Territori del Nord-ovest canadese: i presupposti dell'oleodotto dei grandi spazi

Dopo lo scontro tra il Congresso Usa e Obama sul controverso oleodotto Keystone XL, un sistema di oleodotti in Canada e negli Stati Uniticommissionato dal 2010, cui il Senato, approfittando dell'attuale maggioranza repubblicana ha dato il via libera al progetto della TransCanada Corp. di trasportare 800 mila barili al giorno di greggio, attraversando il Nebraska verso i porti e le raffinerie del Golfo, anche nei Territori del Nord-ovest canadese, per fare cassa, si fa strada l'idea di aprire un'arteria energetica importante che parte dall'Artico, ricco di risorse naturali e che certamente darà adito a non poche critiche. Difatti, il Premier dei Territori del Nord-ovest Bob McLeod ha annunciato uno studio di fattibilità di un anno, che potrebbe essere il primo passo verso la costruzione di un oleodotto lungo la valle del MacKenzie, fino all'Oceano Artico.

I Territori Nord-occidentali non sono stati rappresentati nella Camera dei Comuni canadese dal 1907 fino al 1947, quando il distretto di Mackenzie ha ricevuto la rappresentazione. Il resto dei territori hanno ricevuto la rappresentazione nel 1962, in riconoscimento del suffragio popolare del popolo degli Inuit nel 1953.

Lo studio del progetto sarà fatto con il sostegno e la cooperazione dei governi regionali aborigeni. Molte persone dei Territori del Nordovest sono nativi, come il popolo Inuit, ma le industrie commerciali di pelliccia, minerali e trasporto hanno portato un afflusso di non-nativi sin dal 1930.

Parlando ad Ottawa, McLeod ha detto che il nuovo studio non sarebbe specificamente relativo alla sua visione dell'Arctic Gateway, ma si potrebbe "esplorare la fattibilità" di un corridoio da Alberta alle risorse dell'Artico.

"Le nostre risorse sono incagliate da troppo tempo e dobbiamo trovare un modo per ottenere le nostre risorse sul mercato. E' tempo per noi di prendere in seria considerazione l'opzione nord.. Le vie del trasporto in tutte le forme e in tutte le direzioni sono la chiave per ottenere le nostre risorse sul mercato", ha detto Bob McLeod ai presenti. "Abbiamo bisogno di più strade per le risorse - per tutte le nostre risorse. Ciò significa che dobbiamo considerare tutte le nostre opzioni per cercare nuove idee creative. Ci rendiamo conto che ci saranno un sacco di domande su questa opzione, e abbiamo intenzione di rispondere loro. "

"I continui investimenti nel trasporto del nord, dell'energia e delle comunicazioni delle infrastrutture è nell'interesse nazionale, e i Territori del Nord-Ovest sono disposti a farsi avanti come partner completo con soluzioni creative e collaborative che possono beneficiare l'intero paese." ha aggiunto McLeod, che ha concordato l'idea con il primo ministro canadese in un incontro avutosi di recente.

La capitale della regione dei Territori del Nordovest è Yellowknife, ed è conosciuta come la "Diamond Capital", dal nome di una delle principali esportazioni. Oro e argento sono regolarmente estratti nei territori ed il governo del territorio sta valutando se attivare i 150 km di strada di ghiaccio a nord di Yellowknife, a vantaggio delle miniere di diamanti della zona.

Dal 1925 al 1999, questa massa di terra vasta più dell'India, è stata separata nel territorio  Nunavut. Dopo la separazione nel 1999, c'è stato un certo dibattito in merito all'opportunità di modificare il nome del territorio.

Immagine: canadaalive.wordpress.com/

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria