Energia geotermica: exploit in Nuova Zelanda e Kenia

In alcune parti del mondo, in cui l'attività geotermica è alta, il calore della terra viene sfruttato per generare costantemente elettricità.

La Nuova Zelanda, che si picca d'essere il quinto produttore mondiale, negli ultimi cinque anni ha contribuito del 25 per cento al nuovo sviluppo geotermico del mondo. Lo ha riferito, dati alla mano, il ministro dell'Energia Simon Bridges al World Geothermal Congress, parlando, appunto della geotermia del Paese.

La Nuova Zelanda produce il 79,9 % della sua elettricità da fonti energetiche rinnovabili, e si prevede che il settore delle rinnovabili a livello mondiale raggiungerà i 7 miliardi di dollari d'investimenti del settore privato tra il 2012 e il 2030.

Dal 2010, in tutto il mondo la capacità totale installata da impianti geotermici è aumentata del 16 per cento - a 12.635 megawatt (MW) - ed è destinato a raddoppiare tra il 2010 e il 2020.

"Il mio paese, la Nuova Zelanda, ha contribuito di quasi un quarto di questo aumento di capacità negli ultimi cinque anni", ha spiegato Bridges. "Siamo attualmente il quinto generatore di energia geotermica nel mondo. Naturalmente, abbiamo la fortuna di disporre di risorse energetiche abbondanti."

Nel Paese la geotermia ha una lunga storia, essendo stata praticata per la prima volta dalle comunità Maori indigene per cucinare, fare il bagno, e fornire calore. Nel 1950, il paese ha istituito il primo impianto geotermico, Wairakei, ed è stato il primo al mondo a generare energia elettrica utilizzando una risorsa geotermica liquida (hot water). Secondo Bridges "per oltre 50 anni, Wairakei ha fornito la fonte più affidabile di energia nel Paese. Il campo geotermico Kawerau è stato il sito del più grande uso industriale di energia geotermica nel mondo da oltre 50 anni e continua ad espandersi." 

Ma c'è un altro Paese, stavolta africano a sorprendere. A circa 120 chilometri a nord-ovest di Nairobi, un gruppo di ingegneri del Kenya sta lavorando instancabilmente per perforare il maggior numero di pozzi a Olkaria Geothermal Plant, il primo impianto geotermico in Africa.

La struttura si trova nell'Hell's Gate National Park, sul lato orientale della Rift Valley. Di questo passo gli ingegneri stanno perforando più di quaranta pozzi l'anno. Ogni pozzo ha la capacità di produrre 18 MW di energia all'anno. 

La Banca Mondiale è il più grande finanziatore per lo sviluppo della geotermia in Kenya dal 1970 e tuttora sta sostenendo il governo nel produrre più energia geotermica. Questa strategia si concentra sul superamento della povertà e dell'energia elettrica aumentando l'accesso di tutti i consumatori e migliorare le opportunità di crescita e di prosperità. .

Con il sostegno della Banca Mondiale e altri finanziatori, lo sviluppo all'Olkaria Geothermal Plant si è trasformato in un grande progetto di investimento geotermico unico al mondo. Ora è la più grande fonte di elettricità in Kenya prima dell'idroelettrico che è stata la fonte principale di energia in Kenya per decenni.

STAND UP, AFRICA

Post in evidenza

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Oleodotti nel Mar Caspio: una partita da giocare

L'alba del nuovo impero

Il mistero delle antiche carte nautiche

Terremoto in Cile: l'anello di fuoco

Energia geotermica: si sperimenta un nuova tecnologia sul Newberry Volcano

Lo tsunami che ha messo in ginocchio il Giappone

La vergogna del mondo consumistico si trova nell'Oceano Pacifico

I grandi disastri ambientali causati dall'oro nero

Referendum in Sudan: una bomba a orologeria