Passa ai contenuti principali

Stand up Africa: Repubblica Democratica del Congo


Iniziamo oggi una serie di post sul grande problema che rappresenta il continente africano, sulla ingiustizia di un mondo più progredito che pensa ai fatti suoi, sulla violenza perpetrata ai danni di giovani, donne e bambini la cui colpa è quella d'essere nati in Africa. Perciò, Stand up Africa, che il futuro è tutto tuo.   

Un rapporto delle Nazioni Unite avverte che nella Repubblica Democratica del Congo, il traffico di avorio, oro e legname del valore di oltre un miliardo di dollari l'anno, sta alimentando la guerra e finanzia decine di gruppi ribelli.

Gruppi criminali militarizzati con collegamenti transnazionali sono coinvolti nel contrabbando su larga scala di un business di oltre 1,3 miliardi di dollari ogni anno, dice il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP).

Le entrate finanziare accontentano almeno 25 gruppi armati, secondo alcune stime anche 49,  che sempre più alimentano il conflitto nella regione devastata dalla guerra.

Il controllo delle zone ricche di minerali è un fattore chiave per i conflitti che imperversano da decenni nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo.
  
"Queste risorse perdute da bande criminali che vanno ad alimentare il conflitto " ha dichiarato Martin Kobler, capo delle Nazioni Unite in Congo, a capo del peacekeeping force MONUSCO, "avrebbero potuto essere utilizzate per la costruzione di scuole, strade, ospedali e un futuro per il popolo congolese"

L'oro costituisce la sezione più grande del business, con bande della criminalità organizzata che guadagnano fino a 120 milioni l'anno dal commercio. La maggior parte dei proventi va al di fuori della povera regione, ma il due per cento che va ai gruppi armati, stimati in circa 13 milioni dollari l'anno, fornisce i fondi per prolungare la guerra. 

"Il reddito rappresenta la base per la sopravvivenza di un anno per almeno 8.000 combattenti armati, e consente ai gruppi sconfitti o disarmati di riaffiorare di continuo e destabilizzare la regione", dice il rapporto.

Le organizzazioni criminali utilizzano i loro contanti per spingere la strategia del "divide et impera" tra i gruppi di ribelli, per garantire che una forza ribelle non possa dominare e prendere in mano il commercio, dice la relazione.

La Repubblica Democratica del Congo ha ingenti risorse di oro, rame, cobalto, diamanti, ferro, nichel, manganese, bauxite, uranio, cassiterite, la più importante fonte di stagno. Tuttavia, la maggior parte della popolazione del Paese vive in povertà.

Gran parte delle attività dei ribelli è costituito da abusi contro i civili e lo sfruttamento illegale delle risorse naturali.

Fonte e immagine: www.timeslive.co.za/

I post di sempre

Le 10 più terribili catastrofi naturali della storia

Segnaliamo in data 18 settembre 2015, il forte terremoto avvenuto in Cile, con la prima scossa di magnitudo 8.3 alle 8 di ieri sera (ora locale). L'UPDATE al 18 settembre 2015 lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

Il recentissimo terremoto in Nepal e lo tsunami in Indonesia del 2004, si aggiungono a questa serie di catastrofi naturali della storia. L'UPDATE al 27 aprile 2015, lo trovate in fondo al post.
-------------------------------------------------

10 -  Tifone Tip


I tifoni del Pacifico generalmente sono molto più potenti degli uragani atlantici. Questo, poichè l'Oceano Pacifico ha molto più acqua su cui i tifoni possono raccogliere la loro forza. Il tifone Tip è stato il più vasto e intenso ciclone tropicale mai registrato, con un diametro di  2.220 chilometri.  Fu la novantesima tempesta tropicale, il dodicesimo tifone e il terzo supertifone del 1979. Esso sviluppò la perturbazione monsonica il 4 ottobre 1979  vicino all&#…

Se non interveniamo, il clima che verrà ci creerà una montagna di guai

Secondo il World Meteorological Organization (WMO) il 2015 è stato il primo anno nella storia dell'umanità in cui la presenza di CO2 in atmosfera ha superato la soglia di 400 parti per milione, tendenza confermata anche dalle rivelazioni effettuate nei primi mesi di quest'anno. Conseguenza del fenomeno è El Nino, che ha avuto effetti devastanti in diverse parti del pianeta ma in generale sull'inquinamento.

Mr. Petteri Taalas, segretario generale del World Meteorological Organization (WMO) ricorda che senza affrontare il problema delle emissioni di CO2, non possiamo affrontare il problema del cambiamento climatico e mantenere l'aumento della temperatura al di sotto di 2 gradi Celsius al di sopra del periodo pre-industriale. " E 'quindi della massima importanza che l'accordo di Parigi che entrerà in vigore effettivamente ben prima del previsto 4 novembre crearte una corsia prioritaria per la sua attuazione", ha aggiunto.

Precedentemente il WMO aveva av…

Antartide: si profila una lotta epica nella caccia alle balene

Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull ha promesso di sollevare la caccia alle balene negli incontri di questa settimana con il leader del Giappone Shinzo Abe. Questo, anche perchè esortato dagli ambientalisti a fare pressione su Tokyo per fermare la caccia di questa stagione.

Un  flotta baleniera giapponese è salpata questo mese per l'Antartide in una missione per riprendere la caccia dopo una pausa di un anno, innescando una "forte" protesta formale da 33 paesi, guidati da Australia e Nuova Zelanda.

Da Melbourne è salpata anche la nave Steve Irwin di Sea Shepherd, sulle tracce della flotta baleniera giapponese che intende uccidere 333 balenottere minori nell'oceano Antartico, nonostante un ordine della Corte internazionale di giustizia per porre fine alla caccia.

"Ci sono persone provenienti da tutto il mondo, tra cui il Giappone, a bordo delle nostre navi, persone non remunerate che hanno solo una comune passione per dare al pianeta una sorta di sper…