Al via la "fortezza mobile" russa nell'Artico

L'Artico, con le sue notevoli risorse, fa gola a tutti i Paesi vicini, in particolare alla Russia, che potrebbe ridisegnare i confini nazionali in Europa per riaffermarne la sua influenza geopolitica, ma i confini equivalenti nell'Artico non sono mai stati stabiliti. La crescente tensione con l'Occidente per la questione ucraina ha indotto il Presidente Vladimir Putin a far compiere una esercitazione militare, non ai confini con l'Ucraina, come ci si aspetterebbe, ma migliaia di chilometri di distanza nel Polo Nord.

Quasi 40.000 soldati, 41 navi da guerra e 15 sottomarini parteciperanno alle esercitazioni lungo le vaste province orientali e i possedimenti marittimi della Russia, secondo l'Associated Press.

In risposta a ciò che percepisce come una invasione occidentale, per testare la prontezza di difesa lungo questa vasta area, il Cremlino ha iniziato le esercitazioni militari nell'Artico e nella Siberia, creando una grande fortezza mobile difesa dalla Flotta settentrionale pronta all'azione in qualsiasi momento.
  
"Le nuove sfide e le minacce militari richiedono un ulteriore aumento delle capacità delle forze armate", ha detto il ministro della Difesa Sergei Shoigu, aggiungendo che le esercitazioni hanno lo scopo di vedere come la Russia può rafforzare i suoi confini. Esercitazioni aeree, navali sono previste dalla penisola di Kamchatka alle steppe della Siberia, una zona di grande interesse strategico per la Russia.


Storicamente, si è rivelato molto più difficile per gli Stati affermare la sovranità sul mare che sulla terra, anche nei casi in cui le acque sono ricoperte di ghiaccio per la maggior parte dell'anno.

Per secoli, la misura in cui uno stato-nazione ha controllato le sue zone costiere è basata sulla cosiddetta regola delle tre miglia nautiche a colpo di cannone, in base al range di un cannone sparato da terra. Ma questo è cambiato dopo la seconda guerra mondiale, che porta alla legge della Sea Convention (UNCLOS) nel 1982

Sotto l'UNCLOS, ad ogni firmatario è stato dato il diritto di dichiarare le acque territoriali fino a 12 miglia nautiche e una exclusive economic zone (EEZ) di un massimo di 200 miglia per le attività commerciali, come la pesca e le esplorazioni petrolifere. I firmatari possono anche estendere la loro sovranità al di là dei limiti di questa EEZ fino a ulteriori 150 miglia nautiche se possono provare che le loro piattaforme continentali si estendono oltre le 200 miglia nautiche dalla costa. Gli Stati in ballo nella "lotta per l'Artico", oltre la Russia sono Danimarca, Norvegia, Canada, e Stati Uniti.

Canada e Russia hanno anche utilizzato disposizioni speciali previste dall'articolo 234 dell'UNCLOS, relativo al diritto di regolamentare le acque ricoperte di ghiaccio per rafforzare la propria autorità sulle emergenti rotte marittime in Artico (il passaggio a nord-ovest e del Mare del Nord). 

Nel maggio del 2008 i cinque stati membri hanno rilasciato la Ilulissat Declaration (a dx immagine del villaggio di Ilulissat in Groenlandia), per discutere dell'oceano Artico, il cambiamento climatico, la protezione dell'ambiente marino, la  sicurezza marittima, e la divisione delle responsabilità di emergenza qualora diventino operanti le nuove rotte di navigazione. 

Immagine: languagesoftheworld.info/
- Wallpapers4u.net/wallpaper/


Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria