Passa ai contenuti principali

Revisione dello stato delle foreste tropicali

Anche se non è ampiamente riconosciuto nei circoli di azione politica, il continuo degrado delle foreste attraverso luoghi come l'Amazzonia e il Borneo potrebbe essere responsabile per il 6-14% di tutte le emissioni causate dalle attività umane.

Questo è il risultato di una nuova revisione dello stato delle foreste tropicali del mondo, condotta dall'International Sustainability Unit, un ente di beneficenza sostenuta dal principe Carlo.


Il problema, dice il rapporto, richiede una nuova valutazione della politica forestale, ed é incline ad appoggiare e arginare la deforestazione come chiave per ridurre le emissioni delle foreste tropicali. Carbon Brief  esamina il ruolo delle foreste nel porre un freno al cambiamento climatico.

La deforestazione tropicale è un fattore fondamentale del cambiamento climatico. In settori quali l'Amazzonia, gli ecosistemi forestali assorbono e immagazzinano carbonio, e il loro abbattimento emette tra le 2,9 e 3,3 gigatonnellate di anidride carbonica ogni anno, o circa l' 8% del totale globale, afferma il rapporto.

Ma il disboscamento è solo parte della storia. Oltre a ciò, il degrado delle foreste tropicali rilascia da 2,2 a 5,39 miliardi di tonnellate in atmosfera, o intorno al 6-14% delle emissioni globali di anidride carbonica. Ciò significa che le emissioni totali provenienti dalle foreste tropicali si situa tra le 5,1 e 8,36 gigatonnellate di anidride carbonica, o tra i 14 e 21% di tutte le emissioni  causate dalle attività umane. In confronto, 31,5 miliardi di tonnellate di anidride carbonica vengono emessi ogni anno da combustibili fossili e dalla produzione di cemento.

Queste cifre si basano su studi condotti da John Grace dell'Università di Edimburgo, Richard Houghton del Woods Hole Research Center, e Nancy Harris del World Resources Institute. Questi si basano su tre insiemi di dati: inventari nazionali delle emissioni previste per le Nazioni Unite; la ricerca in lotti specifici di terreni forestali; e dati satellitari.

Articolo completo e tabelle (in inglese) QUI su www.carbonbrief.org

Immagini: www.carbonbrief.org/

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…