Dubai: il green cement diventa obbligatorio


Dal 1° aprile a Dubai, una nuova legislazione costringerà tutti i proprietari, imprenditori, appaltatori ad utilizzare il green cement per la costruzione di nuovi edifici. Questo provvedimento é parte di una strategia per proteggere l'ambiente e ridurre le emissioni di anidride carbonica e di altri gas tossici.

Dal primo di aprile, quindi, il Supplementary Cementing Materials (SCMs), sostituirà l'Ordinary Portland Cement (OPC), cemento Portland, utilizzato nella maggior parte degli edifici di Dubai.

Il nuoco tipo di cemento, Supplementary Cementing Materials comprende materiali come  Ground Granulated Blast Slag (GGBS) e ceneri volanti. Un tipico SCM raccomandato a livello internazionale rapporto OPC è una miscela fatta di 64 per cento di GGBS e 34 per cento OPC.

L'annuncio è arrivato nel corso di una conferenza stampa presso la sede della Municipalità di Dubai. Il comune ispezionerà i nuovi cantieri per verificare che la decisione venga applicata. Il  cemento verde sarà considerato un requisito per la concessione delle autorizzazioni a costruire e le aziende che non rispetteranno le nuove norme saranno penalizzate.

"Oltre che privarle del permesso di costruzione, le aziende che violano saranno multate", così ha detto Ahmed Al Badwawi, direttore degli studi del Comune.

Il green cement, che è stato sviluppato in Germania quasi tre anni fa, è il materiale che soddisfa o supera le capacità funzionali delle prestazioni del cemento Portland ordinario, integrando e ottimizzando materiali riciclati, riducendo così il consumo di materie prime naturali, l'acqua e l'energia, con il risultato di uno sviluppo sostenibile.

Sul cemento

La produzione di cemento è una delle principali fonti di gas serra. Ma la riduzione delle emissioni significa padroneggiare uno dei materiali più complessi conosciuti.

Il cemento più diffuso oggi é il cemento 'portland' , usato come legante nella preparazione del calcestruzzo.Viene fatto dalla frantumazione di calcare e argilla in forni giganti in un processo che libera quasi una tonnellata di anidride carbonica in atmosfera per ogni tonnellata di prodotto finale. La produzione di cemento Portland rappresenta circa il 5% di tutte le emissioni di gas serra umane generate.

Nel 2013, si diceva in un altro post, le emissioni globali di CO2 sono aumentate a 35,3 miliardi di gigatonnellate (Gt), un record mai raggiunto. Il GCP  (Global Carbon Project ) stima che nel 2014, supereremo il record del 2013 di un 2,5 per cento, rilasciando 37 Gt (gigatonnellate) di anidride carbonica in atmosfera dalla combustione di carbone, di petrolio e gas naturale, e dalla produzione di cemento (ne rappresenta circa il 5% di CO2). Questo porta il totale delle emissioni di anidride carbonica industriale dal 1751 ad una stima di 1480 Gt entro la fine di quest'anno. Più della metà di esse  (743 Gt, o 50,2 per cento), sono state rilasciate dal 1988. Anno in cui le prove e i rischi del riscaldamento causato dall'uomo cominciarono ad essere ampiamente conosciute.

Nei pochi minuti o giù di lì che ci sono voluti per leggere questo post, i produttori di cemento hanno gettato tra le 20.000 e 30.000 tonnellate di anidride carbonica in atmosfera.
 


 Immagine: www.thefuturebuild.com - www.britannica.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria