Passa ai contenuti principali

Le termiti si rivelano grandi ingegneri ambientali

Con i cambiamenti climatici sugli ecosistemi la minaccia di siccità e desertificazione è molto reale. Nel nord della Cina e nel Sahel in Africa, per esempio, sono stati realizzati "Grandi pareti verdi" (Great Green Walls) di alberi e arbusti per tenere a bada il deserto. La Great Green Walls africana (circa 4400 miglia in tutto) si è dimostrata una vera impresa nel clima arido tra il deserto del Sahara e il sudanese Savanna.

Ora una nuova ricerca da parte della Princeton University suggerisce che le termiti potrebbero fare qualcosa di straordinario per l'ecosistema. Questi insetti eusociali, difatti, sono impressionanti ingegneri ecologici e possono essere la chiave per mitigare alcuni dei peggiori effetti del riscaldamento globale nelle terre aride. Fornendo un rifugio umido per la vegetazione in un paesaggio arido, i termitai permettono alle piante di fiorire e tenere a bada la desertificazione. Alcune specie di questi parassiti normalmente fastidiosi ereggono tumuli enormi che sembrano grandi templi venuti fuori dal nulla nelle savane e zone aride del mondo. "La vegetazione attorno ai termitai persiste più a lungo e diminuisce più lentamente".
Questi torreggianti termitai conservano sia l'umidità e le sostanze nutrienti che forniscono un rifugio per la vegetazione e le gallerie interne possono oltremodo migliorare la capacità dell'acqua di penetrare nel terreno circostante, dicono gli scienziati della Princeton University. Quei prati riarsi e savane, o terre aride, dove esistono termitai possono essere mantenuti con molto meno quantità di pioggia delle regioni in cui non ci sono termitai, spiegano.

 "La pioggia è la stessa in tutto il mondo, ma perché le termiti permettono all'acqua di penetrare il terreno migliore, le piante crescono sopra o vicino ai tumuli come se ci fosse più pioggia," ha spiegato il co-autore dello studio Corina Tarnita, professore di ecologia e biologia evolutiva. Fino a quando ci sono i tumuli l'ecosistema ha una migliore possibilità di recuperare. I termitai aiutano anche a preservare i semi durante periodi di siccità, che consente alle aree circostanti di  reagire più rapidamente se la pioggia riprende, dice la ricercatrice.

"Questo studio dimostra che i termitai creano importante rifugi per le piante e aiutano a proteggere vasti paesaggi in Africa, Asia e America del Sud dagli effetti della siccità", ha aggiunto Doug Levey, direttore del National Science Foundation's Division of Environmental Biology, che ha finanziato l'opera.

E se le termiti possono aiutare a mitigare la siccità nel deserto, anche altri insetti costruttori, come le formiche, i cani della prateria e roditori simili potrebbero essere utili nel fermare per un po' la desertificazione.

Curiosamente, secondo uno studio del 2011, sul pianeta Terra le formiche sono 10 miliardi di miliardi e pesano 3 trilioni di tonnellate; i pesci marini erano calcolati tra gli 800 milioni e i 2 miliardi di tonnellate (ma potrebbero essere molti di più); il bestiame domestico raggiunge gli 1,4 miliardi e 520 milioni i tonnellate; le termiti  pesano 445 milioni di tonnellate; gli esseri umani nel 2011 erano 7 miliardi per 350 milioni di tonnellate.

Non c'é che dire, un pianeta davvero affollato, il nostro!

le termiti  pesano 445 milioni di tonnellate; gli esseri umani nel 2011 erano 7 miliardi per 350 milioni di tonnellate; - See more at: http://www.greenreport.it/news/consumi/quanto-pesano-luomo-e-gli-altri-esseri-sulla-terra/#prettyPhoto
Immagini:  www.dorta.it - flickrhivemind.net/
le termiti  pesano 445 milioni di tonnellate; gli esseri umani nel 2011 erano 7 miliardi per 350 milioni di tonnellate; - See more at: http://www.greenreport.it/news/consumi/quanto-pesano-luomo-e-gli-altri-esseri-sulla-terra/#prettyPhoto

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…