La rincorsa al gas liquefatto

Il commercio internazionale di gas naturale liquefatto supererà i 120 miliardi di dollari quest'anno, superando in tal modo il minerale di ferro come tra i beni più preziosi. Lo dice  Goldman Sachs Group Inc. 

La concorrenza aumenterà, dato che il mercato è in espansione e gli acquirenti sono meno propensi a contratti a lungo termine. Per gli analisti gli Stati Uniti forniranno più LNG nei prossimi anni, considerando l'Asia, il più grande consumatore con maggior potere contrattuale.
Il gas naturale liquefatto produce minori emissioni di CO2 rispetto agli altri combustibili.

Circa il 73 per cento del GNL globale viene venduto con contratti a lungo termine generalmente legati al petrolio con un ritardo di nove mesi, la maggior parte di quello che resta  è venduto in loco in Asia, dove i prezzi l'anno scorso sono diminuiti del 55 per cento.

Il commercio del gas liquefatto è destinato a crescere a un tasso medio annuo del 5,1 per cento nel prossimo decennio, alimentato dalla nuova domanda in Asia, nel Medio Oriente e nella regione del Baltico. Così afferma BG Group Plc, che ha una flotta di circa 25 metaniere.

Potrebbe essere il gas naturale la scommessa vincente sul petrolio?

Sul fronte mediterraneo-europeo, probabilmente sarà la Turchia  a diventare un Hub energetico col suo nuovo progetto di gasdotto soprannominato Turkish Stream. Anche l'Ungheria, attraverso il suo primo ministro ungherese Viktor Orban, ha aperto all'idea della costruzione delle infrastrutture necessarie al progetto, che, per via della guerra in Ucraina, sostituiranno il defunto gasdotto South Stream, che portava il gas dalla Russia all'Unione europea attraverso la Bulgaria.

Immagine: www.nytimes.com

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria