org), insieme con le onde, il vento e così via, hanno sminuzzati i rifiuti in plastica molto velocemente.

Questi minuscoli pezzetti di plastica si muovono poi sulla superficie marina seguendo due percorsi principali. In primo luogo, incontrano correnti d'acqua che li disperde nell'oceano. Poi, vengono mangiati da decine di animali e organismi diversi, tra cui cirripedi, zooplancton, pesci, uccelli e balene, dice Chelsea Rochman, ecotossicologo presso la University of California-Davis, che non è stato coinvolto nello studio.

La carta è l'ultimo di un settore emergente in cui gli scienziati stanno cercando di capire meglio come la maggior parte del materiale sintetico sta entrando negli oceani e come agisce sui pesci, sugli uccelli marini e il più grande ecosistema marino.
Per raccogliere i dati, i ricercatori hanno trascinato una bella rete di maglia sulla superficie del mare per raccogliere piccoli pezzi. Osservatori sulle barche hanno contato i pezzi più grandi. Hanno usato poi modelli informatici per il calcolo delle stime per i tratti di oceano non visionati.

Lo studio ha stimato solo la quantità di plastica che galleggia sulla superficie degli oceani. Quella in fondo all'oceano non è inclusa e nessuno sa esattamente quanta ce ne può essere.

Immagine:  blogs.oregonstate.edu/