Passa ai contenuti principali

La corsa all'oro senza scrupoli

La crisi economica mondiale e il picco economico sulle scoperte di giacimenti d'oro, ha visto il prezzo dell'oro salire, ma a differenza della tecnologia fracking, che ha salvato l'industria petrolifera, non c'è tecnologia conveniente che possa sfruttare la ricchezza di minerali da depositi sempre più profondi. 

Brent Cook, esperto geologo di Exploration Insights, con più di 30 anni di esperienza e brillante consulente per gli investimenti dice che non stiamo ancora a corto d'oro. Si sta cercando di
scoprire nuovi giacimenti auriferi ma la maggior parte di essi non sono economici. Ci sono 20 million tons (20 Mt) di oro nelle acque dell'oceano, a cui, solo per darvi un'occhiata, occorrerebbero trilioni di dollari... decisamente costi proibitivi.

Sfruttamento record nelle foreste pluviali

L'estrazione dell'oro crea pure una grave questione ambientale, specie per  l'importanza che il genere umano deve alle foreste pluviali tropicali, le quali, secondo una recentissima ricerca degli scienziati del Jet Propulsion Laboratory della NASA, assorbono molto più biossido di carbonio atmosferico di quanto non facciano le foreste boreali, aiutandoci, pertanto, a respirare meglio.

In  Sud America, i tassi di deforestazione a causa dell'estrazione dell'oro sono aumentati in modo significativo dal 2007. Cosa contraria è toccato al settore agricolo, che, per la crisi economica, ha avuto un rallentamento della deforestazione.

"Più del 90% della deforestazione a causa dell'estrazione dell' oro nelle foreste umide tropicali del Sud America si concentra in quattro ecoregioni: Guyana, amazzonia sudovest, la foresta di  Tapajós-Xingú e la regione di Magdalena Valley-Urabá. "Queste ecoregioni sono tra le regioni più ricche di biodiversità al mondo." ha detto Nora Alvarez-Berríos dell'Università di Puerto Rico, Stati Uniti. Alvarez-Berríos  e il collega Mitchell Aide, utilizzano un database di posizioni delle miniere utilizzando le mappe di copertura forestale da immagini satellitari per valutare la deforestazione a causa delle miniere d'oro nella Foreste equatoriale al di sotto dei 1000 metri in Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname,  Guiana Francese, Brasile, Ecuador, Perù e Bolivia.

Dal 2001 al 2006, circa 377 km quadrati di foresta sono andati perduti a causa di 61 siti minerari d'oro; dal 2007 al 2013, al contrario, la cifra era di 1.303 km quadrati su 116 siti. Nel 2000 l'oro costa 250 dollari per oncia, mentre nel 2013 è salito a  1.300 dollari; l'alto prezzo significa che è più praticabile estrarre l'oro da depositi di basso grado (low-grade deposits) nelle foreste tropicali.

La produzione mondiale di oro è aumentata da circa 2445 tonnellate nel 2000 a circa 2.770 tonnellate nel 2013.

Immagine: environmentalresearchweb.org/

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…